La US Navy adotterà dal 2016 combustibili alternativi al posto dell'antieconomico petrolio


La US Navy ha annunciato ufficialmente di alimentare entro il 2016 la sua "Great Green Fleet", la flotta di navi alimentata da biocarburanti e da altri fonti di energia eco-compatibili.

L'iniziativa è stata pubblicizzata come una delle mosse più efficaci per avviare l'uso di energie rinnovabili nelle forze armate degli Stati Uniti e ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili, che, a loro volta, creano effetti disastrosi per l'economia.

Il Dipartimento della Difesa statunitense (DoD) è il più grande ente governativo consumatore di petrolio nel mondo, con la contabilità Marina che raggiunge i 1,2 miliardi di galloni (1 gallone USA = 3.7854 litri) di consumo di carburante ogni anno ad un costo di circa 5 miliardi di dollari. Con l'estrema volatilità del petrolio, i costi potrebbero facilmente variare di un miliardo di dollari.

Segnali di successo stanno già emergendo. Nel mese di novembre, nella più grande prova di combustibile alternativo della storia della Marina, il primo biocarburante su una nave a propulsione ha compiuto un viaggio lungo la costa della California, utilizzando un mix 50-50 di petrolio e combustibili a base di alghe prodotti da Solazyme. Il combustibile è bruciato come il combustibile tradizionale, utilizzando gli stessi motori. Più tardi, nel marzo, la  Navy's USS Ford  ha navigato per oltre 12.000 miglia utilizzando lo stesso combustibile da Washington a San Diego.

Altre società per vincere le offerte dei fornitori stanno partecipando al concorso per fornire una vasta gamma di opzioni di carburanti alternativi. Oltre la Solazyme di San Francisco, c'è anche la Dynamic Fuels, uno dei più grandi protagonisti del programma. Un'azienda della Louisiana propone il ​​suo combustibile a base di olio da cucina usato.

"Saremmo in ritardo di anni se non fosse stato per i militari", ha detto Tom Todaro, un imprenditore leader di biocarburante le cui aziende hanno fornito l'esercito con decine di migliaia di galloni di carburante a base di semi di senape.

PER SAPERNE DI PIU' (in lingua inglese): www.wired.com/ www.energydigital.com