Passa ai contenuti principali

Iraq: il califfato del terrore


In un mondo senza Dio, tutto è destinato a bruciare... e l'uomo ancora non l'ha compreso.

Questo nostro bel pianeta azzurro, datoci in gestione da Colui che tutto ha creato, e che l'uomo sta distruggendo insensatamente con un continuo disboscamento e un uso sempre più sfrenato dei combustibili fossili, pone seri problemi ambientali. La combustione di combustibili fossili produce circa 21.300 milioni di tonnellate (21,3 gigatonnellate) di anidride carbonica (CO2) all'anno, ma i processi naturali, quelli non provocati dall'uomo, ne possono assorbire solo circa metà di tale importo.

Ma il mondo sta bruciando anche per altri motivi, che nulla hanno a che fare con l'ambiente e il riscaldamento globale. Il punto dolente è proprio laddove ha avuto inizio la storia dell'Umanità: l'antica Mesopotamia, la Siria e la Terra Santa, luoghi dove la mano dell'uomo irresponsabile continua a fomentare morte, atrocità, distruzione...

 "Non si fa la guerra in nome di Dio", ha detto ieri il Papa all'Angelus. "Mi lasciano incredulo e sgomento le notizie dall'Iraq. Migliaia di persone e cristiani cacciati dalle case in modo brutale. Bimbi morti di sete e fame durante la fuga. Donne sequestrate, persone massacrate, violenze inaudite,distruzione di patrimoni religiosi e culturali", ha aggiunto Papa Francesco. 

Il movimento jihadista del cosiddetto Stato islamico dell'Iraq e del Levante, guidato dal califfo al-Baghdadi avanza speditamente con la sua artiglieria e con le sue milizie ben più spietate di Al-Qaeda nell'Iraq settentrionale martoriato per imporre il Califfato che nei suoi folli propositi dovrebbe comprendere anche Roma. I jihadisti del califfato islamico hanno ormai preso il controllo delle principali città cristiane nel Nord dell'Iraq; l'ultima è Talkeef, a nord di Mosul.  Curdi irakeni incalzati dalle milizie jihadiste:  un vero e proprio esodo tra le colline desertiche di Erbil.

L'aviazione militare Usa ha annunciato di aver compiuto diversi raid nel nord  dell'Iraq contro i miliziani dell'Isis. Caccia e droni statunitensi hanno distrutto veicoli blindati dei jihadisti, definiti da Obama "terroristi barbari".  

Nei giorni scorsi una donna di 40 anni è stata giustiziata per avere imprecato contro i jihadisti e cercato di convincere i commercianti di un mercato locale a non vendere loro alcuna merce. La donna è stata uccisa a colpi d'arma da fuoco nei pressi della sua casa, nel villaggio di Al Zab, a sud-ovest di Kirkuk.
             
Dopo i raid aerei americani contro le postazioni dell'Isis, l'Onu sta lavorando alla "creazione di corridoi umanitari" per  evacuare i civili intrappolati. Già  20mila dei 40mila yazidi rifugiati sul  monte Sinjar sono riusciti a fuggire, attraverso un corridoio di fuga controllato dai combattenti curdi.  Dal cielo piovono anche viveri, medicinali e soprattutto acqua per aiutare la popolazione in fuga: sono migliaia e migliaia a fuggire. Cristiani e appartenenti alla minoranza religiosa degli yazidi, seguaci di un antico credo pre-islamico,  "giustiziati" dai jihadisti.  La denuncia arriva dal ministro iracheno dei Diritti Umani,  Kamil Amin, che fornisce anche particolari agghiaccianti: le vittime sono state sepolte vive in fosse comuni. Il ministro, al-Sudani, afferma di avere le prove che si tratta soprattutto di donne e bambini. Sembra inoltre, che centinaia di donne della minoranza yazidi, tutte sotto i 35 anni,  siano tenute prigioniere dai jihadisti sunniti in alcune scuole a Mosul: il timore è che possano essere vendute come schiave o, secondo quanto denuncia il portavoce del ministero per i Diritti umani, utilizzate come oggetti sessuali   "in modi umilianti da quei terroristi per soddisfare i loro istinti animali in un modo che contraddice tutti i valori islamici e umani".

Immagini: d4niel444.blogspot.it
voxnews

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…