Banca mondiale: ecco perché in Africa esiste il land grabbing


Com'è possibile che la Banca Mondiale, il cui compito è alleviare la povertà, anziché opporsi al fenomeno del land grabbing, che ha visto vaste aree di terreni agricoli africani acquistati da investitori stranieri, che costringe lo spostamento delle popolazioni locali a cercarsi un altro posto (chissà dove) dove vivere, per far posto soprattutto alla produzione di biocarburanti di esportazione, con le ovvie conseguenze pregiudizievoli per i diritti umani e la sicurezza alimentare, legittimi questa prassi dando credibilità alle acquisizioni di terra, e suggerendo che la terra occupata può essere "regolata" con misure atte a mitigare gli impatti negativi?

Eppure, il gruppo di sviluppo globale Oxfam, in un rapporto pubblicato il 3 ottobre 2012, nel voler garantire che tali pratiche non incoraggino troppo l'acquisizione di terre da parte di paesi stranieri., ha invitato la World Bank ad una revisione sulle politiche territoriali invitandola a sospendere i finanziamenti per le grandi acquisizioni di terra nei paesi in via di sviluppo  Ma sembra che tale richiesta non sia stata accolta. 


Cosa c'è dietro questo fenomeno? 

Il land grabbing genera una lotta appassionata e a volte violenta contro l'accaparramento di terre: o come una resistenza alla espropriazione, o una lotta per condizioni di lavoro e salari.

Ma la Banca Mondiale ha una risposta a tutto ciò. 

L'Africa potrebbe evitare la scarsità di cibo, se riduce il groviglio di norme, commissioni e costi elevati strangolando il commercio regionale di cibo e mettendo ampie fasce di terre incolte per uso produttivo in mano ad aziende straniere. Allo stato attuale, secondo il rapporto pubblicato alla vigilia del 19 ° African Union summit, che si svolgerà dal 24 al 26 Ottobre 2012 ad Addis Abeba, Etiopia, patrocinato dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), in materia di agricoltura e commercio in Etiopia. solo il 5 per cento delle importazioni di cereali in Africa sono ora forniti dagli agricoltori africani.


La banca ha stimato che 19 milioni di persone sono a rischio fame e malnutrizione nella regione del Sahel dell'Africa occidentale. Eppure, la rimozione delle restrizioni transfrontaliere potrebbe aiutare a prevenire le crisi alimentari se gli agricoltori erano autorizzati a commerciare più facilmente con gli altri e procurare cibo alle comunità di fronte alle carenze. Inoltre, la Banca Mondiale ha stimato che meno restrizioni al commercio di generi alimentari potrebbe generare una cifra stimata di 20 miliardi di dollari di guadagni annuali per i governi africani.

Ostacoli al commercio alimentare aumentano anche il costo per il consumatore e l'agricoltore. Ad esempio, gli agricoltori nelle aziende in Africa che vendono il raccolto surplus in genere ricevono meno del 20 per cento del prezzo al consumo dei loro prodotti, mentre il resto viene assorbito dai costi di transazione e le perdite vari post-raccolta.


Questo chiaramente limita l'incentivo a produrre per il mercato," ha detto la Banca mondiale.

L'impennata dei prezzi alimentari mondiali nel 2008, che scatenato disordini sociali in diversi paesi africani, ha evidenziato il problema di decenni di sottoinvestimenti in agricoltura in Africa. Ha inoltre stimolato l'interesse da parte degli investitori in Europa, Medio Oriente e Asia del potenziale  inutilizzato dell'agricoltura in Africa. E anche i timori di land grabbing è aumentato.


La Banca mondiale ha detto che gli elevati costi di trasporto erano un ostacolo al commercio alimentare in Africa, soprattutto per i piccoli agricoltori. Mentre le strade dissestate e la mancanza di infrastrutture sono un grande problema in Africa, così pure gli scarsi incentivi per gli investimenti in veicoli più moderni.

I Paesi dell'Africa occidentale potrebbero dimezzare i costi di trasporto entro 10 anni se i governi  intraprendessero riforme politiche che stimolerebbero più concorrenza.

Il rapporto della Banca Mondiale ha detto che i rendimenti per molte colture in Africa sono una frazione di quello che gli agricoltori stanno ottenendo in altre parti del mondo. Più commercio alimentare in Africa potrebbe aiutare a generare rendimenti, diffusione di nuove tecnologie e creare posti di lavoro.

"La sfida è come creare un ambiente competitivo in cui i governi abbracciano politiche credibili e stabili che incoraggino gli investitori privati e le imprese di incrementare la produzione alimentare in tutta la regione," ha detto l'economista della Banca Mondiale Paul Brenton, il principale autore del rapporto.

Immagine: www.policymic.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria