La sfida ambientale dell'India

Le tragiche vicende indiane fatte di violenza balorda e sfrenata, finite sulle prime pagine di tutti i giornali e telegiornali, hanno scosso le coscienze di tutto il mondo ma non hanno comunque insegnato nulla ai mostri che tuttora perpetrano le loro perverse attività criminose verso le donne.

L'India, terza economia del globo e seconda economia per sviluppo di crescita, mal si coniuga all'indecente livello di analfabetismo, povertà e malnutrizione che nelle sue città, strade e baraccopoli mostrano così palesemente. Al pari del gigante dei giganti, la Cina, che sta per diventare la prima economia planetaria scalzando gli Stati Uniti, sempre primi sin dal 1872, il subcontinente indiano dovrà ora occuparsi seriamente delle enormi sfide ambientali che dovrà affrontare, che s'intrecciano inevitabilmente tra le economie emergenti. 

Un recente rapporto dell'ONU sui cambiamenti climatici ha rivelato che l'India è una delle nazioni più a rischio del mondo in fatto di catastrofi e molti dei suoi 1,2 miliardi di persone vivono in zone vulnerabili soggette ad inondazioni, cicloni e siccità. Naturalmente, tutti gli aspetti della sicurezza alimentare sono potenzialmente colpiti dai cambiamenti climatici, compreso l'accesso al cibo, l'utilizzo del territorio e la stabilità dei prezzi, ha detto a Reuters Aromar Revi, esperto sull'India e autore principale dell'ultimo rapporto dell'IPCC.

Secondo la United Nations Food and Agriculture Organization l'India è il secondo più grande produttore di riso e grano nel mondo. Il grano, una coltura stabile un po' ovunque, è particolarmente sensibile agli aumenti di temperatura. Le tendenze del riscaldamento alle temperature superficiali dovute a cambiamenti climatici hanno influenzato questi i raccolti. La fertile pianura indo-gangetica  è sotto la minaccia di una significativa riduzione delle rese del frumento. Attualmente la zona produce 90 milioni di tonnellate di grano all'anno, pari a quasi il 15 per cento della produzione mondiale, ma le proiezioni indicano un calo quasi del 51 per cento nelle zone a più alte rendimento a causa di temperature più calde. Tale scenario potrebbe essere disastroso per i circa 200 milioni di abitanti delle pianure, la cui assunzione di cibo dipende dai raccolti.

Per mitigare un poco le cose, anche se più di tanto non si può fare, il governo indiano si sta muovendo. Poiché circa il 17 per cento della popolazione indiana è denutrita, il governo, con una legge del National Food Security Act, che richiede la vendita di cereali pesantemente sovvenzionate al 70 per cento della sua popolazione e firmata lo scorso settembre dal presidente indiano, sta ora legalmente fornendo di prodotti in grano più di 800 milioni di persone ogni mese.

Per l'India, la sfida ambientale diventa sempre più urgente e cruenta ed implica azioni drastiche e risolutive. Sarebbe già molto se cominciasse a ridurre le emissioni di carbonio, che sono in aumento del 7,7 per cento (dati del 2012), e le emissioni di CO2 prodotte dalle centrali a carbone al 10,2 per cento. Solo così potrebbe sperare di raggiungere, se non una serena vecchiaia, almeno l'idea di non farsi da male da sola.


Immagini: in.reuters.com/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria