Razzia di metalli nelle nostre città

720 bocce in lega di bronzo rubate in 5 circoli bocciofili della città di Torino. Ogni boccia pesa 920 grammi ed è in lega di bronzo. Una volta fuse vengono rivendute e sono soldi in contanti che sul mercato valgono 4,5 euro al kg

Ma non solo bocce. La crisi economica sta esplodendo in tutto il suo tragico aspetto e con i prezzi delle materie prime alle stelle ormai non si salva più niente.
La razzia del rame non conosce fine: grondaie in rame divelte direttamente da palazzi, aziende abbandonate, ferrovie, stazioni, tram, lampade... I carabinieri hanno sorpreso e bloccato una banda che stava letteralmente smontando la De Tomaso. A Terracina vecchia, in provincia di Latina, la notte girano bande di ladri che rubano rame dagli infissi, dalle grondaie, bronzo dei campanelli.

Si rubano anche statue in metallo dei santi, campane in bronzo delle chiese, dei loculi cimiteriali...

Insomma una ruberia continua che se non verrà bloccata rovinerà tanti bei luoghi antichi delle nostre piccole e grandi città il cui inestimabile patrimonio artistico è la nostra assicurazione e la nostra garanzia d'innanzi il difficile futuro che ci attende.

Immagini: larena.itebay.it



Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria