Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2011

Archeobatteri negli oceani: grande fonte di gas serra

Immagine
Negli oceani c'è una fonte di gas serra, organismi unicellulari molto primitivi, i cosiddetti archeobatteri(Archaea), che rappresentano il 35% dei batteri degli oceani.

Questi batteri primitivi sono già riconosciuti come dissipatori di grandi quantità di metano negli ecosistemi bentonici ecosistemi bentonici (costituiti da tutte le specie animali e vegetali che vivono
ancorate a fondi duri, all’interno dei sedimenti o che si muovono in prossimità del fondale).

E' il risultato di uno studio americano pubblicato su "Science". Gli archeobatteri producono quantità significative di ossido di azoto (più degli altri batteri marini) digerendo l'ammoniaca di cui si nutrono. La scoperta è stata fatta in laboratorio.

L'ossido di azoto è uno dei gas responsabili della distruzione dell'ozono in atmosfera. Gli organismi che vivono negli oceani ne producono il 30%.   

Immagine: jackevolv.wordpress.com

E' l'E-Cat l'invenzione che potrebbe risolvere i problemi energetici del mondo?

Immagine
Il "catalizzatore di energia" (E-Cat) è un dispositivo che è stato segnalato da due scienziati italiani in grado di risolvere i problemi energetici del mondo per mezzo di una reazione di fusione nucleare.

Andrea Rossi e Sergio Focardi hanno recentemente sostenuto lo sviluppo di un dispositivo (il "catalizzatore di energia" o "E-Cat") in grado di produrre energia utile da reazioni di fusione nucleare a bassa temperatura. Se fosse per lavorare come riferito, l'E-Cat sarebbe una vera rivoluzione non solo nella scienza, ma anche nella vita quotidiana. Avremmo un semplice dispositivo in grado di produrre un sacco di energia a basso costo senza generare fenomeni di inquinamento significativi e potremmo dire addio alla crisi energetica e al riscaldamento globale.

Purtroppo, ci sono seri dubbi su queste affermazioni.

Nella figura sopra (da un lavoro di Peter Ekstrom) si vede uno dei problemi con la E-Cat: il filo del vapore prodotto dal dispositivo in funzio…

Somalia: le strade della morte

Immagine
Ritorniamo su questo argomento perchè è davvero  inconcepibile che tutto ciò accada nel XXI secolo.

Il mondo non può permettersi di stare a guardare quello che accade nel Corno d'Africa, dove la carestia che ha colpito la regione si aggrava sempre più.

Ieri a Roma Josette Sheeran, direttore esecutivo del United Nations World Food Programme (PAM) ha detto in una conferenza stampa che la combinazione di catastrofi naturali e conflitti regionali ha colpito più di 12 milioni di persone. Tutti i centri in grado di distribuire cibo sono sopraffatti e il campo di Dadaab in Kenya, che è stato costruito per 90.000 persone ora ne ospita 400.000.

Vogliamo verificare, dice laSheeran, che le forniture sono presenti lungo la strada, perché alcune di queste stanno diventando le strade della morte, dove le madri si trovano a dover abbandonare i loro figli che sono troppo deboli per affrontare il viaggio o che sono morti lungo la strada.

I più colpiti, come sempre, sono donne bambini, a rischio di …

Congo e Ruanda: il ritorno dei gorilla nel loro habitat naturale

Immagine
Per lungo tempo il grande bacino del fiume Congo è stato protagonista di conflitti terribili che hanno causato tra Ruanda e Zaire milioni di morti. Ora, per fortuna, vige un periodo di tranquillità e questi paesi stanno collaborando affinchè, grazie alla loro natura particolare, possa rinascere un turismo di qualità. Per cui, adesso, il problema dei cacciatori di frodo, che approfittando dei disordini del passato hanno potuto praticare un maggior bracconaggio oltre che distruggere l'habitat della foresta e sequestrare i gorilla di montagna (ne sono rimasti circa 700), viene affrontato in maniera più convincente.

Un grande risultato è stato quindi il salvataggio di 6 orfani di gorilla femmina di età compresa tra 5-8 anni, sottratti ai bracconieri e curati in una struttura temporanea in Kinigi, Ruanda.  Tutti questi giovani gorilla sono stati vittime del bracconaggio e hanno perso i loro gruppi o famiglie.

In una straordinaria collaborazione di conservazione tra Ruanda e Repubblica…

Hubble scopre una quarta luna attorno a Plutone

Immagine
Il telescopio spaziale Hubble ha scoperto una piccola quarta luna in orbita intorno al pianeta ghiacciato Plutone.

Il telescopio spaziale era alla ricerca di anelli attorno allo stravagante pianeta ai margini del nostro sistema solare, quando si è imbattuto su una piccolissima luna, con un diametro stimato di 8 a 21 miglia, a cui è stato dato il nome provvisorio P4, come la loggia segreta di cui si parla tanto in Italia.

La più grande luna di Plutone è Caronte, con 648 miglia di diametro, seguite dalle altre due lune, Nix e Hydra, grandi all'incirca da 20 a 70 miglia di diametro.

"Trovo singolare che le telecamere di Hubble ci hanno permesso di vedere un oggetto così piccolo in maniera così chiara ad una distanza di oltre 3 miliardi di miglia (5.000 milioni km)" ha dichiarato Mark Showalter del SETI Institute di Mountain View, in California, che ha guidato questa programma di osservazione con Hubble.

L'osservazione di Hubble fa parte dei lavori in corso a sostegno d…

Drammatica cattura di un leopardo selvaggio nel Bengala

Immagine
Un leopardo selvaggio che ha dilaniato 11 persone in uno scontro feroce con gli abitanti di un villaggio indiano è morto dalle ferite riportate da armi da taglio dopo la cattura.

Il ringhiare del leopardo maschio adulto si è scagliato contro la gente del posto e i funzionari della polizia forestale, mentre cercavano di guidarlo verso un santuario di fauna selvatica nell'ovest del Bengala.

La gente del villaggio ha tentato di scacciarlo con coltelli, pietre e bastoni, ma il gattone selvatico è riuscito a ferire sei abitanti del villaggio, un poliziotto e quattro guardie forestali, prima di essere colpito con una pistola tranquillante.

Kanchan Banerjee, guardia forestale del  Sukna Wildlife Range, ha dichiarato: "L'animale si è avventato su una guardia forestale quando cercava di tranquillzzarlo, ferendolo gravemente per poi dileguarsi dal luogo per rifugiarsi nei cespugli in fondo. del villaggio". Poi il leopardo è andato su tutte le furie costringendo gli abitanti s…

Una carestia senza precedenti infierisce sul Corno d'Africa

Immagine
Una grave siccità, la più grave degli ultimi 60 anni, secondo le Nazioni Unite, ha colpito due regioni della Somalia meridionale, il Bakool meridionale e Lower Shabelle. Entrambe le regioni sono sotto il controllo dei militanti di Shebab, legato ad Al-Qaeda, che ha concesso l'ingresso degli aiuti umanitari.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato lo stato di carestia in Somalia, con molte altre regioni a rischio nei prossimi mesi nel Corno d'Africa a causa della siccità che colpisce più di 10 milioni di persone.

Migliaia di somali sono fuggiti per cercare rifugio nella vicina Etiopia e Kenya, dove nel solo campo profughi di Dadaab, il più grande al mondo, ne arrivano 1400 al giorno. Attualmente Dadaab ospita circa 380.000 persone, quattro volte in più della sua capacità originale.

La fame sta minacciando quasi 4 milioni di persone, soprattutto bambini. Ogni giorno ne muoiono 6. Servono oltre un miliardo di dollari per far fronte alla carestia. I paesi colpiti in tutta la regione…

Alla ricerca del corpo di Bin Laden

Immagine
Qualcuno, sembra un ricco saudita, ha contattato sabato scorso Bill Warren, imprenditore e cacciatore di tesori sommersi che si è messo in testa di recuperare il corpo di Osama Bin Laden nei fondali del mare Arabico, per offrirgli la bellezza di ben 20 milioni di dollari per finanziare la sua impresa.

Quest'uomo ha detto a Warren che "il suo popolo pagherà 20 milioni di dollari per il corpo di Bin Laden di modo che possa essere seppellito in terra".

L'uomo, che Warren ha descritto come avente un forte accento arabo, ha detto che lo richiamerà in settimana per comunicargli i dettagli, ma non prima di avere ottenuto una nave e l'elettronica necessaria per l'impresa.

Warren ha fatto dei controlli servendosi di una donna che lavorava con l'Agenzia di Sicurezza Nazionale durante l'era di George Bush la quale gli ha detto che l'uomo che l'ha contattato è probabilmente un saudita o una persona dallo Yemen che ha parlato a nome della famiglia real…

Anche la Terra soffre l'obesità

Immagine
Alla stregua dell'uomo occidentale, la cui piaga sociale è l'obesità, anche il nostro pianeta sta soffrendo della stessa  patologia, anche se per la Terra il problema è un sovraccarico d'inquinamento. Dopo 20.000 anni di snellezza, la Terra sta mettendo su peso ancora una volta grazie al riscaldamento globale e alle sue ripercussioni.

Le enorme lastre dei ghiacciai che si sciolgono in Groenlandia e in Antartide si stanno aggiungendo al volume degli oceani ', con l'acqua in eccesso verso l'Equatore. Questo a sua volta fa ingrassare la Terra in una certa parte, affermano gli scienziati dell'Università del Colorado.

Secondo i ricercatori, durante l'Era Glaciale, in "un generico periodo geologico di lungo termine, la Terra ha subito una riduzione della temperatura della superficie terrestre e l'atmosfera", le lastre di ghiaccio erano spesso almeno tre chilometri. Il loro peso enorme ha portato la superficie della crosta terrestre a deformarsi,…

Sudan del sud: nasce oggi la 196esima nazione sovrana del mondo

Immagine
Il presidente del Parlamento del Sud Sudan ha ufficialmente proclamato l'indipendenza del suo Paese, scattata già a mezzanotte, in una cerimonia ufficiale tenuta nella capitale, Juba.          

Celebrazione della S. Messa e ore di pompa formale e cerimonia hanno segnato la nascita della nuova nazione del mondo: il Sudan del Sud, dopo mezzo secolo di violenza, è diventata la 196esima nazione sovrana del pianeta.
Migliaia di sudanesi del Sud hanno ballato per le strade di Juba, la capitale, per celebrare la loro tanto atteso indipendenza, la separazione dal nord conquistata a fatica (più di 2 milioni di persone sono morte nei decenni di guerra civile tra nord e sud, che formalmente si è conclusa con un accordo di pace globale nel 2005), e un futuro con ancora tante incertezze.

Presenti alla cerimonia, fra gli altri, il segretario generale dell'Onu, Ban Ki- Moon, il Segretario degli Esteri britannico William Hague e l'ex segretario di stato americano Colin Powell e il p…

Per caldo e afa il ministero attiva il numero 1500

Immagine
In previsione della nuova ondata di calore in arrivo nel fine della settimana, il ministero della Salute rende attivo da oggi il numero telefonico 1500.        

Lo stesso ministero ha messo a punto un vademecum con alcune regole per affrontare la calura. Non uscire di casa nelle ore più calde; bere almeno 2 litri di acqua al giorno; consumare pasti leggeri, frutta e verdura; evitare gli alcolici, limitare la caffeina; limitare l'attività fisica intensa; indossare indumenti leggeri; bagnarsi spesso; attenzione alla conservazione di cibi e farmaci.

Saranno attivati dei call center di supporto ai cittadini per affrontare caldo e afa con le misure precauzionali da adottare in caso di problemi e con tutte le informazioni riguardo i servizi attivati da regioni e comuni. Secondo i meteorologi fino a martedì in tutta la penisola sono previste temperature africane bel oltre i 35°, che al nord si alterneranno a piogge e temporali.

E' soprattutto sui cieli delle grandi città che si forma…

Come comportarsi quando ci sono i fulmini.

Immagine
Nell'arco di una vita una persona su tre si trova ad avere a che fare con fenomeni atmosferici quali i fulmini. In Italia ogni anno, tra maggio e novembre, ne cadono 1 milione e 600 mila ed è agosto il mese che ne porta di più, in media 500 mila.

Quando arriva un fulmine, se ci si trova seduti su una panchina con le assi di legno, la mano sul ferro e sotto un albero è meglio cambiare postazione.

Le situazioni più a rischio che possono capitarci sono quando un fulmine arriva su un prato, un albero, un traliccio, il mare, soprattutto in barca, in tenda, al campeggio. Se ci si trova con la macchina in strada, e scoppia un temporale con molti fulmini la migliore cosa da fare è fermare la macchina, spegnere tutto e chiudere tutti i finestrini. In questo caso la macchina ci fa da copertura. Se stiamo per strada sediamoci, accucciamoci, sdraiamoci ma non restiamo in piedi.

Quando si è colpiti da un fulmine si possono riportare danni neurologici, arresto respiratorio, infarto, perdita di …

Prigionieri del Tempo

Immagine
L'anno 2000 del nostro calendario è il 6236 per il primo calendario egizio, il 5760 per il calendario ebraico; il 5119 nel Grande ciclo Maya; il 2749 per l'antico calendario babilonese; il 2753 per il vecchio Calendario romano; il 2544 per calendario buddhista; il 1716 per il Calendario Copto; il 1420 per il calendario Musulmano; il 1378 per il calendario Persiano e l'anno del Dragone, secondo il calendario cinese.
Lunari sono quasi tutti i primi calendari, da quello greco a quello ebraico, con alcune eccezioni, come gli Egizi e i Maya, che di calendari ne avevano addirittura tre e vantavano una precisone maggiore di quella del calendario che gli avrebbero portato i "civilizzati" conquistadores, chiamato giuliano dal suo istitutore Giulio Cesare, un modo di dividere l'anno e calcolare il tempo che avrebbe dominato in Occidente per oltre milleseicento anni, fino al 1582.
Già assai prima di papa Gregorio XIII, Ruggero Bacone, un monaco inglese del XIII secolo, di…

Yellowston: un altro grave disastro ambientale da aggiungere alla lista?

Immagine
La rottura di un oleodotto della compagniaExxonMobil, avvenuta tra Laurel and Billings, nel Montana, che sta interessando in particolar modo il Parco nazionale di Yellowston, il più antico del mondo, simbolo dell'ambientalismo americano, si quello di Yoghi e Bubu che han fatto divertire milioni di bambini e dichiarato dall'Unescopatrimonio dell'umanità, sta subendo un ulteriore disastro ambientale causato dall'oro nero, che bisognerà aggiungere alla lista qui presente.

Per la Exxon, sono 160 mila i litri di greggio riversati nello Yellowstone river, la cui fonte è situata nell'omonimo parco nazionale. Per il governatore del Montana la quantità di greggio riversata nel fiume è molto di più di quella dichiarata dalla Exxon.

Il colosso petrolifero ha assicurato di aver interrotto il flusso di greggio chiudendo la condottura, mentre squadre di tecnici hanno lavorato incessantemente per mettere in sicurezza l'area. Tuttavia, sinora, gli sforzi per ripulire la fuoriu…

Oro del XXI secolo: giacimenti enormi nei fondali fangosi del Pacifico

Immagine
Sembra che il cosidetto "oro del XXI secolo", di cui la Cina ha il monopolio, sia presente in grandi quantità sui fondali fangosi dell'Oceano Pacifico. Ne sono stati scoperti enormi giacimenti.

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature Geoscience, indica una straordinaria concentrazione di elementi delle terre rare nel fango spesso a grandi profondità sul pavimento del Pacifico.

Se così fosse, il monopolio cinese sui metalli delle terre rare potrebbe essere rimesso in discussione. E già questa, in un'epoca tecnologica quale la nostra, è da considerare una gran bella notizia.

La Cina rappresenta il 97 per cento della produzione mondiale di 17 elementi delle terre rare, che sono essenziali per auto elettriche, TV a schermo piatto, iPod, magneti superconduttori, laser, missili, occhiali per visione notturna, turbine eoliche e molti altri prodotti avanzati. Questi elementi portano nomi esotici come il neodimio, il promezio e ittrio, ma nonostante la loro…

Tecnologia e ambiente a Midrand, in Sud Africa

Immagine
L'operatore mobile Vodacom sta costruendo uno dei più verdi edifici commerciali d'Africa, come la sua casa madre Vodafone a Midrand, nella provincia di Gauteng (sud africa), che diventerà un centro d'innovazione tecnologico e  avrà un ruolo importante nel contribuire a ridurre le emissioni di carbonio attraverso l'utilizzo di energie  rinnovabili, così come le batterie.

Il centro sarà la base per sviluppare nuovi modi di utilizzare energia rinnovabile attraverso le reti globali di Vodafone, guardando anche alla riduzione dei costi e all'implementazione di stazioni base.



Immagine: skyscrapercity.com