Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2011

Là dove l'acqua scarseggia

Immagine
La maggior parte delle nazioni con penuria d'acqua sulla Terra si trovano in Medio Oriente e in Nord Africa, proprio in quei luoghi attualmente al centro di una storica ondata di agitazioni. Se si aggiunge poi l'aumento della popolazione e dei costi alimentari ed energetici, i guai sembrano inevitabili.

Ma cosa accadrà nel mondo arabo quando l'acqua a disposizione sarà sempre meno?

L'acqua è la sostanza stessa della vita, e una analisi ad alta risoluzione della maggior parte dei problemi idrici luoghi sulla Terra rivela una nuova e cruda realtà.

Delle 16 nazioni che soffrono di estremo stress idrico, secondo gli analisti di Maplecroft, ogni singolo è nella regione del Mena (Medio Oriente e Nord Africa). Il Bahrain è in cima alla lista di coloro che utilizzano l'acqua molto più di quanta ne ricevono. Altri paesi in crisi, compresa la Libia, Yemen, Egitto e Tunisia, non sono molto indietro. La Siria segue un po' più indietro, con un rischio alto ma non estremo.

Italia: uno spreco alimentare esagerato

Immagine
Il libro nero dello spreco di prodotti alimentari nel nostro paese, frutto di una ricerca di Andrea Segrè e Luca Falasconi, entrambi docenti dell'Università di Bologna, presenta dati piuttosto sconcertanti.

Difatti, secondo lo studio, si gettano via 20 milioni di tonnellate di cibo ancora consumabile che potrebbero dare da mangiare ad una popolazione di 44 milioni di persone.

Lo spreco alimentare costa 12 miliardi di euro. Tutti sprecano: le industrie alimentari, i punti vendita, le famiglie. Ogni famiglia italiana getta via cibo per 454 l'anno.

Sono i prodotti freschi che si sprecano in abbondanza, circa il 35% dei prodotti  acquistati: latte, uova, carne, formaggi. Mentre di pane se ne butta via il 18%, di frutta e verdura il 16% e il 10% degli affettati e dei prodotti in busta, come l'insalata. Anche le mense scolastiche sprecano: dal 13 al 16% dei prodotti alimentari.

Anche i prodotti agricoli che restano nei campi sono uno spreco da non sottovalutare. Se sulle nostr…

Gli Indiana Jones del futuro sono i satelliti a raggi infrarossi

Immagine
Con l'aiuto degli infrarossi, già utilizzati in altre ricerche, sono state scoperte nell'area egiziana di Saqquara, gia famosa per una vasta necropoli, 17 nuove piramidi insieme a migliaia di antiche tombe e di altre strutture edilizie.

Questa fantastica impresa, che vede nei satelliti a raggi infrarossi gli Indiana Jones del futuro, è stata possibile grazie ad uno studio presieduto dall'egittologa Sarah Parcak (nella foto) e dai suoi colleghi dell'Università di Alabama, a Birmingham.

L'indagine completa è stata condotta utilizzando un satellite commerciale della BBC e un altro della NASA, entrambi in orbita a 430 miglia sopra la Terra, che hanno rivelato strade e case dell'antica città di Tanis. Oltre alle 17 piramidi sono state scoperte più di 1.000 tombe, e oltre 3.100 insediamenti abitativi seppelliti sotto la sabbia ma visibili agli infrarossi.

D'ora in poi gli archeologi, sempre con l'aiuto delle nuove tecnologie, potranno impegnarsi in ricerche…

Che succede se una nazione insulare viene sommersa dalle acque?

Immagine
The Australian Climate Commission avverte che il livello del mare nel mondo potrebbe aumentare di 1 metro entro la fine del secolo. Nella sua prima relazione la Commissione  afferma che il pianeta si va riscaldando più velocemente che mai. Il governo australiano ha accolto con favore questo rapporto poichè è in cerca del sostegno pubblico per la sua proposta sul carbon tax, la tassa ambientale che grava sul contenuto di carbonio dei combustibili.

La Commissione indirizza un forte rimprovero a coloro che mettono in dubbio che le emissioni delle attività umane siano la causa del riscaldamento global e denuncia i tentativi e le intimidazioni verso gli scienziati del clima che sostengono queste tesi.

Ma cosa potrebbe accadere alla sovranità di una nazione che affonda letteralmente nell'oceano?

Questa è una delle domande che cominciano a porsi in molti, specie quelle molte nazioni insulari minacciate dai livelli del mare.

Negli ultimi decenni il livello dei mare è aumentato di millimet…

La via maestra del gas liquefatto

Immagine
Una volta terminato, sarà il più grande oggetto galleggiante del mondo. Stiamo parlando di una piattaforma della Shell progettata per sfruttare i giacimenti di gas naturale offshore.

The Prelude Floating Liquefied Natural Gas (FLNG), che verrà costruito in un cantiere sud coreano, da prua a poppa,misurerà 488 metri di lunghezza e quando sarà completamente attrezzato (saranno utilizzati circa 260.000 tonnellate di acciaio), coi suoi serbatoi di stoccaggio peserà la bellezza di circa 600.000 tonnellate, sei volte tanto quanto le più grandi portaerei.

Posto a 200 km dalla spiaggia più vicina al largo dell' Australia, the Prelude Floating Liquefied Natural Gas (FLNG), produrrà gas dai giacimenti off-shore che sarà liquefatto a bordo, raffreddato a meno di 162 gradi Celsius, riducendo quindi significativamente il volume di stoccaggio di 600 volte.

Il gas naturale liquido sarà trasportato via nave direttamente dall'impianto al cliente, piuttosto che essere liquefatto in un impiant…

Terre rare: il Giappone fa di necessità virtù

Immagine
Dopo essere stato messo in ginocchio dal colossale evento naturale che l'ha colpito lo scorso marzo, il Giappone tenta di rialzare la testa adattandosi subito alle circostanze che la nuova e drammatica realtà gli impone. Fare di necessità virtù, quindi!

Ebbene, questo fiero popolo del Sol Levante, che già negli anni 70 diede prova delle sue straordinarie capacità facendo fronte in modo intelligente ad una grave crisi petrolifera, diventando in breve un nuovo leader mondiale nello sviluppo dell'industria automobilistica, sta provando di sfruttare l'interruzione nell'approvvigionamento di Rare Earth Elementi (REES), sospeso dalla Cina, leader mondiale di terre rare, con il Giappone come il più grande singolo cliente, per via di un battibecco diplomatico lo scorso anno, sostituendolo con il riciclaggio dei rari metalli.

Nel lungo periodo, l'industria giapponese sta collaborando con altre miniere di REES di tutto il mondo per garantirsi un approvvigionamento più affidab…

Il clima monitorato sulla cima più alta del mondo

Immagine
Era stata allestita nel 2008  sul colle sud da dove partono le spedizioni per l'ultimo tratto verso la conquista della cima più alta del mondo, l'Everest. Poi le terribili condizioni meteo a quelle altitudini sull'Himalaya hanno distrutto le apparecchiature del laboratorio in alluminio e vetroa forma di piramide, realizzato dal CNR,  a 5050 metri slm. Ora, però, grazie agli alpinisti delComitato Everest K2 CNR sono stati riparati i danni e duplicato i sensori che misurano pressione, vento, temperatura, umidità e radiazioni solari oltre a potenziare l'accumulo energetico alla trasmissione dati.

Adesso la stazione meteo più alta del mondo ha ripreso a fornire le sue preziose informazioni al sistema di monitoraggio internazionale, coadiuvato dal CNR e dalle Nazioni Unite e coordinato dal Laboratorio della piramide 
situato nella valle del Kunbu ai piedi del Monte Everest. 

Anche nella vicina India si osservano con attenzione e preoccupazione i ghiacciai dell'

Balene: la brutta avventura nelle isole Ebridi

Immagine
Continua la brutta avventura di una sessantina di balene che si erano trasferite dalle acque poco profonde del lago di Loch Carnan, South Uist, nuotando verso sud, ma finendo per sbaglio tra gli scogli di un fiordo delleisole Ebridi in Scozia.

I cetacei si stavano spostando in gruppo nelle fredde acque del nord Atlantico quando sono finiti troppo vicino alla costa. Le onde e le correnti hanno fatto perdere l'orientamento  a  tutto il branco, mandando in tilt il loro noto sistema di comunicazione a base di ultrasuoni, sbattendone una ventina contro gli scogli presso Loch Carnan, provocandogli vasti tagli.

Adesso rischiano di morire arenandosi a riva. I soccorsi sono scattati immediatamente, coinvolgendo un gran numero di animalisti impegnati su tutto il settore nord ovest delle isole scozzesi. Anche il governo si presta al soccorso, dando in dotazione ai soccorritori un natante apposito per seguire i movimenti degli animali.

La preoccupazione è che le balene ferite si spiaggino e …

Un lago a forma di cuore sotto il ghiacciaio

Immagine
L'isola di Spitzbergen, a 1000 chilometri dal Polo Nord, facente parte delle isole Svalbard, Norvegia, è il luogo in cui è custodito lo scrigno per la futura umanità. Si tratta della prima banca al mondo, costruita nel cuore d'una montagna a circa 425 metri di profondità, la cui struttura è nata per resistere a qualunque catastrofe, in cui una impagabile varietà di campioni di sementi vengono conservati e utilizzati qualora la semente corrispondente sarà sparita dalla faccia della Terra.

Questo per dirvi del particolare luogo di cui parliamo. 

Ebbene, in questa preziosa isola, soggetta anch'essa all'aumento delle temperature (nell'Artico quasi 2 milioni di chilometri quadrati si sono aperti al mare), è emerso da sotto un ghiacciaio sciolto, come prova inconfutabile del Global Warming, un singolare lago, quello di Borebukta, la cui forma a cuore, che vedete nell'immagine, tratta daDaily Mail, lascia ben sperare.

Suggestivo, direi! 

Fonte: wattsupwiththat.c…

Guerra alle zanzare e... attenti alle multe

Immagine
Con la bella stagione e sulla spinta dei cambiamenti climatici e della globalizzazione, arrivano le zanzare tigre, che come di consueto da circa 20 anni, trovano nel nostro Paese un habitat naturale, stavolta, portando con se un nuovo pericolo. Difatti, con la complicità di un clima sempre incerto, con schiarite e piogge, questi fastidiosi insetti prolificano a meraviglia e se le temperature dovessero aumentare, quest'anno potremmo fare la conoscenza, per chi non l'avesse già fatta, con una nuova specie di zanzara, l'Aedes aegypti, di cui in passato ne abbiamo parlato molto,  più pericolosa della zanzara tigre, la cui puntura è il miglior vettore di malattie  trasmesse all'uomo.

Per questo le nostre Amministrazioni comunali hanno già avviato massicci piani di controllo e prevenzione. A Roma, per contrastare la zanzara Tigre, sono in atto  la disinfestazione nei tombini e il monitoraggio dei focolai col sistema satellitare. Inoltre, da quest'anno, con una ordinanza…

Cina: quasi a secco lo Yangtze river

Immagine
Mentre tornado e inondazioni imperversano negli Stati Uniti, in Cina il mix del tempo è altrettanto variabile.

Nei giorni scorsi, il vento di sabbia proveniente dal deserto dei Gobi ha invaso la citta di Weihai, nell'est del Paese, nella provincia di Shandong, rendendo necessario uno stato di allerta del vento. Ma non va meglio nel sud, dove terribili inondazioni hanno provocato frane e smottamenti e lungo la costa orientale la siccità ha ridotto il fiume  Yangtze ai livelli più bassi d'acqua dll'ultimo mezzo secolo, mettendo in pericolo la produzione di energia idroelettrica in alcune tra le più grandi dighe nel sud della Cina, tra cui la famigerata Diga delle Tre Gole, il più grande progetto idroelettrico del mondo.

Circa 1.392 serbatoi nella provincia di Hubei hanno i livelli d'acqua troppo bassa per poter essere operativi, tant'è che il livello d'acqua della diga delle Tre Gole è sceso sotto 156 metri, il livello minimo affinchè possa generarsi energia. La…

Il Mit scopre le api antiterrorismo

Immagine
Ancora una volta, lo straordinario insetto che è l'ape, indispensabile per l'impollinazione di molte piante e ampiamente allevata per la produzione del miele, che contribuisce con circa un terzo nella dieta umana, ci lascia basiti d'innanzi la loro grande utilità per noi umani.
Ora si scopre che i loro piccoli pungiglioni possono anche proteggerci dagli attentati con bombe da parte di terroristi.
Lo ha scoperto, come al solito, il MIT (Massachusetts Institute of Technology), dimostrando che i frammenti di proteine ​​nel veleno delle api, giustamente chiamate bombolitins, possono essere usati per rilevare le singole molecole degli esplosivi nitro-aromatici, come la TNT.  Se applicati ai sensori di sicurezza, come negli aeroporti, i bombolitins aumenteranno la sensibilità dei sensori, rendendoli molto più efficaci.
In primo luogo, il team del MIT ha rivestito l'interno di nanotubi al carbonio con bombolitins,  quindi ha poi esposto i nanotubi ai campioni d'aria preleva…

Energia dalla Luna, per non restare al buio

Immagine
Harrison H.Schmitt, il dodicesimo e ultimo uomo a mettere piede sulla luna, sostiene che le miniere di Elio sul nostro satellite risolverebbero la crisi energetica mondiale.
L'ex astronauta di Apollo 17 e ex senatore americano ha un piano modesto per risolvere i problemi energetici che tanto assillano l'umanità. Secondo lui i 15 miliardi di dollari che servono per completare le centrali nucleari sul pianeta, ove molti reattori debbono ancora essere costruiti, sarebbero sufficienti a
Per lui, gli Stati Uniti dovrebbero tornare sulla luna soprattutto per sfruttare le miniere in superficie di Elio 3, il cui isotopo è molto raro sul nostro pianeta.
L'Elio-3, un elemento che viene considerato alla stregua di un carburante non inquinante  del quale il nostro satellite è ricchissimo, è virtualmente assente sulla Terra e può essere prodotto solo artificialmente tramite bombardamento del Litio. L'Elio 3 è in realtà generato come sottoprodotto nelle fasi di manutenzione di armi nu…

Mississippi, la preoccupazione del leggendario fiume

Immagine
IlMississippi, il leggendario fiume che abbiamo imparato a conoscere attraverso la letteratura e la musica nord americana, il fiume delle grandi attraversate, che va a coprire  almeno un terzo del Paese, e che forma un bacino vastissimo, ricevendo anche anche le acque dei fiumi Ohio e Tennessee, oltre ad essere collegato tramite canali navigabili alla regione dei Grandi Laghi, è completamente in piena, tant'è che il presidente Obama ha proclamato lo stato "di disastro federale" per le  aree del Tennessee colpite dall'esondazione.  
La decisione è giunta dopo che il livello del fiume ha superato i 14 mt di altezza a Memphis, Tennessee, capitale del rhythm and blues, una città piena di storia, famosa per essere stata il luogo natio del grande Elvis Presley, dove tanti musicisti hanno cantato ballate e musiche struggenti, e dove la casa museo del re del rock and roll sta rischiando d'essere sommersa, come è accaduto per i 19 casinò costruiti lungo il fiume, riportand…

Candidiamo l'isola di Lampedusa al Premio Nobel per la Pace 2011

Immagine
Poco prima dell'alba di ieri a Lampedusa, un barcone con circa 500 emigrati a bordo, si è infranto sugli scogli davanti al porto. Molti di quei disperati, in fuga da guerre, crudeltà, siccità e mancanza di lavoro, provenienti quasi tutti dall'Africa subsahriana, sono saltati dal barcone, cercando di appigliarsi dove capitava, anche sui corpi degli altri sventurati, sbattendo contro gli scogli e riportando varie escoriazioni sui loro corpi esausti. In tanti hanno pensato che quello fosse l'ultimo giorno della loro vita, quando si sono gettati in  mare e hanno avuto la forza di nuotare sino ad uscire dall'acqua. Grazie però alla tempestività dei soccorsi, con in testa i sommozzatori della Guardia Costiera, altre forze dell'ordine e volontari di associazioni umanitarie, è stata formata una catena umana, che è riuscita a trarre in salvo molti di loro, tra cui donne e bambini.
Tra essi, c'era anche Innocent, il cui primo pensiero, non appena ha toccato terra, è stato…

Nobel e Artico: la querelle tra Cina e Norvegia

Immagine
Secondo AFP report, l'ambasciatore cinese in Norvegia Tang Guoqiang, qualche giorno fa a Bergen, la seconda citta del Paese, ha chiesto che il governo norvegese chieda scusa per l'assegnazione del premio Nobel per la Pace al dissidente cinese Liu Xiaobo. La Cina afferma che il suo rapporto con la Norvegia migliorerà se il governo norvegese si scuserà.

Il governo norvegese ha nominato una commissione indipendente per selezionare i vincitori, e Liu è stato insignito del Nobel per la Pace nel 2010 "per la sua lunga e non violenta lotta per i diritti fondamentali dell'uomo in Cina". Liu è imprigionato in Cina e le autorità cinesi lo considerano alla stregua di un comune criminale.

Le crescenti ambinzioni del Paese del dragone verso la regione artica hanno intensificato l'importanza di un rapporto di cooperazione tra Norvegia e Cina, la quale sta adoperandosi per poter contare di più nel dibattito sulle questioni artiche e ha chiesto lo status di osservatore perma…

Il mammut da un milione di rubli

Immagine
Ne avevano proprio bisogno al Pleistocene Park, nella parte settentrionale russa, della Repubblica di Sakha (Yakuzia), dove è in progetto la creazione di un parco preistorico. 

Quello che ancora mancava per il rilancio in grande stile del museo alla Jurassik Park, che si propone di ricreare le antiche praterie che erano piuttosto diffuse nella regione durante l'ultima era glaciale, era proprio il pezzo più pregiato. 


Circa 10.000 anni fa, le praterie del nord Yakut, noto anche come  Mammoth-tundra, erano popolate da un insieme eterogeneo di specie erbivore di medie e grandi dimensioni, come il mammuth lanoso, cavalli selvatici, renne e bisonti.

Gli scienziati di tutto il mondo devono ancora scoprire il motivo per cui questo vasto territorio ricco di natura selvaggia è quasi scomparso dalla superficie del globo solo da un paio di secoli. 

Adesso, con l'eccezionale ritrovamento di un mammut femmina, con gli arti perfettamente conservati, risalente a decine di migliaia d…

2011: cos'altro deve accadere?

Immagine
Accidenti, chi l'avrebbe mai detto che i primi 4 mesi dell'anno corrente sarebbero stati da brivido! Lo si era detto proprio in questo blog nel post "2011, un anno tutto da svelare"!
Dopo il terrificante terremoto e tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone, e il conseguenziale problema radioattivo scaturito dal danno subito della centrale nucleare di Fukushima; dopo l'operazione "Odyssey Dawn", dove , portaerei, sommergibili, fregate, pattugliatori, caccia eurofighter typhoon F2, tornado, rafale, mirage, aerei radar Awacs con il sostanziale aiuto iniziale di missili tomahawk lanciati dal mare, hanno sconvolto il territorio libico causando, inevitabilmente, la morte di civili; dopo la Beatificazione di papa Giovanni Paolo II (a cui è dedicata questa canzone), giunta in tempi brevissimi al pari di San Francesco d'Assisi; dopo i tremendi uragani americani, quelli scuri che si formano a forma d'imbuto, che negli USA non si vedevano da decenni e …

Corre veloce negli USA il consumo energetico in ambito alimentare

Immagine
Negli Stati Uniti, il consumo di energia di origine alimentare è in crescita, con alcune statistiche allarmanti.

Per produrre cibo per più persone, l'industria alimentare si basa su tecnologie ad alto consumo energetico.  Dal 2002 al 2007, il consumo di energia di origine alimentare è cresciuto quasi dell' otto per cento e tra il 1997 e il 2002, oltre l'80 per cento di 'aumento del consumo annuo di energia degli Stati Uniti era di origine alimentare.

A partire dal 2007, il consumo di energia per il cibo rappresenta per circa il 16 per cento il bilancio energetico totale nazionale, contro il 14,4 per cento nel 2002, secondo il rapporto "Fuel for Food: Energy Use in the U.S. Food System," del Dipartimento dell'Agricoltura, che ha misurato sia l'energia direttamente utilizzata da macchine elettriche e apparecchi (come camion e forno a microonde forni), così come l'energia "incorporata" utilizzata per produrre, conservare e distribuire i pro…

Il nucleare che deve scomparire dalla faccia della terra

Immagine
Il problema delle centrali ad energia nucleare va di pari passo con la tecnologia, negli utimi anni sempre più avanzata. Per cui, pare davvero inconcepibile che vi siano ancora in circolazione reattori nucleari della I e II generazione, risalenti agli anni '70 e '80.

Proprio perchè viene spesso associato alla nefasta esperienza atomica su Hiroshima e Nagasachi, il nucleare civile stenta a imporsi, pur sapendo che l'energia nucleare è pulita e risolverebbe i problemi del pianeta, sempre più alle prese con un effetto serra che si traduce poi in repentini cambiamenti climatici (uragani, siccità, nevicate, nubifragi, piogge, inondazioni...) sempre più d'intensità maggiori.

Purtroppo, finchè in circolazione ci saranno ancora vecchie centrali, si capisce perchè il nucleare venga visto con molta preoccupazione.

Ad esempio, in Pakistan vi sono due reattori principali utilizzati per la produzione di energia : l'impianto di affinamento sulla costa vicino a Karachi (Kanupp)…

Ucciso il principe del terrore

Immagine
"Ora o mai più", disse George Bush Jrnel grigio pomeriggio del 6 ottobre 2001. E cominciò così la campagna statunitense per stanare Osama Bin Laden, già chiamato il principe del terrore, e annientare i suoi complici.

Poi il giorno dopo sono cominciati a piovere dal cielo, lanciati da una nave americana, missili tomahawk, un martellamento continuo sulle roccaforti talebane di Kabul, Kandahar, Jalalabad e tra i tanti missili c'è quello che colpisce in pieno uno dei campi di addestramento di Bin Laden, individuati nei giorni precedenti dall'intelligence grazie anche alle foto scattate da diversi satelliti spia. 

Ma Bin Laden resta vivo e viene ricercato in ogni dove.


Oggi, a distanza di quasi dieci anni dall'attentato dell' 11 settembre, compiuto da 19 uomini sui cieli di New York e Washinghton, che colpirono in maniera spettacolare e fortemente simbolica le torri gemelle  (simbolo del capitalismo statunitense), scioltesi drammaticamente come neve al sole e il pe…