Animali marini muoiono in Perù: colpa di El Nino?


Centinaia di uccelli e delfini sono stati trovati morti lungo la costa del Perù, ed ora i funzionari del governo sono in cerca delle cause.

Le morti di massa hanno avuto luogo sullo sfondo del riscaldamento oceanico nella regione.

Almeno 1.200 uccelli, soprattutto pellicani, sono stati trovati morti nelle ultime settimane lungo un tratto di costa del Pacifico nel nord del Perù.

Nella stessa zona, negli ultimi mesi sono stati visti morìire anche circa 800 delfini. I funzionari hanno raccomandato alle persone di tenersi lontane dalle spiagge.

Secondo il ministero dell'agricoltura, test preliminari su alcuni pellicani morti indicano nella malnutrizione una delle cause.

"Stiamo partendo dall'ipotesi che è perché gli uccelli sono giovani e sono incapaci di trovare cibo a sufficienza per se stessi, e anche perché la temperatura del mare è aumentata e le acciughe si sono spostate altrove," ha detto a Reuters il vice ministro dell'Agricoltura Juan Rheineck.

Una massa di pellicani morti fu trovata lungo la costa settentrionale Perù nel 1997, in un momento in cui era in corso "El Nino", il riscaldamento dell'Oceano Pacifico equatoriale.

La morte di massa attuale è stata attribuita alla mancanza di acciughe, un anello fondamentale nella catena alimentare marina della regione.

Anche se "El Nino", ufficialmente non si fa vivo sin dai primi mesi del 2010, le significative modifiche delle temperature della superficie del mare sono in corso già da alcuni mesi. Dopo mesi di "La Nina", opposto a El Nino, l'Oceano Pacifico equatoriale è tornato allo stato "neutrale", riferisce il NOAA.

Ma sebbene La Niña è ormai giunta, almeno per quest'anno, in dirittura d'arrivo, nessuno sa con certezza cosa succederà dopo, anche se alcuni modelli di previsione a lungo raggio puntano alla possibile emergenza del fenomeno opposto El Niño prima di quanto è previsto.

L'analisi del NOAA sulle temperature della superficie del mare, pubblicate il 3 maggio, hanno mostrato letture di circa 2 a 6 gradi F sopra la norma al largo della parte settentrionale del Perù, insieme con l'Ecuador, Galapagos, Colombia e Panama.

Con El Niño, previsto per l'anno prossimo, le acque del Pacifico equatoriale torneranno ad essere più calde e questo potrebbe anche dar vita al sorgere di terribili tempeste equatoriali.

Immagine: ibtimes.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria