Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2011

Durban: si prevedono defezioni importanti sulla conferenza del clima

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Con l'avvio dei negoziati sul clima a Durban, l'attenzione è focalizzata sul probabile ruolo dei gruppi dei paesi importanti. L'esito della conferenza sul clima delle Nazioni Unite sarà in gran parte decisa dal gioco di forze tra il Basic (Brasile, Sud Africa, India e Cina), gruppo formato due anni fa, l'Unione europea, e The Umbrella Group dei paesi sviluppati, guidati dagli Stati Uniti e composto da Russia, Giappone, Canada, Australia e altri che si oppongono ad impegni giuridicamente vincolanti sul clima.

Per il primo di questi gruppi sono fondamentali tre punti: la pressione sui membri di intraprendere gli impegni vincolanti nell'immediato futuro (che si oppone a causa del suo status in via di sviluppo), il destino del Protocollo di Kyoto, l'unico efficace accordo legale sul clima e le prestazioni dei paesi sviluppati del nord del mondo per quanto riguarda i loro impegni per finanziare le azioni climatiche nel sud.

Le …

Proteste a perdifiato al vertice sul clima di Durban

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Grande movimento di protesta su questo vertice sul clima di Durban che si è aperto all'insegna dell'incertezza. Il timore è che l'argomento clima sia accantonato dai governi, più impegnati con la crisi economica che con quella climatica.   

Oltre a "Occupy COP 17", di cui abbiamo fatto cenno nel post precedente, anche i membri della Trans African Caravan of Hope (nell'immagine), una campagna sulla giustizia climatica, prendono parte a una protesta davanti la sede COP17 a Durban. Quasi 200 nazioni hanno cominciato i colloqui sul clima globale, con una rincorsa contro il tempo per salvare il Protocollo di Kyoto volto a ridurre le emissioni di gas serra.

E la crisi incombe sul "green fund", ovvero sui 100 miliardi di dollari all'anno promessi ai Paesi poveri per tagliare le emissioni e sul prolungamento del protocollo di Kyoto, in scadenza nel 2012 e mai firmato dall'America, tant'è che ha indotto i…

Da oggi il clima a giudizio nella Conferenza di Durban

Immagine
Dal nostro inviato a Durban John Keyman

Posta sulla costa orientale del Sud Africa, affacciata sul caldo Oceano Indiano, e avvolta da un clima tropicale, che ne fa uno dei luoghi più belli per trascorrere l'inverno, la città di Durban  si affaccia su una lunga spiaggia dorata che è probabilmente il punto più meticcio dell'intero continente.

Qui è facile scorgere  famiglie di ogni colore, eleganti matrone passeggiare sulla sabbia, surfisti che si divertono come matti tra le onde e bancarelle che vendono l'acqua del mare, a loro parere terapeutica, in bottiglie colorate, ma anche impiegati e manager, che se fino a poco prima vedevano la città con un senso di frustrazione dalle finestre dei loro uffici, ora se ne vanno in giro per le strade per una corsa veloce all'ora di pranzo e poi gettare la cravatta e la giacca , fornirsi di una pagaia e andare felici per mare.

Durban è in realtà tutta sulla spiaggia. E 'sede dell'unico museo di navigazione del Su…

L'Impronta dell'acqua per le aziende

Immagine
La crescente scarsità di acqua in varie parti dell'Africa sta generando un imperativo per le imprese affinchè comprendano meglio le loro "impronte operative dell'acqua".

Si prevede che il cambiamento climatico e la crescita della popolazione possano diventare barriere critiche alla produzione commerciale. A livello globale, la domanda d'acqua si pensa oltrepassi la disponibilità di un incredibile 40% entro il 2030, e questa situazione sarà ben peggiore in Africa, dove l'urbanizzazione e  un migliore tenore di vita aggiungerà  pressione su questa risorsa limitata.

In realtà. in molti punti caldi del continente nero il futuro è già arrivato.

Sono ormai molte le grandi città che si affidano sui rifornimenti in diminuzione delle scorte di acqua freatica. Entro il 2025 ben 230 milioni di persone dovranno affrontare la scarsità d'acqua e altre 460 milioni saranno paesi con punti critici di rifornimento.

Il Rapporto globale  2010 Carbon Disclosure Project sull&…

Global warming: così è se vi pare!

Immagine
Riscaldamento globale si, riscaldamento globale no! Non si capisce più nulla!

Nonostante i cambiamenti climatici stanno cambiando le stagioni, il ritmo delle nostre abitudini, il raccolto dei nostri campi agricoli, la salute della popolazione urbana... in campo scientifico e non, i pareri restano tuttora diversi. Quanto segue è un articolo preso su Internet, uno dei tanti che affrontano il tema del global warming, che però pone le cose in un modo piuttosto chiaro.

Il fenomeno del riscaldamento globale, altamente controverso, spesso scientificamente fraudolento, inghiottito dai governi creduloni ha già perso miliardi di dollari e presto distruggerà tutto il commercio.

L'IPCC (  Intergovernmental Panel on Climate Change ), istituzione per eccellenza nel campo dei cambiamenti climatici, è falsa, ha ignorato l'energia UV, gli strati di ozono e i cambiamenti, i venti solari e il vapore acqueo che crea le nuvole e l'energia e impedisce il congelamento degli oceani, evitando di …

Nazioni Unite: attenzione all'uso degli idrofluorocarburi

Immagine
In un rapporto delle Nazioni Unite  diramato oggi si pone l'attenzione sull'uso (in ascesa) dei gas artificiali utilizzati nei frigoriferi, nei condizionatori d'aria e negli estintori il cui uso rischia di accelerare il riscaldamento globale e si consiglia l'industria di adottare soluzioni alternative.

Nella previsioni più terribili, a meno che i governi e l'industria agiscano per limitare la crescita, le emissioni annue di idrofluorocarburi, o HFC (CFC), entro il 2050 ammonterebbero a pompare quasi 9 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nell'atmosfera - circa un terzo delle emissioni di CO2 del genere umano ora.

In media, gli HFCs sopravvivono nell'atmosfera per 15 anni e sono circa 1.600 volte più potenti nell'intrappolare il calore nell'aria di CO2, sottolineando un allarme crescente su questi composti.

Combinati con la rapida crescita delle emissioni di CO2 da combustibili fossili, questo renderà ancora più difficile per l'uman…

Cominciamo bene! Però poi...

Immagine
Stamane presto accendendo la TV ho dato un'occhiata alle notizie riportate su Televideo nel corso della della notte.
Le prime parole che mi sono venute in mente sono state: "Cominciamo bene!".

Ho letto quanto stava accadendo a New York, dove una marea umana di giovani di "'Occupy Wall Street" si muove verso il Ponte di Brooklyn ben determinati a far valere le proprie ragioni, che sono poi quelle di un mondo che respira, lavora e si affanna soprattutto per dar lavoro ai grandi Istituti di credito e alle società di Rating senza occuparsi invece  sul serio del loro futuro.

Poi ho letto quanto ha detto il segretario della Difesa Usa, Leon Panetta a proposito di un eventuale attacco contro l'Iran che potrebbe danneggiare l'economia mondiale e della gaffe che ha fatto affermando che India e Cina sono minacce per gli Usa, con la corresione rapida del suo portavoce che ha aggiunto  "Non minacce militari".

E ancora, stavolta in Messico, dove Il pr…

La Mongolia crea un ghiacciaio artificiale per raffreddare la calura estiva della sua capitale

Immagine
Nel tentativo di combattere gli effetti del cambiamento climatico, la Mongolia sta imbarcandosi in uno dei più grandi esperimenti di ice-making del mondo.

La sua capitale Ulan Bator spenderà oltre 725 milioni di dollari per costruire un ghiacciaio artificiale - o più precisamente, un aufeis artificiale o naled (il ghiacciosi forma quandol'acquada una sorgenteo ruscelloemerge e sibloccasulla parte superiore delghiaccioprecedentemente formato) - sulla cima di un fiume durante l'inverno. Il grande blocco di ghiaccio contribuirà a raffreddare la città durante la calura estiva oltre a fornire acqua potabile e l'irrigazione quando si scioglie. I funzionari di Ulan Bator si  augurano che questo possa ridurre la necessità di aria condizionata, e quindi la domanda di energia.

I Naleds e i ghiacciai sono entrambi grandi masse di ghiaccio, ma mentre i ghiacciai si formano attraverso l'accumulo di neve, i naleds sono solidificate nelle acque freatiche. Una società di ingegneria mon…

Lo spionaggio nel global warming

Immagine
La CIA ha una speciale unità operativa che si occupa del cambiamento climatico, di cui se ne parla qui, che non vuole che nessuno sappi. Ora, avendo chiaro in mente che nel corso dei prossimi decenni, le estati artiche dovrebbero diventare libere dai ghiacci, creando così un altro oceano (ricchissimo di risorse naturali) per la Marina Militare da tenere conto nella sua pianificazione a lungo termine, il comitato consultivo di scienza del Dipartimento della Difesa raccomanda il governo di creare un altro nuovo gruppo di intelligence dedicato ai cambiamenti climatici.

Un nuovo rapporto dal Defense Science Board, un comitato istituito per dare consigli al segretario della Difesa, prevede la creazione di un'unità all'interno del DOD (Department of Defense) che  "si concentri sugli effetti del cambiamento del clima sugli sviluppi politici ed economici e sulle loro implicazioni per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti"

Questo nuovo programma di intelligence avreb…

Global warming: due secoli in due minuti

Immagine
Questo inquietante video portato in rete da The guardian, documenta il riscaldamento globale dal 1800 fino al tempo attuale.

L'indicatore più importante del riscaldamento globale è visto nei cambiamenti dell'annotazione della temperatura sulla superficie del mare e della terra. Questo metodo è stato criticato in  in vari modi, compreso la scelta delle stazioni e dei metodi per la correzione degli errori sistematici

Ma il Berkeley Earth Surface Temperature, autore dello studio, sta affrontando le critiche di precedenti studi di analisi di temperatura, e sta preparando uno studio che permetterà una rapida risposta a'ulteriori critiche o suggerimenti.

In questo studio, il gruppo  Berkeley Earth Surface Temperature sta utilizzando oltre 39.000 stazioni uniche, che sono più di cinque volte le 7.280 stazioni trovate nell'insieme di dati mensili della Global Historical Climatology Network Monthly data set (GHCN-M)  che ha servito come riferimento su molti studi sul clima.
I…

Lo sviluppo dei paesi emergenti e l'acqua sempre più scarsa

Immagine
Le potenze economiche emergenti, diventati in pochi anni i nuovi paesi energivori, che divorano l'energia per svilupparsi, come Cina, India, Indonesia, Corea del sud...  cominciano ad affrontare il problema dell'approvvigionamento energetico rimettendo in discussione i vecchi equilibri economico sociali che sono resistiti per decenni.

Se ne è parlato Milano al Forum organizzato dall'osservatorio Asia

Assistiamo quindi ad una conquista sociale che impone però un uso più razionale delle risorse.

In Cina, ad esempio, le aziende che fanno un uso efficiente dell'acqua sono meglio posizionate di chi attua un'economia sempre più a rischio aggravata dalla mancanza di acqua. Infatti, nove delle 31 province cinesi soffrono di scarsità d'acqua estreme e 11 sono molto inefficienti nelle risorse idriche. Le economie di 14 province potrebbero essere a rischio di stress idrico, in quanto si basano molto sulle industrie manifatturiere.

Il governo lo ha riconosciuto e ha rispos…

Riscaldamento globale: game over?

Immagine
Nella spasmodica rincorsa di avere l'energia, mettendo da parte l'energia nucleare poichè le sue centrali e il trattamento delle scorie radioattive potrebbero incontrare dei grossi problemi (il Giappone ne è testimone), il mondo  si ostina a costruire a ritmi sostenuti centrali a combustibili fossili, fabbriche ad alto consumo energetico ed edifici inefficienti e nei prossimi cinque anni diventerà impossibile controllare il riscaldamento globale ai livelli di sicurezza.

E'  l'ultima possibilità di lotta contro i pericolosi cambiamenti climatici pericolosi sarà "persa per sempre". Questo, secondo un'analisi ancora più approfondita delle massime autorità mondiali in materia energetica, sulle infrastrutture energetiche del mondo. Se l'infrastrutture dei combustibili fossili non cambierà in maniera rapida (nei prossimi 5 anni) i risultati possono essere disastrosi e il mondo avrà perduto per sempre' la possibilità di evitare pericolosi cambiame…

CO2, se ne produce troppa, per fortuna le persone anziane...

Immagine
L'emissione di anidride carbonica è aumentata nel 2010 del 5,9% rispetto al 2009 arrivando a un livello mai raggiunto prima nel mondo: 33,5 miliardi di tonnellate.                        

Lo afferma un rapporto del dipartimento dell'Energia Usa, aggiungendo che i maggiori responsabili sono Usa e Cina, che da soli coprono metà della CO2 aggiuntiva emessa.

Il livello complessivo raggiunto nel 2010, spiegano gli autori dello studio, è più alto di quello usato dalla commissione internazionale di esperti sul clima (Ipcc) per descrivere lo scenario peggiore del cambiamento climatico.

La Oak Ridge National Laboratory (ORNL) ha diffuso i dati che mostrano un aumento enorme delle emissioni di anidride carbonica dal 2009 al 2010. Inoltre, consulenti del Pricewaterhouse Coopers (PwC) in una analisi dimostrano che le emissioni di gas serra sono aumentate oltre la crescita economica.

I dati ORNL mostrano una crescita molto più elevata nei paesi in via di sviluppo che nel mondo sviluppat…

YU55, l'asteroide più grande mai passato così vicino alla Terra

Immagine
E' la prima volta dal 1976 che un oggetto così grande passerà tanto vicino al nostro pianeta. Si tratta dell'asteroide Yu55 in rotta di incontro ravvicinato con la Terra

Gli astronomi sperano di conoscere meglio la composizione chimica dell'asteroide quando passerà domani notte dentro l'orbita della luna. Tutti gli astronomi del mondo hanno preparato i loro telescopi per assistere all'evento.

Gli scienziati dicono che l'asteroide, che ha una larghezza di circa  400 metri più o meno sferica, passerà dentro l'orbita della luna a 198,000 miglia (319,000 km) dalla Terra alle 23.28 GMT. Questo è l'oggetto più vicino alla Terra che mai sia stato seguito. Secondo le informazioni l'asteroide transiterà su New York intorno alle 6:30" di sera, ora di New York ....

Purtroppo ci sono un paio di fattori che lavorano contro una buona osservazione in quanto YU55 è un asteroide molto scuro. Un asteroide di tipo C, il che significa che è composto da materiale …

Le meduse ed altre creature marine influenzano il clima

Immagine
Secondo i ricercatori del Woods Hole Oceanographic Institute le meduse e altre creature marine possono avere un impatto significativo sul clima in quanto mescolano l'acqua degli oceani, aumentando la velocità con cui il calore può viaggiare attraverso l'oceano. E questo andrebbe a influenzare il nostro clima.

Il dr. Kakani Katija Young e i suoi colleghi del Woods Hole Oceanographic Institute lo scrivono sul  Journal of Visualized Experiments.

La controversa teoria fu proposto nel 2009 dagli scienziati del California Institute of Technology. Kakani Katija  Young e la sua squadra all'istituto oceanografico è giunto a questa ipotesi in base alle osservazioni del 2009 per mezzo di un'apparecchiatura subacquea autonoma di Velocimetry (SCUVA). SCUVA è utilizzato sott'acqua di notte per illuminare gli animali come le meduse e le particelle intorno ad essi, e mostra come si muovono le acque intorno a loro quando nuotano. 

Ora, un nuovo dispositivo illumina le minusco…

Morte nel deserto e traffico di organi umani

Immagine
Nel nostro mondo, noi combattiamo ogni giorno contro le tasse troppo alte, la disoccupazione, il precariato, le ingiustizie sociali, il costo della vita sempre più caro... ma tutto questo non è nulla a quello che succede a tanti disgraziati provenienti dall'Africa. Ne abbiamo già avuto prova nei mesi scorsi, nel corso della rivoluzione nord africana e specie nel corso della guerra il Libia, quando le carrette del mare trasportavano migliaia e migliaia di disgraziati in cerca di una nuova vita sulle nostre sponde. Molti di loro sono stati risucchiati nelle acque del Mare Nostrum dopo giorni e giorni di agonia vissuta nei loro viaggi della speranza.

Tanta disperazione e crudeltà la ritroviamo ancora tra i profughi provenienti dalla regione sudanese del Darfur che cercano di attraversare illegalmente il confine dall'Egitto verso Israele o tra coloro che sono comunque riusciti ad arrivare nel Sinai.

Uno speciale della CNN's Freedom Project intitolato "Morte nel deserto&qu…

Global warming: che futuro ci aspetta?

Immagine
Per un mondo già stanco di catastrofi meteorologiche, l'ultimo avvertimento da parte degli scienziati del clima  dipinge un futuro cupo: più alluvioni, più ondate di calore, più siccità e maggiori costi per affrontare il problema.

Oltre ad una economia globale in piena crisi, si prevede un futuro con più fenomeni meteorologici estremi. Che allegria, amici!

Una bozza riassuntiva della relazione scientifica internazionale ottenuta da The Associated Press, la cui versione definitiva verrà rilasciata in poche settimane, dopo una riunione in Uganda, sostiene  che gli estremi causati dal riscaldamento globale potrebbero diventare più gravi da far si che alcuni luoghi diventino "sempre più marginali come luoghi in cui vivere."

Bufere di neve, monsoni, ondate di calore, incendi, siccità, inondazioni e cicloni sono diventati più frequenti del passato, dice il rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici.

Gli scienziati hanno detto che erano sicuri al 99% che …