Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2012

Dove finiscono i detriti finiti in mare nello tsunami giapponese?

Per i ricercatori dello Outreach Specialist at the Gulf of the Farallones, una divisione del NOAA, le conseguenze derivate dal devastante tsunami giapponese di un anno fa, riguardante l'enorme deposito di  detriti trasportati dalle acque del mare chissà dove... è un'opportunità unica di ricerca che non hanno mai visto prima.

Una parte delle 25 milioni di tonnellate di macerie girano ora vorticosamente nell'oceano e, come si era già detto in un precedente post, si stanno  facendo strada verso le coste della California.

I ricercatori stanno seguendo i detriti trasportati dalle correnti nella speranza di migliorare i loro modelli che si muovono nell'oceano fin dove alla fine si depositano.

Ogni anno una media di 14 milioni di tonnellate di immondizia finisce negli oceani del mondo, trascinata da vortici finiscono sulle coste e viene avvicinata da animali marini di cui si cibano o ne rimangono impigliati, spesso con effetto mortale.

Ma dove finiscono i detriti finiti in ma…

I gas serra e le sue fonti

Da oggi, tra un post e l'altro, riprendiamo a parlare dei gas serra, le cui conseguenze sull'ambiente sono molto deleterie in quanto causano un aumento della temperatura terrestre determinando, di conseguenza, dei profondi mutamenti a carico del clima sia a livello planetario che locale.

Molti composti chimici si trovano nell'atmosfera terrestre come gas serra. Questi gas consentono alla luce solare di entrare nell'atmosfera liberamente. Quando la luce solare colpisce la superficie terrestre, parte di essa viene riflessa indietro verso lo spazio come radiazione infrarossa (calore).
I gas serra assorbono la radiazione infrarossa e intrappolano il calore nell'atmosfera. col passare del tempo, la quantità di energia inviata dal sole alla superficie terrestre dovrebbe essere circa la stessa quantità di energia irradiata nello spazio, lasciando la temperatura della superficie terrestre approssimativamente costante. Molti gas a effetto serra presentano queste proprietà.  A…

Energia in Africa: mix energetico in attesa delle rinnovabili

Sebbene qualche post fa si è accennato al futuro dell'Africa incentrato sulle energie rinnovabili, c'è da dire che i combustibili fossili continueranno a dominare il mix energetico nel continente nero per i prossimi tre-cinque anni, ma la loro riduzione, secondo il World Energy Council, si dovrebbe realizzare  nella seconda metà del secolo.


Parlando alla quindicesimo Power and Electricity World Africa Conference and Exhibition, il regional manager per l'Africa Latsoucabé Fall ha elogiato l'attenzione che il Sud Africa mostra verso l'energia rinnovabile.


Carbone, petrolio e gas, anche se abbondanti in Africa, sono equamente distribuite e dovrebbero durare  per un periodo limitato di tempo. Mentre il continente è stimato per ospitare circa il 5.7% delle riserve di carbone del mondo, il 90% delle sue riserve di carbone sono concentrate nel Sud Africa.


"La combustione di queste risorse produce più anidride carbonica di qualunque altra attività umana. È quindi essenzi…

L'impronta sulla plastica per salvare gli oceani dalla immondizia

La plastica rappresenta i quattro quinti dell'immondizia accumulata negli oceani del mondo, ed è forse il più insidioso di tutti gli altri rifiuti, poiché i residui vengono ripartiti tra le onde e la luce solare in una specie di zuppa di cui pesci ed altri animali marini si cibano.

Doug Woodring, un convinto eco-ambientalista californiano stabilitosi ad Hong Kong, che ha in mente  un progetto globale focalizzato sull'inquinamento di plastica e di rifiuti nei nostri mari, sostiene che quello da fare è di utilizzare il materiale con maggiore responsabilità. Egli sta chiedendo alle aziende e ad altri importanti consumatori di materie plastiche di rivelare quanta plastica utilizzano, nella speranza che la misurazione sia il primo passo per ridurre, riutilizzare e trovare alternative.

Il suo "Plastic Disclosure Project" lanciato lo scorso ottobre, finalizzata alla riduzione globale di rifiuti di plastica e il cui scopo è emulare il successo del Carbon Disclosure Project, c…

Green economy: forum in Irlanda per esplorare le opportunità delle città intelligenti

Si apre mercoledì 28 c.m. a Dublino, in Irlanda, il Green Economy Forum che si occuperà di esplorare le opportunità della città intelligenti.

Esperti in sostenibilità e Clean-tech provenienti da Irlanda, Madrid e Vienna condivideranno le loro conoscenze sulla città intelligenti, esaminando le opportunità di business verde che i consigli e le aziende cittadine possono capitalizzare per poter diventare più efficienti.

How Green is our City (quanto è verde la nostra città): opportunità di business verdi per il futuro  saranno tenute presso la Camera di Commercio di Dublino nell'ambito del Sustainable Energy Authority of Ireland's Energy Show.

Interverranno Mark Bennett from Dublin City Council; Eva Persy, from the City of Vienna and Juan Azcárate Luxán from Madrid City Council.

Niall Brady from IBM's Smarter Cities Technology Centre in Dublin inoltre parlerà al forum spiegando il recente interesse della IBM nel costruire l'esperienza e le sfide che esistono per rendere gli …

Shuozhou, la città del carbone diventata verde

Ventitré anni fa, non c'era nessuna città di nome Shuozhou in Cina.

A metà degli anni 1980, l'ex leader cinese Deng Xiaoping incontrò un industriale statunitense e fondatore di Occidental Petroleum Armand Hammer, e insieme decisero di istituire per la prima volta nella provincia di Shanxi nel Nord della Cina una joint venture. Da allora, la regione è famosa nel mondo per la sua produzione di carbone, e il progetto Antaibu, la più grande miniera di carbone a cielo aperto, tanto da essere considerato una pietra miliare nella storia della Cina.

La città di Shuozhou è nato nel 1989. Lo scorso anno ha prodotto 186 milioni di tonnellate di carbone, circa il 20 per cento del totale della provincia dello Shanxi, una delle più potenti della Cina. Oltre 20 anni di estrazione del carbone hanno reso Shuozhou una città ricca, ma anche dovuto pagare un prezzo salato circa il suo ambiente, lasciando enormi cumuli di rifiuti di carbone e provocando tempeste di sabbia.

"Estrarre il carbon…

Africa: la forza dell'altra metà del cielo

L’altra metà del cielo, le ha definite Mao, e ne aveva ben donde a giudicare dalla capacità che stanno dimostrando in molti settori della vita.

Si sa, le donne hanno una marcia in più e se fossero più presenti di numero sulla scena politica ed economica e con mansioni di alto livello, le cose sul pianeta prenderebbero un'altra piega.

Nei paesi in via di sviluppo poi, dove il sesso femminile rappresenta circa il 43 per cento dei lavoratori agricoli, le donne si stanno dimostrando fondamentali per risolvere i problemi alimentari del mondo facendo, appunto, gli agricoltori
"Le donne sono limitate dal fatto che non hanno sufficiente accesso alle risorse produttive e non hanno sufficiente accesso ai beni e se l'avessero avuto avrebbero potuto aumentare la produttività nelle aziende agricole dal 20 al 30 per cento ", ha detto Gordon Conway, presidente del gruppo di Montpellier. Se le donne avessero aumentato la produzione di tale importo, la produzione agricola dei paesi in…

Green economy: la grande svolta è vicina e creerà tanti posti di lavoro

Tra qualche decennio la green economy avrà occupato una gran fetta del mercato energetico. Questo lo si deve non tanto alle limitazioni imposte da quello che era (lo è ancora, in effetti) il Protocollo di Kyoto, bensì alla consapevolezza dei più lungimiranti che hanno compreso che se non si smette di utilizzare gli idrocarburi e si trascura la sostenibilità, la vita sul nostro pianeta potrebbe avere vita breve.

Tra le regioni del mondo ad aver colto pienamente questa esigenza non può mancare certo la California, ma anche altre regioni lungo la costa occidentale degli Stati Uniti.

Difatti, circa il 3% delle persone che vivono lungo la costa occidentale hanno già ora posti di lavoro nel settore Green, circa 508.000 posti di lavoro verdi, che potrebbero triplicare a 1,5 milioni entro il 2020 se le politiche applicate rimarranno in pista e ulteriormente rafforzate.

Quei posti di lavori attualmente contribuiscono al 2% del PIL della regione, circa 47 miliardi di dollari di attività economi…

Tibet, una faccenda che non interessa più nessuno

Un altro tibetano si è immolato incendiandosi col kerosene dopo essersi imbottito di cotone su tutto il corpo e dopo averne bevuto. I tibetani che hanno assistito alla scena hanno tentato di spegnere le fiamme, ma la morte è stata molto veloce a causa del kerosene dentro e fuori del corpo. Ben 7.000 tibetani hanno preso parte ai funerali dell'uomo alla cerimonia di cremazione.

Sinora sono circa 30 i tibetani che si sono dati alle fiamme per protestare contro la soppressione della loro religione e cultura e per chiedere il ritorno del Dalai Lama, fuggito dalla regione himalayana nel 1959 nel corso di una fallita rivolta contro il dominio cinese. Purtroppo gli atti suicidi non sono riusciti ad attirare l'attenzione globale sulla questione Tibet, che è diventato un grande problema per la Cina e per il mondo intero. 
Con l'aumentare della potenza economica della Cina e il lento declino di quella occidentale la questione del Tibet rischia di essere limitata a una piccola parte de…

Stretto di Hormuz: il braccio di ferro continua

In previsione della chiusura dello Stretto di Hormuz, utilizzato per un terzo del commercio di idrocarburi via mare del mondo, l'Iran sta accelerando i lavori per completare la costruzione dell'oleodotto Nord strategico e collegarlo all'oleodotto Kirkuk-Ceyhan per esportare petrolio dal porto di Ceyhan via Bassora.

In questo contesto, anche l'Iraq ha approvato un piano per espandere le sue rotte di esportazione di petrolio da spedire a Ceyhan in Turchia. Il piano di emergenza è stato creato dal governo iracheno per far fronte a qualsiasi potenziale crisi se l'Iran dovesse chiudere lo Stretto di Hormuz, che fermerebbe circa l'80 per cento delle esportazioni petrolifere irachene.

Dopo l'azione della Marina Usa di rafforzare ulteriormente lo schieramento navale nel Golfo Persico  (oltre alle unità della V flotta in Bahrein, il Pentagono invierà altre 4 navi cacciamine e altri 4 elicotteri  CH-53 Sea Stallion (nell'immagine) per l'individuazione di mine…

Cosa viene spruzzato nei cieli di tutto il mondo?

E' un argomento delicato che interessa però molte persone in tutto il mondo. Un film di Michael J. Murphy, il suo primo film, ha educato milioni di persone su quello che viene spruzzato nella nostra atmosfera attraverso la geoingegneria, il risanamento del clima e modificazione del clima. Il film sta aiutando molti a svegliarsi di fronte al problema delle scie chimiche, me compreso, che ne ero fino a qualche tempo fa, alquanto scettico.

"Le persone, dice il regista, stanno diventando consapevoli che qualcosa sta succedendo nei nostri cieli che inizialmente sembra non avere un senso ma che sta mettendo a dura prova il loro modo di pensare".

Le scie chimiche, un argomento quasi tabù, sta guadagnando terreno e incomincia ad essere molto discusso, specie tra i giovani. Ci si domanda a cosa servano le scie chimiche: si vogliono forse togliere di mezzo qualche milione di persone, per risolvere il problema demografico? Sino ad oggi i mezzi per eliminare le popolazioni sono sta…

Forte terremoto nell'isola di Papua Nuova Guinea.

Un forte terremoto ha colpito circa 110 chilometri a est di Kandrian nella nazione asiatica nell'isola di Papua Nuova Guinea.

Al momento che scriviamo non ci sono notizie di danni o lesioni a persone. Risulta che a sentire la forte scossa sono state un migliaio di persone, mentre altre 63.000 lo hanno percepito in modo moderato
La US Geological Survey informa che il terremoto di magnitudo  6,4 si è verificato qualche ora fa nella regione dell'isola di New Britain, 372 km a nord est della capitale, Port Moresby. 

Il sisma ha colpito ad una profondità di 29 miglia.
La regione si trova sulla "Ring of Fire", l'anello di fuoco - una cintura a forma di ferro di cavallo che si estende per circa 25000 miglia (40.000 chilometri) dal nord ovest della Nuova Zelanda alle Filippine, a nord-est del Giappone, ad est dell' Alaska e a sud dell' Oregon, California, Messico, e la Cordigliera delle Ande nel Sud America. Circa il 90 per cento dei terremoti del mondo si verificano…

BACSIN: ripulire con batteri spazzini i luoghi contaminati

Sono stati utilizzati nel Golfo del Messico dopo la fuoriuscita del petrolio della BP al largo delle coste della Louisiana. L'acronimo è  BACSIN (Bacterial abiotic cellular stress and survival improvement network), i batteri spazzini, il cui utilizzo è la ripulitura dei terreni contaminati largamente praticata nel trattamento delle fuoriuscite di petrolio, impianti chimici abbandonati, basi militari dismesse e molti altri problemi simili.

Questo progetto, lanciato dalla Ue e  coordinato dall'Università di Losanna, mira a migliorare l'efficacia di batteri utilizzati nel trattamento e prevenzione di inquinamento ambientale.

Non potendo "spruzzare" i batteri, i ricercatori hanno scoperto alcune piante che offrono un ambiente ideale per  far proliferare i microrganismi "spazzini". Una tecnica che ora è in fase di test direttamente sul campo.    

Immagine: ilgiornale.it

Imperial valley, l'expo californiano sulle energie rinnovabili

Si è aperta ieri a Holtville, nel lontano sud-est dello stato americano della California, al confine sia Arizona e Messico, nel sud-ovest del deserto e precisamente nel Barbara Worth Resort and Country Club, il quinto expo delle energie rinnovabili.

Anche se questa regione è nel deserto, con temperature elevate e scarse precipitazioni, l'economia è fortemente basata sull'irrigazione, alimentata interamente dal fiume Colorado.
La Valle Imperial è la più grande coltivazione di erba medica del mondo. Circa 200.000 ettari sono stati piantati a questa coltura nel 1998. L'irrigation District The Imperial Valley è la più grande operazione di distribuzione dell'acqua negli Stati Uniti, irriga più di 500.000 ettari all'anno.


Da qualche anno poi, la contea si sta imponendo come centro di riferimento per quanto riguarda appunto, il suo expo annuale sulle energie rinnovabili, tant'è che l'evento attira ogni anno visitatori da tutti gli Stati Uniti e dall'intero mond…

Marsiglia: si è aperto il Forum Mondiale sull'acqua

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, l'aumento senza precedenti della domanda di cibo, la rapida urbanizzazione e il cambiamento climatico stanno significativamente minacciando le risorse idriche globali. Urge, quindi, un approccio radicalmente nuovo alla gestione di questa risorsa essenziale, necessaria per  sostenere i livelli di consumo futuri.

The U.N. World Water Development Report, che verrà lanciato in occasione del Forum Mondiale dell'Acqua a Marsiglia, apertosi ieri e che durerà sin al 17 c.m., stima che ci sarà un 70 per cento di aumento della domanda di prodotti alimentari entro il 2050, portando ad un aumento del 19 per cento dell'acqua utilizzata in agricoltura. Attualmente, il 70 per cento dell'acqua dolce viene utilizzato per scopi agricoli.

"L'acqua dolce non viene utilizzata in modo sostenibile, in base alle esigenze e alle richieste. In questo contesto, il futuro è sempre più incerto e questo induce ad approfondire i rischi" ha detto…

Il nostro pane quotidiano

Scienziati australiani hanno appena testato un nuovo ceppo di grano che potrebbe aumentare del 25% le rese in terreni salini. La notizia arriva proprio nel momento in cui l'organizzazione umanitaria Oxfam(Oxford Commitee for Famine Relief) avverte di siccità e potenziali carestie catastrofiche nelle regioni desertiche dell'Africa occidentale, tanto per ricordarci che ci troviamo di fronte un mondo sempre più affamato. Il riscaldamento globale e del livello dei mari rappresentano una sfida per tutti. Solo l'11% della superficie del pianeta è adatto per l'agricoltura, e molta di questa terra si sta progressivamente degradando dalla salinizzazione.

I sali tendono ad accumularsi ovunque i terreni sono irrigati, e le maree sempre più elevate significano che le grandi estensioni di terreni agricoli oggi fertili dell'estuario - per esempio nel delta del Nilo e in Bangladesh -
sono sempre più a rischio da inondazioni catastrofiche o dal lento avvelenamento dovuto dalla sal…

Fuga da Kiribati

L'arcipelago nel Pacifico di Kiribati, appena sotto l'equatore, al centro del dibattito sui cambiamenti climatici in quanto molti dei suoi atolli vengono sommersi dall'acqua del mare, temendo, appunto, che il cambiamento climatico possa spazzare via l'intero arcipelago, ha costretto i suoi leader a prendere in considerazione un piano di backup insolito: spostare la popolazione alle isole Fiji.

Il Presidente di Kiribati Anote Tong ha dichiarato all'Associated Press che il suo gabinetto ha approvato un piano per comprare circa 6.000 ettari sull'isola principale delle Fiji, Viti Levu. Ha detto che la terra fertile, messa in vendita da un gruppo di chiesa per circa 9,6 milioni di dollari, potrebbe fornire una polizza assicurativa per i 103.000 abitanti di Kiribati, anche se si spera che non venga mai quel giorno per tutti di andarsene.

Tong ha detto che alcuni villaggi si sono già trasferiti in quanto ci sono stati sempre più casi di acqua di mare contaminanti delle…

BRICs: i colossi dell'economia mondiale

Se fossero un azienda, i Paesi del BRICs, sarebbero il maggior azionista del mercato mondiale.

BRICS è un acronimo utilizzato in economia internazionale che riguarda le principali economie emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e per ultimo Sud Africa) che sono probabilmente i futuri colossi dell'economia mondiale.

I mercati emergenti hanno continuato a crescere nel rallentamento economico rispetto ai mercati dei Paesi sviluppati.

Alo stato attuale i Paesi del BRICs rappresentano il 41% della popolazione mondiale e, dati del 2009, il 25% del suo PIL. Tutti insieme occupano circa il 26,5% delle terre emerse.

Il successo di questi paesi è associato con i mercati sviluppati in Europa, Nord America e Giappone, dove si fonda la più grande domanda di servizi e prodotti BRIC.

E' di questi giorni la notizia secondo cui il colosso cinese, per mano della Cina Development Bank (CDB),
nel favorire l'internazionalizzazione della sua moneta,  renminbi  o yuan, intende concedere prestit…

Energie rinnovabili nel futuro dell'Africa: oggi è possibile!

Mentre gli investitori stranieri sbavano sulle riserve di idrocarburi in Africa, il continente nero ha anche vaste riserve di energia rinnovabile in gran parte inutilizzate, dall'immenso potenziale solare del Magreb ai grandi fiumi.

L'accesso all'energia elettrica è al 26% nell'Africa sub sahariana, la più bassa al mondo e il quadro è ancora peggiore nelle zone rurali dove si stima che solo il 5% ha accesso all'elettricità (WHO, 2009). Tutti concordano sul fatto  è necessario un cambiamento significativo al fine di rettificare lo squilibrio.

L'effetto di un diverso tipo di cambiamento - cambiamento climatico - ha portato ad una enorme spinta a livello mondiale per la crescente necessità di energia elettrica da essere coperta da fonti di energia rinnovabili e l'Africa non fa eccezione.

 Il South African National Energy Association ritiene che in Africa, se il continente dovesse soddisfare il fabbisogno energetico della sua popolazione, le forniture di energi…

Antartide sotto assedio da piante invasive

Gli scienziati e gli ecoturisti che visitano il continente antarico stanno portando migliaia di semi che hanno una migliore possibilità di mettere radici come le temperature calde. Gli ecosistemi incontaminati sono a rischio.

Le specie aliene stanno invadendo l'Antartide come succede nell'Artico - e potrebbero modificare sostanzialmente gli ecosistemi nell'ultimo continente relativamente intatto del mondo, afferma un team internazionale di scienziati su il giornale Proceedings of the National Academy of Sciences.

La gente pensa ancora all'Antartide come una regione selvaggia ancora incontaminata, ma che sta rapidamente cambiando, ha detto l'autore principale Chown Steven dell'Università di Stellenbosch in Sud Africa. Nel corso degli ultimi decenni, l'attività umana è aumentata drammaticamente. Durante la stagione estiva 2007-08, circa 33.000 turisti e 7.000 scienziati (incluso il personale ausilario) sono approdati là, portando le conseguenze ecologiche non …

Il mondo ha sete d'acqua e... d'idrocarburi

Il mondo ha sete, sete d'acqua. Si dice che mentre una persona può sopravvivere senza cibo per settimane, senza acqua potrebbe perire in una manciata di giorni. Ma un nuovo rapporto sulla scarsità d'acqua, appena pubblicato su PLoS ONE, dimostra che 2,7 miliardi di persone sopportano razioni limitate d'acqua per un mese o più, questo in alcuni dei bacini d'acqua più pesantemente stressati del mondo. Ciò può compromettere seriamente la salute, i raccolti alimentari e la crescita anche economica. Tuttavia, più che le città, è la coltura irrigua che succhia avidamente questo bene così prezioso.

Tutto il mondo ha sete d'acqua, ma soltanto il mondo Occidentale e i due colossi asiatici Cina e India, hanno sete di gas e petrolio.

In un precedente post si era parlato della tensione nel Mediterraneo orientale tra Cipro e Turchia riguardo le trivellazioni che Nicosia sta portando avanti in collaborazione con lo stato d'Israele alla ricerca di giacimenti di gas al largo d…

Terre in Africa: non bastano neppure due occhi per piangere

Un nuovo fenomeno, di cui abbiamo fatto cenno in precedenza, sta prendendo forma in tutto il mondo in via di sviluppo, minacciando di intensificare il conflitto legato alle risorse, in particolare in Africa. Definito come accaparratori di terreni o land grabbing, che colpisce l’Africa più di ogni altra regione, dove la terra più che un fattore di produzione è un’ancora di salvezza per il benessere di un individuo, dell’unità familiare, della comunità in generale e la stabilità dello Stato.

Negli ultimi decenni, milioni di ettari sono stati segnalati in quanto in fase di negoziato per la locazione o la vendita da parte dei paesi in via di sviluppo ai paesi ricchi. La terra in questione si riferisce a 227 milioni di ettari di terreno, un’area delle dimensioni del nord-ovest europeo, che come riferito, è venduta, affittata o è stata data in concessione una licenza a investitori internazionali in migliaia di offerte selettivi a partire dal 2001.

La Banca Mondiale stima che nel solo 2009 qu…

Benzina: non sono tempi normali

La tassazione sulla benzina è ormai arrivata alle stelle.

Un anno fa il prezzo della benzina era al 10° posto tra i Paesi dell'eurozona, oggi la benzina è diventata la più cara d'Europa. Proprio per il suo costo è diventata merce preziosa e quindi di contrabbando, come lo furono l'olio, lo zucchero, il sale ai tempi della II guerra mondiale.

Ormai dalla Svizzera arrivano in Italia, in maniera illegale, migliaia e migliaia di litri di carburante, un carburante libero da accise ed IVA, che sta gettando nella miseria più nera molti distributori italiani. Il peso delle accise + IVA sul prezzo del carburante persa di un buon 60%. Per molti distributori, specie quelli nelle vicinanze dei confini, che vendono appena qualche migliaio di litri al giorno. In molti casi il guadagno lordo è di 40, 50 euro al giorno. Il che vuol dire che tolte le accise e l'IVA, il guadagno si riduce a circa 15 euro al giorno... una miseria!

Per il gestori della Faib il governo dovrebbe investire a…

A Rio+20 si parlerà molto di green economy

L'imminente conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio +20) si concentrerà sulla green economy e la governance sostenibile. Lo ha riferito il ministro dell'Ambiente del Brasile Isabella Teixeira.

Teixeira ha detto che la conferenza di Rio +20, che si terrà dal 13 al 22 giugno a Rio de Janeiro, non deve essere considerata come una revisione del Vertice sulla Terra che si svolse sempre a Rio nel 1992.

"Non si tratta di tornare al passato o fare una revisione degli accordi precedenti. Rio+20 non seguirà  la Conferenza del 1992, ma ha due messaggi fondamentali:. Green economy e governance sostenibile", ha detto  il ministro dell'Ambiente.

Altri temi da affrontare nel mese di giugno includono il trasferimento di tecnologia dai paesi sviluppati ai paesi in via di sviluppo e la ricostruzione del UN Environment Program (Unep).

Qualche settimana fa Teixeira aveva detto che il vertice di giugno può avere un alto livello di rappresentanza con più di 100 …