Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2012

Il cobra reale si sta estinguendo

Immagine
La continua perdita di habitat ha ora messo il serpente velenoso più lungo del mondo, il cobra reale, nella lista 'in estinzione'. Il serpente si trova soprattutto nelle foreste indiane nel Western Ghats, India.

Nella "lista rossa delle specie minacciate" del The International Union for the Conservation of Nature appare ora il cobra. Oltre alla perdita di habitat, l'uso eccessivo per scopi medicinali è stato citata come uno dei motivi.

La forestapluviale del Western Ghats, che abbondano di precipitazioni annuali, è la casa del cobra reale, icona di un potente e antica religiosa in India.

Anche l'Indonesia e le Filippine sono sedi di questi maestosi serpenti di grande valore ecologico, che in media pesano circa  6 kg. e sono lunghi dai 3 a 4 metri.

"Il più grande serpente velenoso del mondo, il cobra reale (Ophiophagus Hannah), è elencato come vulnerabile a causa della perdita dell'habitat e lo sfruttamento eccessivo per scopi medicinali," dice …

Gazprom, il colosso energetico che non ha rivali

Immagine
Il gruppo energetico russo Gazprom ha mostrato importanti risultati finanziari record per il secondo anno consecutivo nel 2011. La società ha battuto non solo le imprese di altre fonti energetiche, ma è diventata l'unica azienda al mondo con un utile netto oltre i 40 miliardi dollari.

Allo stato attuale Gazprom è diventato il leader mondiale in utile netto per il secondo anno di fila. "Non solo tra le compagnie petrolifere e del gas, ma tra tutte le società del mondo ", ha detto Aleksey Miller,
CEO di Gazprom, nell'assemblea generale annuale della società

L'utile netto nel 2010 avava raggiunto il record di 968.557 miliardi di rubli (34,95 miliardi dollari).

Gli azionisti di Gazprom hanno inoltre approvato i pagamenti dei dividendi di 8.97 rubli (27 centesimi) per azione per il 2011, una cifra record per l'azienda.

L'Assemblea ha inoltre deliberato di pagare agli alti funzionari di Gazprom i loro bonus annuali, nonostante l'attuale crisi finanziaria gl…

Do not forget la Sardegna: terra bella e devastata

Immagine
Il suono delle bombe, missili e altre esplosioni; massicci attacchi dal mare sulla spiaggia; un'epidemia di tumori e malformazioni congenite; suolo, aria, cibo e acqua contaminati da metalli pesanti, carburanti di jet fuel e altri veleni; e segreti nazionali e aziendali che impediscono ai residenti di apprendere la verità:

E' diventata una zona di guerra moderna? 

No – La Sardegna è vittima di produttori di armi, attività inquinanti militari e un sistema politico che si preoccupa  di potere e denaro ancor più della salute delle persone e dell'ambiente.

La Sardegna è la seconda più grande isola del Mediterraneo – un paradiso con ricca fauna e belle spiagge. Alice Scanu, un ingegnere e attivista ambientale sardo ha detto, "noi siamo gente pacifica, quelle overe forse, ma molto accoglienti. Ecco come vorrei fossero ricordati i sardi, non come persone coinvolte in guerre e giochi di potere. " Nelle zone rurali ci sono pastori e agricoltori che producono formaggi, miele…

Mediterraneo: alla ricerca dei canyon sottomarini

Immagine
Come si è detto nel post precedente, i mari del mondo, che occupano il 71 per cento della superficie terrestre,  rimangono in gran parte  ancora sconosciuti al genere umano. E questo vale anche per il Mare Nostrum.

Ora, la spedizione CUMECS, che è una crociera di ricerca, finanziato da EUROFLEETS, ha in progetto di studiare una regione scarsamente esplorata del Mediterraneo conosciuta come Malta-Sicily Escarpment (scarpata Malta-Sicilia).

La Malta-Sicily Escarpment consiste di un passo di 3 km di altezza che separail bacino Mediterraneo occidentale dall'orientale. Questa regione è importante perché è un passaggio per lo scambio di masse d'acqua a densità differenziata tra il Mar Mediterraneo occidentale e orientale. Indagini preliminari di mappe di qualità esistenti bassi fondali del Malta-Sicily Escarpment dimostrano che questa caratteristica ha inciso con numerosi canyon sottomarini, nonostante il fatto che la scarpata è stata isolata da apporti di sedimenti fluviali e cost…

Corea: la Blue Economy alla scoperta degli oceani

Immagine
Con il tema “Vision of the Blue Economy and Ocean Governance" si è tenuta a Busan, Corea, il 6th World Ocean Forum.  La conferenza di tre giorni ha riunito circa 3.000 studiosi, funzionari governativi e leader del settore dell'oceano dalla Corea e dall'estero per la discutere sull'uso sostenibile e lo sviluppo degli oceani.

In Corea, come in tante altre nazioni del pianeta, il termine “blue economy”  non ha ancora guadagnato un'ampia diffusione. Esso è stao presentato al pubblico attraverso il forum e l'esposizione internazionale in corso in Yeosu, il cui tema è “The Living Ocean and Coast.”

In poche parole, il termine si riferisce ad un oceano basato su un'economia che è economicamente e ambientalmente sostenibile. Esso evidenzia il ruolo degli oceani nel perseguire una crescita verde, una nuova strategia volta a fronteggiare il cambiamento climatico e la penuria di risorse naturali. In anni recenti, il concetto di Blue Economy ha acquisito la trazione n…

Speciale Rio + 20: la conclusione

Immagine
Dal nostro inviato a Rio de Janeiro John Keyman


Si è conclusa la Conferenza ONU sullo sviluppo sostenibile di Rio de Janeiro. 190 Paesi si sono ritrovati vent'anni dopo il primo incontro nella stessa città brasiliana. Per l'occasione, a sorpresa, si è fatto vivo anche il padrino dell'ambientalismo mondiale, considerato uno degli artefici principali del movimento ambientalista mondiale,  e organizzatore del Summit delle Nazioni Unite del 1992 Maurice Strong, oggi ottanduenne, nativo del Canada, oggi residente in Cina, a cui è stata concessa la ribalta in una serie di conferenze nel prevertice di tre giorni prima.

Nel corso della Conferenza sono stati trattati fondamentalmente due soli temi, l'affermazione delle energie rinnovabili come fonti primarie rispetto ai combustibili fossili e il problema della fame visto secondo la prospettiva per cui, a fronte di un aumento di produzione di cibo a livello globale, aumenta contemporaneamente anche il numero di affamati.

Il Segret…

Visione di un mondo che non vorremmo mai vedere

Immagine
La metà dei bambini del mondo e gli adolescenti vivono in aree urbane. Così, come aumenta l'urbanizzazione, le persone e in particolare i bambini si trovano di fronte a comunità sempre più malsane. I rischi per la salute ambientale - che vanno dall'inquinamento atmosferico, rifiuti e servizi igienici inadeguati - sono problematici per gli abitanti più poveri delle città.

Oggi, un cittadino su tre vive in condizioni di slum - entro il 2020, si pensa che circa 1,4 miliardi di persone vivranno in baraccopoli e insediamenti informali. Le sfide e le condizioni di vita nelle baraccopoli sono scoraggianti per i governi, le autorità cittadine e le stesse comunità. Un metodo sempre più critico per trasformare le baraccopoli in fiorenti comunità è di offrire ai residenti di sviluppare soluzioni che attenuino i rischi per la salute nell'ambiente urbano.

Le comunità dovrebbero essere viste come soluzione al degrado ambientale e alla urbanizzazione.

Secondo l'Organizzazione Mondia…

Speciale RIO + 20: si comincia col pensare ai trasporti nei paesi in via di sviluppo

Immagine
Dal nostro inviato a Rio de Janeiro John Keyman



Dopo la sessione plenaria di ieri e il prevertice dei giorni precedenti che è servito per mettere a punto le argomentazioni da presentare, oggi si è aperto ufficialmente pressoil Riocentro Convention Center, in Avenida Salvador Allende 6555, la Conferenza Rio +20 sullo sviluppo sostenibile.


Più di 50.000 persone e rappresentanti di oltre 120 paesi sono riuniti a Rio de Janeiro per l'apertura ufficiale della Conferenza. 


Gli argomenti trattati includono la distruzione della foresta pluviale, le barriere coralline evanescenti, l'appropriazione di terre, il bisogno di sicurezza alimentare, l'acqua pulita, il ruolo delle donne nella produzione di cibo, l'acqua potabile, l'accesso all'energia, il sistema di trasporti ostruiti, l'occupazione e lo sviluppo sostenibile quale arma per combattere la povertà.

In una manifestazione programmata per la Conferenza delle Nazioni Unite, sul Rio Flamengo Beach quasi 1500 persone, …

Speciale RIO + 20: il Summit delle incertezze

Immagine
Dal nostro inviato a Rio de Janeiro John Keyman

Adesso poi che è in atto una crisi economica senza precedenti, che il vecchio continente europeo sta vivendo sulla propria pelle con troppe incertezze, seguito dalla massiccia economia statunitense pesantemente in recessione, con i suoi leader politici concentrati sulle elezioni presidenziali di novembre; nel momento in cui a mezzanotte di oggi in una sessione plenaria con i rappresentanti dei 193 paesi membri si dovrà approvare il testo dell'ONU da presentare ai leader che da domani presenzieranno al Summit vero e proprio.... c'è la sensazione che non si dia la massima attenzione alle questioni ambientali che si stanno affrontando a Rio 20.


"Il mondo dorme ai piedi di una catastrofe" ha detto il principe Carlo d'Inghilterra, persona molto sensibile ai problemi ambientali. Se si vede la Conferenza di Rio snobbata da coloro che più contano nell'economia globale allora la si potrebbe definire una iniziativa inutile…

Speciale RIO + 20: la settimana cruciale

Immagine
Dal nostro inviato a Rio de Janeiro John Keyman

Arrivando a Rio, ho dovuto prendere possesso in una stanza di un albergo decentrato rispetto al luogo in cui si tiene la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile e dell'eliminazione della povertà. Questo poiché gli alberghi del centro sono al completo ma anche perché il mio editor, anch'egli alle prese con la crisi economica, non mi avrebbe potuto garantire né un soggiorno completo né le spese di sostentamento per oltre una settimana qualora avessi alloggiato in un albergo centrale. E dunque per arrivare sul luogo della Conferenza mi sono servito di un taxi.

Naturalmente, il grande evento di questi giorni, ha reso il traffico più congestionato del solito (figuriamoci cosa sarà per l'imminente Coppa del Mondo), e anche il tassista con cui ho parlato si è lamentato del maggiore movimento per le strade. Il traffico è peggiorato anche per via della costruzione della metropolitana che ha vietato l'accesso ai t…

Speciale "XX Conferenza sullo sviluppo sostenibile di Rio"

Immagine
Vent'anni dopo il primo Vertice sulla Terra a Rio de Janeiro, sotto lo sguardo vigile e protettivo della statua del Cristo Redentore, si è aperta la XX Conferenza in cui si spera si possa tracciare un nuovo corso per lo sviluppo economico e sociale sul futuro del pianeta, le sue risorse e i suoi popoli.

John Keyman, il nostro inviato speciale, è già sul posto e ci terrà informati su quanto verrà discusso e accadrà a questo vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile che entrerà nel vivo la prossima settimana e che, come ha detto il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon "è troppo importante per fallire".

Potrebbe essere proprio la crisi finanziaria mondiale ad aumentare le possibilità di una buona riuscita del Vertice di Rio. In un periodo in cui molte nazioni sono concentrate sulla sfida dello sviluppo sostenibile e il fatto che, in molti casi, le risorse siano finite, e in altri casi per ottenerle costino eccessivamente, fa presagire, appunto che da questo verti…

Indonesia: acquistare crediti di carbonio per il bene di tutti

Immagine
In Indonesia, il mese di giugno è noto per avere il cielo sereno, giornate soleggiate e temperature calde.  Eppure, Jakarta e dintorni sono stati sommersi da forti acquazzoni e inondazioni quasi ogni giorno dall'inizio di questo mese.

E 'un segno del cambiamento climatico?


Potrebbe essere. In realtà, il cambiamento climatico non è una minaccia inverosimile, si tratta di un pericolo chiaro e presente che si cela dietro la nostra vita quotidiana.


"The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC)  ha pubblicato ricerche e indagini da parte degli scienziati di tutto il mondo su questo argomento", ha dichiarato Arif Aliadi, direttore esecutivo di Lembaga Alam Tropika Indonesia (Latin). 


"I risultati sono sorprendenti. Tra il 1990 e il 2005, c'è stato un aumento della temperatura globale tra 0,15 e 0,3 gradi Celsius. Se la temperatura continua ad aumentare, entro il 2040, tutti i ghiacciai si scioglieranno e causeranno gravi inondazioni in tutto il mondo. Le isole…

Kenya: finalmente una buona notizia!

Immagine
Mesi dopo aver scoperto ricchi giacimenti di petrolio nel Turkana County, Kenya, ora è emerso che la regione, una delle più aride del Paese, ha nel sottosuolo miliardi di litri di acqua.

Secondo le Nazioni Unite il Kenya è classificato come "paese ad alto stress idrico" dove oltre l'80 per cento delle persone non ha accesso all'acqua potabile.

Secondo il direttore del Water Resources John Nyaoro, la ricerca, sostenuta dall'Unesco e finanziata dal governo giapponese, aveva indicato che c'eranoenormi fiumi sotterranei nel nord-ovest del Paese, e che ora "Attraverso l'uso della tecnologia radar satellitare, siamo venuti a sapere che il Kenya ha oltre 60 miliardi di metri cubi di acqua sotterranea, la cui maggior quantità è nella zona del Turkana " ha spiegato John Nyaoro, aggiungendo inoltre che sono in corso i piani  per avviare la trivellazione nella zona, in modo da affrontare la grave carenza d'acqua che grava sull'intera regione.

In ba…

"Plant a Pledge", un impegno da prendere contro il disboscamento

Immagine
"Benvenuti in Plant a Pledge(piantare una promessa) - una campagna per sostenere l'iniziativa di restauro più grande che il mondo abbia mai visto. Il tuo impegno sarà di sollecitare i leader mondiali e i proprietari terrieri di tutto il pianeta a impegnarsi per il ripristino delle foreste e del paesaggio in questo momento." 
Bianca Jagger
Gli alberi inghiottono miliardi di tonnellate di anidride carbonica ogni anno: Sono "i polmoni del mondo" e sono essenziali per combattere il riscaldamento globale, oltre che preservare la diversità biologica e i sistemi idrici.

In vista del Vertice sulla Terra di Rio + 20, l'ambasciatore dell'IUCN Bianca Jagger, e Airbus hanno lanciato oggi " Plant a Pledge " - Una campagna per la più grande iniziativa di restauro che la Terra abbia mai realizzato.
Un partenariato tra IUCN ( International Union for Conservation of Nature) e Airbus esortano governi, imprese ed esperti ambientali ad affrontare la sfida Bonn  impe…

Paesi Bassi: il maestoso Progetto Delta

Immagine
Viene chiamata pure l'ottava meraviglia del mondo, anche se forse certe definizioni andrebbero attribuite a ben altre grandi opere del passato.

E' l'enorme barriera anti tempesta in provincia di Zeeland, Paesi Bassi, nota come il Progetto Delta, che è stata progettato per prevenire un altro grande alluvione come quella che si è verificato nel 1953, in cui persero la vita 1.835 persone. Ma questo progetto di ingegneria idraulica, unico nel suo genere, che è stato costruito in 13 anni ad un costo esorbitante di 3,6 miliardi di euro, è anche una grande attrazione turistica.


I visitatori possono realmente camminare all'interno della struttura, o vederlo dalla barca. 
Particolarmente interessante è il film di 30 minuti Delta Finale, dove si parla della lunga costruzione del progetto, che ha testato i limiti della tecnica contemporanea. 
Non solo sono state progettate delle navi realizzate appositamente per la costruzione della barriera (i modelli di loro sono in mostra), m…

Si, il pianeta è in cattive acque ma intanto la NASA dice che...

Immagine
Il Summit della Terra di Rio si sta avvicinando, e migliaia di persone si stanno preparando a questo importante appuntamento, che avrà luogo in uno dei momenti più difficili degli ultimi decenni, dal punto di vista economico e ambientale. Su quest'ultimo punto scienziati e ambientalisti, in base a quanto riportato dal Programma Ambientale delle Nazioni Unite, inviano un messaggio forte e chiaro a tutti quanti: il pianeta è in cattive acque.

Il rapporto mostra che il mondo ha compiuto progressi significativi solo su quattro dei 90 obiettivi ambientali più importanti concordati attraverso il processo delle Nazioni Unite. 


Le cose positive provengono dall'eliminazione di sostanze che impoveriscono lo strato di ozono, dal graduale abbassamento di piombo nella benzina, dal crescente accesso alle fonti di approvvigionamento idrico e l'incoraggaimento  sulla ricerca di fonti di inquinamento marino. 


Quanto a tutte le altre 86 questioni, tra le quali la protezione delle specie animal…

Nel Sud Africa arriva l'energia solare notturna

Immagine
Un progetto solare saudita con una memoria gigantesca potrebbe inviare l'energia solare durante la notte in Sud Africa.

Difficilmente uno penserebbe all'Arabia Saudita come nazione al top nel creare le migliori aziende a livello mondiale a CSP (Concentrated solar power), ma il Sud Africa ha appena selezionato come "offerente preferito" per sviluppare il progetto indipendente di energia Bokpoort (IPP) nel Northern Cape, 600 chilometri a ovest di Johannesburg, un consorzio guidato da ACWA Power International (ACWA Power), un gigante dell'acqua e dell'energia di Riyadh.

Paddy Padmanathan, presidente e CEO di ACWA Power, ha dichiarato: "Siamo orgogliosi di entrare nel nostro quarto mercato internazionale e primo mercato al continente africano. Oggi possediamo quote di maggioranza in attività pienamente operative in Oman e Giordania, e un progetto in fase di sviluppo avanzata in Turchia, oltre alle nostre attività in Arabia Saudita ".


Bookpoort è una pie…

Domani è il World Oceans Day: "Se il mare fosse un bambino"

Immagine
Domani 8 giugno si onora il World Oceans Day.

Gli oceani occupano il 70% del nostro pianeta.

Se il mare fosse un bambino lo sentiremmo gridare e gemere e avremmo cercato di capire quali sono i problemi che lo affliggono e probabilmente saremmo corsi in suo aiuto.

Non si può accettare che le persone si coprano le orecchie per non sentire il mare piangere quando i combustibili e gli scafi spezzati delle navi cisterna si infiltrano costantemente nelle sue profondità.

Sarebbe giusto far pagare alle compagnie petrolifere la pulizia delle spiagge, far si che risarciscano la comunità della perdita della vita marina e degli uccelli.

Che strazio nel guardare gli uccelli impregnati di petrolio che non riescono a prendere il volo e che lottano per sfuggire alla devastazione dell'uomo.

Metalli pesanti, nitrati, il flusso delle acque piovane impregnate di chissà cos'altro, una zuppa tossica schiacciante, travolgente che filtra in mare dalle fabbriche.

Non bisogna lasciare che le grandi azi…

Cosa aspettiamo ad adeguare e ricostruire il nostro paese?

Immagine
E' con vivo piacere che pubblico il commento fattomi da Rosario sul post di qualche giorno fa
"Il terremoto che non ti aspetti". 


Rosario è napoletano di nascita che vive in quel di Como, con una evidente e comprensibile nostalgia della sua terra natia e con argomenti interessanti da fornirci sul sisma che tanto dolore sta portando alle famiglie dell'Emilia.

"Leggo con interesse il suo post, ma la realtà scientifica è un po diversa da quella descritta. Che l'appennino parmense - ferrarese e la piana antistante fino al Po siano una zona sismica e facciano parte di un sistema di faglie è un dato conosciuto dalla comunita scientifica da decenni. Basta andarsi a leggere gli atti di un importante convegno del febbraio del 1993.

Qui l'associazione ferrarese dei geologi in un'ampia relazione, dimostra e documenta come storicamente, la citta di Ferrara sia stata soggetta a terremoti che ne hanno segnata la storia, e di come il suolo della piana proprio per le su…

Venere in transito davanti al Sole: un fenomeno rarissimo

Immagine
Per tutti coloro hanno voglia di assistere ad un fenomeno molto raro, che non accadrà più fino al 2117, consigliamo di osservarlo tra la mezzanotte e l'alba di mercoledì 6 giugno (cioè stanotte), quando il pianeta Venere transiterà davanti al disco della nostra stella, in perfetto allineamento fra Sole, Venere e Terra.

Venere sfilerà lentamente davanti al sole, compiendo il tragitto in circa 6 ore e 40 minuti. Dall'Italia saranno osservabili solo le fasi finali del transito, favorite le località a est.

Fondamentale osservare il sole mai direttamente, ma attraverso vetri protettivi

Gli osservatori del cielo in tutto il mondo guarderanno uno spettacolo che si è visto solo sette volte negli ultimi cinque secoli. 
Il transito di Venere è stato ora trasformato da interesse storico a un oggetto della scienza contemporanea del 21° secolo, collegato a uno dei più interessanti e importanti correnti degli studi in astronomia, ossia quello di pianeti extrasolari", ha detto Jay Pasa…