The Sea Sheperd: pronti a colpire ancora

Benché una corte d'appello degli Stati Uniti gli abbia proibito di avvicinarsi non oltre i 450 metri da una nave baleniera giapponese, Paul Watson, fondatore di The Sea Sheperd, detenuto in Germania la scorsa primavera su richiesta del Costa Rica per un'azione di protesta antisqualo risalente a dieci anni fa, e liberato in estate dopo aver sistemato la cauzione, è tornato oggi nell'Oceano del Sud con la Sea Shepherd Conservation Society, dotata di 4 navi, un elicottero e 2 droni pronti a confrontarsi con navi giapponesi dirette verso quello che il governo giapponese definisce un'operazione di caccia a fini scientifici il cui obiettivo è di uccidere 900 balene.

Questa settimana, quattro navi baleniere giapponesi salpano verso un santuario delle balene al largo dell'Antartico. Dicono che la caccia è per la ricerca. Ma gli ambientalisti non ci credono e affermano  che è solo una missione di caccia il cui scopo è sempre lo stesso: uccidere le balene per mangiare la loro carne di cui i giapponesi sono ghiotti.

Immagine: www.cbc.ca

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria