Iran: il più grande giacimento di gas al mondo: South Pars

Il ministro del Petrolio iraniano Bijan Namdar Zangane dice che la capacità di produzione di gas dell'Iran aumenterà di circa 200 milioni di metri cubi in due anni. Questo poichè, si sta andando avanti nelle 30 fasi progettuali del campo di South Pars, che sarebbe l'estensione settentrionale del gigantesco giacimento North Field del Qatar.

Il campo di South Pars si estende su una superficie di 500 chilometri quadrati e si trova a 3.000 metri sotto il fondale marino a una profondità di 65 metri.

Il giacimento di gas di South Pars è il più grande giacimento di gas al mondo, di cui la parte iraniana possiede 14 miliardi di metri cubi di gas. Le riserve del campo rappresentano circa il 40 per cento del totale delle riserve di gas dell'Iran, e quasi la stessa quantità di produzione totale di gas industriale del paese.

Il campo è di proprietà congiuntamente tra Iran e Qatar. La parte iraniana per giungere ad una completa produzione si articola in 24 fasi. Una volta che tutte le 24 fasi del giacimento di gas di South Pars entreranno in esercizio, la produzione totale di gas del campo dovrebbe raggiungere un miliardo di metri cubi.

La produzione lorda di gas del Qatar presso il campo è quasi due volte più della produzione dell'Iran. Tuttavia, la produzione iraniana è aumentata due volte negli ultimi dieci anni. E' accaduto durante i due mandati presidenziali di Mahmoud Ahmadinejad (dal 2005 al 2013) quando sono entrati in funzione le prime 10 fasi e l'uscita del gas al lordo delle fasi da 1 a 10 ha raggiunto 285 milioni di metri cubi al giorno.

L'altro proprietario di North Field, il Qatar, è il più grande produttore di gas naturale liquido del mondo e  ogni anno produce dalla sua parte 155 miliardi di metri cubi di gas. Secondo la US Energy Information Administration (EIA), la cifra è esattamente 5 volte maggiore di quella di dieci anni fa. D'altra parte, mentre il Qatar estrae 450.000 barili al giorno di greggio dallo strato di olio del campo, l'Iran ancora non ha ancora sfruttato lo strato di olio.

"La prima priorità del ministero del petrolio è quello di sviluppare le fasi 12, 15, 16, 17, e 18 del campo", ha detto Zanganeh. "Una volta che le fasi sono  in funzione, verrà avviato lo sviluppo delle altre fasi ", ha spiegato. Le prime 12 fasi dello sviluppo sono attualmente in corso e avranno la capacità di un miliardo di piedi cubi e 40.000 barili di condensato al giorno.

Il ministro del petrolio iraniano ha anche detto che il giacimento di gas diventerà operativo entro la fine dell'anno civile iraniano di 1396 (a fine 20 Marzo 2018).

Fonti: en.trend.az/
- www.offshore-

Immagine: www.offshoreenergytoday.com/
www.naturalgasasia.com/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria