Energia in Europa: un boccone molto appetibile

La crisi energetica dell'Europa sta diventando un boccone molto appetibile per tanti Paesi stranieri. La crisi in Crimea ha riportato alla ribalta la questione energetica europea, che tenta di trovare forniture energetiche esterne al gigante russo del gas statale Gazprom. La Russia di Putin, pur non mostrando strappi definitivi con l'Occidente, tiene al guinzaglio però la vecchia Europa con il gas che gli fornisce.

Si cercano dunque alternative, che per quanto siano diversificate, non danno in quantità il corrispettivo di Gazprom, la più grande azienda in Russia e il più grande estrattore di gas naturale al mondo. Nel 2008 Gazprom ha prodotto il 17 per cento della produzione di gas mondiale e rappresentava un sorprendente 10 per cento del Pil russo. Nel 2012 invece ha rappresentato il 34 per cento delle importazioni di gas naturale dell'Unione europea.

Di recente, un rapporto sulla sicurezza energetica dell'Europa occidentale, pubblicato dall' U.S. Congressional Research Service (CRS), si è occupato del caso, incentrato su una manciata di alternative a Gazprom.
Si fa cenno al gas del Nord Africa, al gas dell'Asia centrale, a quello della Norvegia, pari al 35 per cento delle importazioni di gas naturale. Poi, c'è il GNL statunitense.

Nel Nord Africa, nuove leadership politiche e vaste riserve in paesi come Algeria, Libia ed Egitto, hanno il potenziale per diventare alcuni dei più grandi fornitori europei. I tre paesi insieme potrebbero fornire circa il 44 per cento di ciò che la Russia fa oggi, secondo la US Energy Information Administration ( EIA ).

Ma i problemi con le infrastrutture e l'instabilità politica sono sempre in mezzo.

Secondo la Energy Information Administration ( EIA ) l'Asia centrale si trova sulla cima delle più grandi riserve di gas naturale del mondo. Ma trasportare quel gas in Europa richiederebbe gasdotti lunghi e costosi attraverso diversi paesi. Tuttavia, l'UE ha proposto ciò che è noto come la strategia meridionale o corridoio meridionale per il trasporto di gas naturale dalla regione del Caspio attraverso la Turchia .

Tuttavia, al momento, sembra che il gasdotto Nabucco, che avrebbe dovuto trasportare il gas dalla Turchia all'Austria, non venga più considerato commercialmente fattibile.

Ora un progetto di gasdotto più piccolo ha preso il suo posto, conosciuto come il gasdotto Trans- Anatolian ( TANAP ). Questo gasdotto porterebbe il gas attraverso la Turchia dall'Azerbaijan e si connetterebbe con il Trans Adriatic Pipeline (TAP ), che scorre dal confine con la Turchia attraverso la Grecia e l'Albania e termina in Italia.

Ma i ritardi nella costruzione hanno costretto i paesi dell'Asia centrale a caccia di clienti a est. La costruzione TANAP dovrebbe iniziare alla fine dell'anno ed essere completata entro il 2018 . Anche così , gasdotti europei avrebbero quindi bisogno di collegarsi alle infrastrutture in Italia , che dovrebbe presentare i suoi problemi.

Il Corridoio meridionale del gas che è stato progettato per trasportare in Europa il gas dal giacimento di Shah Deniz in Azerbaigian (si stimano riserve di 1,2 miliardi di metri cubi)attraverso la Turchia è molto promettente ed è di grande importanza per l'Europa. Entro il 2018, le forniture di gas naturale annuali dall'Azerbaijan verso l'Europa attraverso il gasdotto TANAP ammonteranno a 16 miliardi di metri cubi, 6 miliardi di metri cubi di che soddisfare una domanda in Turchia, mentre il restante 10 miliardi di metri cubi verrà messa in vendita in Europa. Secondo le stime degli analisti, questa cifra potrebbe aumentare fino a 25 miliardi l'anno ma non prima del 2025.

Probabilmente, il futuro energetico dell'Europa si concentrerà sul gas naturale liquefatto importato dagli Stati Uniti, che a oggi, sembra sia l' opzione più propagandato. Anche se poi, lo U.S. Energy Department ha approvato finora solo sette applicazioni su più di 20, e solo una ha avuto l'approvazione finale da parte del Federal Energy Regulatory Commission.

Già dal prossimo anno: "Per quanto riguarda le forniture di gas di scisto, gli Stati Uniti intendono fornire gas liquefatto ai mercati europei a partire da quest'anno già. Un impianto a gas liquefatto come pure un numero di terminali sono in costruzione sulla costa orientale per questo scopo. E 'chiaro che tali forniture non possono diventare semplicemente un'alternativa assoluta al gas russo, ma, in ogni caso, saranno forniti in volumi impressionanti. Così, i consumatori europei non dovranno affrontare gravi problemi di approvvigionamento energetico nel prossimo futuro ", ha sottolineato l'ex presidente della compagnia petrolifera di Stato dell'Azerbaigian (SOCAR) ed esperto di economia, in una sua recente intervista a 1news.az


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria