Taiwan si concentra sul riciclaggio di terre rare


Taiwan renderà il riciclaggio dei dispositivi elettronici  utilizzati un importante obiettivo di sviluppo, perché le rare earths estratte sosterranno la produzione di energia rinnovabile e ridurranno la dipendenza esterna del paese su tali materiali.

Questo è quanto si propone il professore della National Taiwan University Ma Hsiao-kang, specializzato in ingegneria meccanica.

Taiwan potrebbe avere la capacità nei prossimi 10 anni di trattare i rifiuti elettronici, che possono contenere metalli come lutezio e terbio che sono fondamentali per le  tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio. Ma il paese ha bisogno di muoversi per raggiungere questo importante obiettivo, ha esortato lo studioso.

"Stiamo parlando del potenziale di un enorme mercato, perché molti paesi non sono in grado di elaborare tali rifiuti," ha detto lo studioso ad una conferenza internazionale sul riciclaggio a Taipei.

Taiwan spende attualmente 8 miliardi di dollari  all'anno per esportare spazzatura "high-tech" per il riciclaggio, ma se la gestione di tali rifiuti fosse fatta in casa permetterebbe di risparmiare una quantità enorme di denaro.

Con una tecnologia di riciclaggio più matura che dovrebbe emergere nel prossimo futuro, Taiwan potrebbe costruire un forte business d'importazione di rifiuti analoghi provenienti da altri paesi e perfezionare le rare earths di cui ha bisogno.

I materiali potrebbero essere utilizzati anche per impianti solari, eolico e attrezzature di bioenergia per facilitare lo sviluppo di energia sostenibile a Taiwan.

Tali sforzi sono necessari anche per fini strategici perché la Cina controlla oltre il 97 per cento della produzione mondiale di terre rare, portando più paesi a diversificare le fonti di approvvigionamento, ha detto Henrik Harjula, della Organization for Economic Co-operation and Development (OECD) official.

"È una sfida per molti paesi," ha detto Harjula. "Con le economie emergenti e i paesi industrializzati in lotta per il controllo di questi rari materiali, chi comincerà al più presto con questo sistema avrà un minore impatto di carenza di terre rare sullo sviluppo economico e tecnologico", ha detto concludendo il capo della divisione salute, ambiente e sicurezza dell'OECD.

Immagine: www.newscientist.com