Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2011

L'energia nucleare prossima ventura

Immagine
Mentre in Giappone i tecnici della centrale nucleare di Fukushima tentano di ripristinare i sistemi di raffreddamento per fermare la reazione nucleare tra le barre scoperte sempre più arroventate, e in attesa di vedere come andrà a finire la questione sull'energia nucleare che tanto preoccupa il mondo dopo la mazzata giapponese, c'è chi, come Carlo Rubbia, guarda avanti, adocchiando altri materiali. 

Lo scienziato, che in questi giorni ha inaugurato il progetto "Icarus", sullo studio dei neutrini, collocato nei laboratori sotterranei del Gran Sasso, a proposito di Fukushima, ha detto che i problemi che si stanno riscontrando sono molto più classici, e più che il plutonio, sono il cesio, lo iodio, lo stronzio... materiali che si producono ogni qualvolta si produce una reazione nucleare.

Per il nostro premio Nobel, le energie rinnovabili non sono sufficienti da sole al fabbisogno ma invita alla riflessione sulle politiche energetiche e ricorda che la popolazi…

L'accerchiamento d'Israele tra le rivolte in corso

Immagine
Quella parte di mondo infiammata dalle grandi manifestazioni di protesta che chiedono più libertà, sta cambiando il volto dell'Africa e del Medio Oriente.

Adesso, manca solo una insurrezione popolare in Arabia Saudita, sinora sventata grazie ad un imponente impiego delle forze armate, che sono riuscite a soffocare il tentativo di mettere in scena una grande protesta di massa l'11 marzo, alla quale hanno preso parte anche molte donne saudite che sono trattate come bambini e non possono guidare o votare e hanno bisogno dell'approvazione maschile per poter lavorare e viaggiare...  per completare l'accerchiamento all'odiato stato d'Israele.  

Dopo Tunisia, Egitto e Libia, dove il cambiamento è stato radicale (un po' meno in Marocco e Algeria), e dopo le vampate nello Yemen, il cui presidenteAli Abdullah Saleh ha cooperato strettamente con gli Stati Uniti nella battaglia contro al-Qaida,e il Bahrein, che ospita la V Flotta degli Stati Uniti, dove  s' inaspri…

Acqua: la sfida di Dhaka

Immagine
E' il bene più prezioso della vita ed ora scarseggia. Per questo si chiama oro blu. Sull'acqua, tanto cara a tutti, si è parlato molto di recente durante la Giornata mondiale ad essa dedicata.
AWashington, nel corso dell' Environmental Film Festival sono stati presentati dei film-documentari che ritraggono una serie di conflitti per l'acqua e gli sforzi per poter sostenere questa risorsa. L'obiettivo nel presentare questi film, dice Peter Sawyer, coordinatore del progetto presso il Pulitzer Center on Crisis Reporting, è quello di condivider con un pubblico più vasto, le questioni urgenti che circondano la sicurezza idrica. 
Il primo documentario è intitolato "Dhaka’s Challenge" del regista Stephen Sapienza, che esplora una delle città in più rapida crescita in Asia. Dhaka è la capitale del Bangladesh, che attualmente conta 15 milioni di persone, di cui un terzo vivono nelle slums (baraccopoli), dove è molto limitato l'accesso all'acqua potabile e a …

Light sweet, il petrolio libico

Immagine
Il light sweet crude oil è un petrolio considerato "dolce"se contiene meno dello 0,5% di zolfo, rispetto al più alto livello di zolfo nel petrolio greggio; esso contiene solo piccole quantità di solfuro di idrogeno e anidride carbonica. L'alta qualità lo rende quindi molto pregiato, ed è comunemente utilizzato per essere trasformato in benzina ed ha una forte domanda, in particolare nei paesi industrializzati.
Ebbene, il petrolio libico è "light sweet", un greggio dolce, senza zolfo, di ottima qualità, con ottima resa per i carburanti tanto che per produrlo sono state tarate le raffinerie in un certo modo. La Libia, alla stregua di Nigeria, Algeria, Kazakhstan e UK-Brent, produce un petrolio di ottima qualita' povero di zolfo ("light, sweet crude"), che permette in altri termini di ottenere piu' benzina e gasolio per unita' raffinata.
Come è stato detto qualche sera fa a TGZERO, esso permette una raffinazione meno complessa e la Libia ne…

L'operazione in Libia in principio si chiamava...

Immagine
In principio si chiamava South Mistral, poi i francesi l'hanno chiamata Harmattan, mentre gli inglesi preferivano Ellamy. Finchè è stato deciso dal Pentagono di chiamarla Odissey Dawn, però in una coalizione con la leadership francese, ovviamente, non è vista di buon occhio da Italia, Turchia, la quale si è offerta come mediatore per raggiungere il prima possibile un cessate il fuoco tra le parti in Libia, e Germania, che ha preferito addirittura tirarsi fuori. 

La si è voluta allora far diventare una operazione umanitaria (???) più corposa, senza padri padroni, e adesso si è deciso che tutte le operazioni saranno sotto un'unica bandiera, quella della Nato, il che garantisce un quadro chiaro, più definito, più collaudato, garantendo quindi efficienza e trasparenza nelle operazioni. 

La Nato quindi farà rispettare la risoluzione Onu 1973, che si prefigge di proteggere i civili e li proteggerà attraverso l'embargo sulle armi, da far rispettare via mare (compito delicato per l&…

Solarball, la brillante idea d'un giovane laureato

Immagine
Si chiama Solarball, e l'ha inventato e sviluppato un laureato in Disegno Industriale della Monash University(Australia)Jonathan Liow, il quale ha deciso di usare la sua capacità di design nell'aiutare gli altri.  
L'idea di Solarball, il giovane la ebbe nel corso di un viaggio in Cambogia nel 2008 nel vedere l'immensa carenza di prodotti di uso quotidiano che noi occidentali diamo per scontato. Quell'esperienza, infatti, ha poi convinto Jonathan Liow nella necessità di aiutare i 900 milioni di persone in tutto il mondo che non hanno accesso ad acqua potabile. 
Oltre due milioni di bambini muoiono ogni anno per cause innescate in gran parte dall'acqua contaminata. Si tratta di un problema crescente in via di sviluppo a causa della rapida urbanizzazione e crescita demografica.

Solarball è un dispositivo semplice, facile da usare, in grado di produrre fino a tre litri di acqua potabile al giorno, ed è costruito con un materiale resistente agli agenti esterni. H…

"Odyssey Dawn": un intervento militare troppo precipitoso

Immagine
Scattata alle ore 17: 45 del giorno 19 marzo l'operazione "Odyssey Dawn", che secondo il Pentagono dovrebbe aver ridotto significativamente la capacità contraerea del regime libico, la cui reazione nella notte è stata rabbiosa ma inefficace, contro il potenziale di fuoco della coalizione.

Alle ore 15 il cielo di Bengasi viene sorvolato da aerei da ricognizione francesi, che colpiscono 4 mezzi blindati libici e la città comincia a sperare.

A disposizione delle operazioni c'è anche il sistema di monitoraggio ambientale italiano, COSMO-SkyMed, per l'osservazione iperspettrale della terra, che integrano le osservazioni radar con osservazioni nell'infrarosso visibile e ultravioletto.

Nel giro di poche ore partono i primi attacchi dei jet francesi e subito dopo, dai cieli e dal mare, si scatena l'inferno. Vengono sparati 118 missili cruise di lungo raggio, i tomahawk, che coi loro bagliori luccicanti hanno illuminato la notte libica e colpito almeno 20 dei 22 ob…

Fukushima: veleni e speranze

Immagine
La mostruosa ondata che ha messo fuori giuoco le pompe di raffreddamento, è stata la causa principale di questo immane disastro nucleare in terra di Giappone. Da ciò che dicono gli esperti, su quanto realmente sta accadendo nella centrale nucleare di Fukushima, la situazione è molto critica, sebbene, in un gesto molto irresponsabile,  il portavoce del governo nipponico abbia affermato, che non ci può essere un rischio Chernobyl, perchè la struttura di contenimento(che è vecchia di 40 anni ed è soggetta a fratture, a corrosione), è ancora a posto.
Sul banco degli imputati c'è però la Tepco ( Tokyo Electric Power Company) la compagnia privata quotata in Borsa che gestisce la centrale, e che in passato è stata accusata di aver falsificato i risultati dei 45 test di sicurezza che devono fare regolarmente sulle strutture di contenimento. 

AUGURI, ITALIA!

Immagine
PER I 150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA
Per te, Italia!
Affinchè il nostro bel Paese sappia trovare in sè la grande forza d'un passato storico e glorioso, che sia da sprono ad uno slancio più incisivo nel mondo moderno, più congeniale alle sue straordinarie capacità.
AUGURI ITALIA

e altri 150 anni da onorare...

A quando la fusione nucleare?

Immagine
Dopo il terremoto  e lo tsunami che hanno sconvolto il Giappone, e che hanno dato vita al grande pericolo nucleare, oggi più che mai, in un mondo che nei prossimi tre decenni si avvia ad un aumento del consumo globale di elettricità pari al 160 per cento, serve rinnovare le tecnologie esistenti per il carbone, se non si vuole immettere in atmosfera una quantità di anidride carbonica pari a quella che vi abbiamo immesso sin dalla Rivoluzione industriale, modificando il clima in modo catastrofico. E naturalmente, sviluppare ulteriormente le energie alternative, sebbene anche loro abbiano dei limiti.

Affidandoci oggi alla scienza per salvare l'umanità, tenendo presente che le tecnologie  odierne non sono sufficienti a fermare il degrado del nostro pianeta, è la sola via che ci resta. Ecco dunque che dobbiamo impegnarci, attraverso la ricerca, sullo sfruttamento delle maree e dei venti di alta quota, su organismi geneticamente modificati per la produzione d'idrogeno …

La marina statunitense affronta un nuovo nemico: il cambiamento climatico

Immagine
I cambiamenti climatici potrebbero sorprendere la marina statunitense nelle infide acque del mondo. Pertanto, dovrà alzare la sua posta, nella partita in corso contro un disgelo artico prossimo venturo e preparare le basi costiere per far fronte all'innalzamento del livello del mare, conclude una relazione svolta per la marina dal National Research Council (NRC).  
Il Congresso degli Stati Uniti può ancora mettere in discussione la scienza del cambiamento del clima, ma il Pentagono già pensa che il cambiamento climatico avrà una notevole influenza sull'ambiente e sulla sicurezza futura. Così riporta il Quadrennial Defence Review Report dello scorso anno.
Nel 2009, il capo delle operazioni navali Gary Roughead ha commissionato la NRC di studiare le implicazioni di sicurezza nazionale dei cambiamenti climatici per la US Navy. I risultati di quello studio, pubblicati recentemente, concludono che l'Artide è una sfida chiave per gli Stati Uniti, uno dei cinque paesi che si spart…

Nord Africa e Golfo: là dove eravamo rimasti...

Immagine
Così, mentre il mondo segue trepidante quello che accade in Giappone, dove un forte terremoto, seguito da un mostruoso tsunami e dalla paura dicontaminazione radioattiva, per via dei gravi danni riportati dalla centrale nucleare di Fukushima, ha sconvolto la vita di centinaia di migliaia di persone, e dirottato, inevitabilmente, l'interesse generale... là dove eravamo rimasti, tutti a seguire le vicende riguardanti il desiderio di democrazia nei paesi del nord Africa e del mondo arabo, il rais libico Gheddafi guadagnando terreno nella rivolta in corso nel suo paese, in una delle sue tante infauste decisioni, fa bombardare dai suoi caccia la città di Ajdabiya, a sud di Bengasi.
Mentre i ribelli scorrazzano coi loro Pickup sgangherati e armati di mitragliatrici per le strade sabbiose, aspettando la no-fly zone che non arriva, l'offensiva dell'oro nero diventa ora marcia su Bengasi, capitale della rivolta, dove le truppe del colonnello, abbandonato assieme alla sua famiglia an…

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

Immagine
Purtroppo per il Giappone, il fatto di trovarsi sulla "Ring of Fire", la zona che si estende per tutto il Pacifico dove avvengono circa il 90 per cento dei terremoti nel mondo, lo rende estremamente vulnerabile, sebbene, con tre terremoti al giorno, abbia saputo fare dell'ingegneria antisismica il suo fiore all'occhiello.  Tuttavia, il fatto  che abbia chiesto aiuti internazionali, fa pensare alla gravità di quello che è accaduto sin da quando da noi era l'alba dell'11 marzo. Il piano di soccorso internazionale è scattato subito mettendo in gioco centinaia di navi, automezzi, elicotteri.

Il terremoto, corretto a magnitudo 9 anzichè 8,9, è stato generato dalla rottura di una falla di 500 km di lunghezza.  Tecnicamente, nel Ring of Fire attorno al Pacifico, la placca pacifica, in un processo che si chiama subduzione, fenomeno geologico che ha un ruolo chiave nella teoria della tettonica delle placche, è stata scossa al di sotto della placca nordamericana.  Per …

La Blue Economy sbarca in Italia

Immagine
Ogni azione fatta dalla natura non si pò fare con più brieve modo co' medesimi mezzi. Date le cause la natura partorisce li effetti per i più brievi modi che far si possa.
Leonardo da Vinci,Codice Arundel, 1478/1518
Dopo la Green Economy, sulla quale è piombata inesorabilmente la mano di grandi affaristi, in quanto essa richiede alle aziende di investire di più per salvare l’ambiente, nasce per mano di Gunter Pauli, imprenditore e fondatore della rete internazionale di scienziati, studiosi ed economistiZERI((Zero Emission Research Initiative), la Blue Economy, che lo stesso Pauli ha presentato recentemente a Roma, presso la fondazione Aurelio Peccei,  organizzato insieme a WWF in collaborazione con UniCredit, per spiegare come si può intraprendere il business ad impatto zero. Il suo credo viene snocciolato attraverso il libro che ha scritto, appunto, Blue Economy, che offre una serie di progetti capaci di far uscire il mondo da una crisi economica, sempre più difficile da gestir…

Mentre là in centro io respiro il cemento...

Immagine
"Mio caro amico" disse, "qui sono nato e in questa strada io lascio il mio cuore! Ma come fai a non capire... E' una fortuna per voi che restate a piedi nudi a giocare nei prati mentre là in centro io respiro il cemento..."

Chi non ricorda le parole di questa canzone del lungimirante Adriano Celentano? Sono passati 45 anni da quando Il ragazzo della via Gluck fu cantata al Festival di Sanremo, dove venne per giunta  eliminata, e oggi il cemento la sta facendo da padrone.

Si prevede che la domanda mondiale di cemento aumenterà del 4,1 per cento all'anno fino al 2013. Gli utili saranno alimentati da crescenti investimenti in infrastrutture nei paesi in via di sviluppo e dai migliori mercati nelle aree sviluppate. Il cemento mescolato aumenterà la sua posizione dominante sul cementoportland. Il calcestruzzo preconfezionato rimarrà la presa più a crescita rapida.

Ebbene, ogni anno in Italia vengono cancellati dal cemento, che costituisce sicuramente il materiale …

Diritto all'acqua per gli indiani d'America

Immagine
Più del 10 per cento della popolazione degli indiani d'America non ha accesso all'acqua potabile pulita o allo smaltimento delle acque reflue di sicurezza, ha detto un funzionario Onu.

"Richiedo un azione legale per cambiare lo stato delle tribù non riconosciute e denuncio per consentire a tutti gli indiani americani di guadagnare il rispetto, i privilegi, la libertà religiosa e il diritto alla terra e all'acqua per cui  sono autorizzati " ha precisato l'esperta sulla questione dei diritti umani collegati all'acqua, la portoghese Catarina de Albuquerque.

A seguito di uno studio effettuato negli Stati Uniti,la de Albuquerqueha riscontrato che almeno il 13per cento della popolazione degli indiani d'America non ha accesso all'acqua potabile o allo smaltimento delle acque reflue.
Ciò è in forte contrasto con l0 0,6 per cento riportato da altre famiglie.


"L'accesso all'acqua e ai servizi igienici", ha detto l' avvocato portoghese d…

L'alba del nuovo impero - 4

Immagine
Quanto sta accadendo in Nord Africa, ma anche nel Medio Oriente e nella penisola arabica, dove la rivolta del popolo ha infiammato le piazze e le strade di molte capitali, è senza dubbio una vicenda epocale di proporzioni  gigantesche che, per la sua imprevedibilità, ha spiazzato l'intera comunità mondiale, oltre che il sottoscritto blogger, impegnato nella stesura de "L'alba del nuovo impero", da cui però prende spunto per farne, almeno nella prima parte del presente post, il prologo ideale a tutto il discorso che si sta facendo da un po' di tempo.

Questa rivolta dei poveri che chiedono dignità e pane, è nata in Tunisia nel momento in cui un giovane ambulante, che vendeva frutta e verdura per le strade col  suo carrettino, si è trovato a dover discutere con dei zelanti tutori dell'ordine, i quali servendosi di regolamenti, multe e vessazioni lo hanno condotto a compiere l'estremo sacrificio, appiccandosi fuoco con  la benzina e morendo così tra atroci so…

Libia: almeno questo, noi italiani sappiamo farlo bene!

Immagine
Mentre gli USA tentennano nell'applicare la "no fly zone", anche perchè bisognerebbe neutralizzare l'artiglieria antiaerea libica - e questo varrebbe già come un'azione militare, c'è il timore di far sprofondare la Libia nel caos trasformandola in una gigantesca Somalia. 

Da Il Cairo i ministri degli esteri della Lega Araba avvertono che nessun intervento straniero sarà tollerato ma si potrebbe applicare una zona d'intermediazione aerea in Libia assieme all'Unione africana.
Intanto navi da guerra di vari paesi occidentali si dirigono verso la Libia. Tra esse, 3 navi americane, il cacciatorpediniere USS Barry, attualmente nella parte sud occidentale del Mediterraneo, e le navi d'assalto anfibio degli Stati Uniti  la USS Kearsarge (nell'immagine) e la [USS] Ponce che hanno raggiunto il Mediterraneo attraverso il Canale di Suez per posizionarsi al largo delle coste libiche- compresa la sua capitale, Tripoli.

Più di 200 anni fa, i Marines si sono…

Vento a volontà sulle grandi navi da trasporto

Immagine
La Cargill Ocean Transportation, un nome importante nel mondo del trasporto commerciale marittimo, ha annunciato che, per ridurre le emissioni di gas serra associate alla spedizione dei suoi prodotti, farà la più grande  installazione di un sistema di propulsione a vento (un grande aquilone) SkySails su una delle sue navi da carico tra le 25.000 e 30.000 tonnellate di portata lorda.
L'azienda ha collaborato con SkySails GmbH & Co. KG (SkySails) di Amburgo, in Germania, per installare un aquilone controllato dal computer è progettato per volare a prua della nave, utilizzando il vento per spingere in avanti la nave, riducendo così il consumo di carburante anche del 35 per cento in condizioni climatiche ideali.
L'aquilone misurerà 320 metri quadrati e volerà a prua della nave ad una altezza di 100-420 metri. La sua traiettoria di volo sarà controllata da un sistema automatico, e lo stesso aquilone sarà lanciato e recuperato tramite una torre telescopica attrezzata sul verricel…