Cresce nel mondo il taglio illegale del legno

Secondo un rapporto pubblicato dalle Nazioni Unite e dall'Interpol circa il 90% delle attività di disboscamento illegale nei paesi tropicali del bacino amazzonico, Africa centrale e sud-est asiatico é controllato dalla criminalità organizzata.

Il mercato annuale di legname tagliato illegalmente è attualmente varia dai 30 ai 100 miliardi di dollari e rappresenta il 15-30 per cento del commercio di legname globale del mondo. La maggior parte del legname è destinato alla Cina, ma anche Stati Uniti, Giappone e Unione europea (UE) sono importatori primari.

"Il disboscamento illegale è non è in declino, anzi è sempre più avanzato, come i cartelli diventano meglio organizzati", si legge nel rapporto denominato "Green Carbon, Black Trade".

Ad alimentare il mercato sono conflitti, corruzione, strutture governative decentralizzate e deboli leggi ambientali.

Il rapporto completo si concentra su casi di studio in Indonesia, Congo e Brasile, dove i sistemi politici corrotti hanno permesso taglialegna illegali per sfuggire detenzione.

I gruppi criminali combinano metodi antiquati come le tangenti con la tecnologia utilizzando computer hacking per battere il sistema.

I colpevoli riciclano i registri attraverso le piantagioni di palma da olio e segherie, e spostano le attività tra regioni e paesi per evitare l'intervento della polizia locale e internazionali. Per combattere tutto questo, l'Interpol sta applicando una legge coordinata a livello internazionale e lo sforzo nella  formazione del personale e nei mezzi ha un costo stimato dai 20 ai  30 milioni di dollari all'anno.

La relazione completa, "Green Carbon, Black Trade,," può essere letto qui .

Immagine: .reuters.com/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria