Gazprom, il colosso energetico che non ha rivali

Il gruppo energetico russo Gazprom ha mostrato importanti risultati finanziari record per il secondo anno consecutivo nel 2011. La società ha battuto non solo le imprese di altre fonti energetiche, ma è diventata l'unica azienda al mondo con un utile netto oltre i 40 miliardi dollari.

Allo stato attuale Gazprom è diventato il leader mondiale in utile netto per il secondo anno di fila. "Non solo tra le compagnie petrolifere e del gas, ma tra tutte le società del mondo ", ha detto Aleksey Miller,
CEO di Gazprom, nell'assemblea generale annuale della società

L'utile netto nel 2010 avava raggiunto il record di 968.557 miliardi di rubli (34,95 miliardi dollari).

Gli azionisti di Gazprom hanno inoltre approvato i pagamenti dei dividendi di 8.97 rubli (27 centesimi) per azione per il 2011, una cifra record per l'azienda.

L'Assemblea ha inoltre deliberato di pagare agli alti funzionari di Gazprom i loro bonus annuali, nonostante l'attuale crisi finanziaria globale.

Tra pochi giorni Gazprom presenterà delle nuove condizioni per quanto riguarda il progetto Stockman nel Mare di Barents. Un accordo sul progetto può essere firmato in un nuovo formato la prossima settimana,

Tra i piani futuri si prevede l'avvio di un impianto LPG (Liquefied Petroleum Gas) a Vladivostok, nell'estremo oriente russo, nel 2016-2017

Miller ha anche detto che BP era interessato a ricevere il gas russo, estendendo uno dei gasdotti di Gazprom North Stream in Gran Bretagna.

Gazprom ha anche aumentato la fornitura giornaliera di gas alla Turchia di 16 milioni di metri cubi a causa di un attacco terroristico. "In termini annui, si tratta di 6 miliardi di metri cubi di gas l'anno"

Immagine: hillyardccap.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria