Tra un decennio non ci sarà più acqua per tutti

Un vasto studio effettuato presso vari centri di ricerca nel mondo segnala che, entro il 2040, saranno molte le aree del mondo che non avranno più accesso all'acqua potabile .

Incentrato su quattro differenti casi di studio in Francia, Stati Uniti, Cina e India, tre anni di ricerche hanno svelato che la popolazione mondiale subirà una grave carenza d'acqua nei prossimi 25 anni.

Lo studio ha riferito che circa il 30-40 per cento del mondo soffrirà la penuria d'acqua entro il 2020, aggiungendo che il cambiamento climatico può fare questo e anche peggio.

Secondo i ricercatori del Aarhus University in Denmark, Vermont Law School and CNA Corporation in the US, si tratta di uno scontro di prima necessità in competizione tra acqua potabile e domanda di energia.

Mentre le centrali elettriche richiedono cicli di raffreddamento, al fine di operare, nella maggior parte dei paesi, l'elettricità è la principale fonte di consumo di acqua. Come l'energia solare ed eolica sono gli unici sistemi energetici che non hanno bisogno di cicli di raffreddamento. I ricercatori suggeriscono anche che i vecchi sistemi energetici, per una maggiore sostenibilità,  debbono essere sostituiti con energia eolica e solare. "E'  un problema enorme che nel settore energetico non ci si renda conto della quantità di acqua che effettivamente si consuma. E, insieme al fatto che non abbiamo  risorse illimitate di acqua, potrebbe causare una grave crisi se non si agisce presto," ha detto il Professor Benjamin Sovacool della Aarhus University. E ha aggiunto: "Se continuiamo a fare le cose come al solito, saremo di fronte ad una carenza di acqua insormontabile. Entro il 2040, se continuiamo a fare quello che stiamo facendo oggi non ci sarà più acqua per tutti.  Non c'è più tempo da perdere. Dobbiamo agire ora".

Al momento attuale sono ancora molti i paesi in Africa e in alcuni altri paesi in via di sviluppo che stanno vivendo la scarsità d'acqua.

Fonte e immagine: www.presstv.ir/