Inquinamento del carbone negli oceani

Ogni anno, gran parte del mercurio tossico proviene dalla combustione di più di 8,3 milioni di tonnellate di carbone per fornire energia per le reti elettriche. Come risultato di questa insaziabile dipendenza per il carbone,  nei nostri oceani  la tossicità del mercurio è triplicata per oltre 80.000 tonnellate di veleno. L'ottanta per cento dei pesci esaminati sono avvelenati dal mercurio metilico, dicono gli scienziati del Biodiversity Research Institute in Maine.

Nel dicembre del 2013 la concentrazione di Shanghai di minuscole particelle tossiche PM 2,5 è stato di 602,5 microgrammi per metro cubo, un livello molto pericoloso che ha infranto tutti i record precedenti di inquinamento atmosferico tossico.

Lo standard di sicurezza accettabili dell'Organizzazione Mondiale della Sanità della qualità dell'aria è di 25 microgrammi per metro cubo.

Questo lavoro arriva sulla scia di una ricerca all'inizio di questa primavera che ha trovato che in Asia c'è molto inquinamento atmosferico tossico derivante dalla combustione del carbone, che sta cambiando i modelli climatici globali.

La Cina brucia un sorprendente 69 per cento (o più di 5,7 miliardi di tonnellate) di tutto il carbone consumato sulla Terra. Mega tonnellate di vapori di mercurio velenoso e altri di fuliggine stanno provocando tempeste più forti e intense nel Pacifico, causando pesanti regimi pluviometrici più dannosi. E si prevede anche di peggio.

In soli 5 anni, dal 2005 al 2009, la Cina ha aggiunto l'equivalente di tutta la flotta delle centrali elettriche  a carbone degli Stati Uniti o di 510 nuove centrali a carbone da 600 megawatt.

Quando il mercurio si infiltra i nostri oceani, le zone umide e le foreste sono in forma organica di metil-mercurio. Di conseguenza, il mercurio metilico si accumula nei pesci e nella catena alimentare di cui fanno parte. Pertanto, quando raggiunge i predatori  come tonni, aquile o esseri umani è altamente concentrato. Il  Metil mercurio è un orribile neuro-tossina. Non esiste alcuna cosa come un livello sicuro di metil-mercurio.

Il mercurio è un metallo pesante; e danneggia irreversibilmente il cervello umano, reni e polmoni che altera la visione, dell'udito e del linguaggio, e distrugge in modo permanente il sistema nervoso centrale. In realtà, l'avvelenamento da mercurio provoca malattie o acrodynia or Pink disease, Hunter-Russell syndrome e la malattia di Minamata.

Gli scienziati federali dicono che l'Alaska potrebbe perdere tutti i suoi orsi polari se il ghiaccio marino estivo si restringe. Come se ciò non bastasse, questi grandi predatori sono pieni di mercurio, un metallo pesante tossico.

Orsi polari dell'Alaska, pipistrelli californiani, pantere della Florida, uccelli marini australiani, i delfini del Nord Atlantico, le balene del Pacifico blu e 175 diversi tipi di animali provenienti dal nordest degli Stati Uniti hanno livelli ematici  di avvelenamento da mercurio.

Questi animali mostrano in maniera inequivocabile di come sia diventato inquinato il nostro pianeta.

Sappiate, tuttavia, che ciò che facciamo per i nostri oceani e per gli animali, lo facciamo a noi stessi.

E allora, avanti a spron battuto con le energie rinnovabili o meglio ancora con l'energia solare.

Fonte: www.huffingtonpost.com/
Immagine: www.ibtimes.com/

Nell'immagine: modelli di polistirolo di pesci morti collocati dagli attivisti ambientalisti di Greenpeace galleggiano nei pressi di una nave ormeggiata nel fiume più inquinato da metalli pesanti dell'Argentina,

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria