Passa ai contenuti principali

California: grandi dispute sul piano di energie rinnovabili nel deserto

Si è spesso parlato negli anni passati di energia solare nel deserto, una risorsa pressochè inestinguibile d'irradiazione nei luoghi più aridi del pianeta.

La California è un mercato solare ad alto potenziale ed è la patria di uno dei più forti luoghi d'irraggiamento solare del mondo, ma molti progetti di energia solare su larga scala previsti nel deserto sono in fase di stallo o sono stati abbandonati.

Poche zone sono più in gioco del sud della California, che vanta alcuni dei migliori impianti solari, eolici e geotermici tra le risorse del mondo. Più in particolare, essa fornisce un incentivo a costruire progetti di energia rinnovabile nelle "aree di interesse per lo sviluppo", in cui le autorità di regolamentazione hanno determinato che ci sono poche eventuali risorse ambientali sensibili.


L'energia rinnovabile è da tempo una delle priorità dell'amministrazione Obama, ma individuando progetti eolici, solari e geotermici su terreni federali si è rivelato più difficile del previsto.

Quando il presidente Barack Obama ha promesso alle Nazioni Unite che l'America sarebbe stata drastica nel ridurre le emissioni di carbonio, non menzionò il deserto. Questo poichè ancora in quei giorni a Palm Spring ci si stava preparando all'annuncio del Desert Renewable Energy Conservation Plan (DRECP). Un progetto senza precedenti per portata e su scala, che definisce le regole di base per il prossimo quarto di secolo di energia solare, eolica e sviluppo geotermico in tutti i 22,5 milioni di ettari del deserto nel sud della California, divisi in zone designate per lo sviluppo di energie rinnovabili, la conservazione e la ricreazione, lo svago. Progetti eolici, geotermici e solari verrebbero impiantati nelle "aree di interesse dello sviluppo", mentre altre aree designate sono protette dallo sviluppo delle energie rinnovabili

Ci sono voluti cinque anni per creare il "Desert Conservation Renewable Energy Plan" e soltanto il mese scorso, il Department of the Interior (DOI) lo ha presentato. Il DOI vuole proteggere quasi 2 milioni di acri come "aree critiche di interesse ambientale" per 37 specie in via di estinzione, come il condor della California e il bighorn del deserto (nell'immagine).

Il piano viene visto come un passo fondamentale nella riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dell'80 per cento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050. Per l'amministrazione Obama il piano è "una pietra miliare" nella lotta contro il cambiamento climatico, mantenendo intatto il livello paesaggistico del deserto. "Ci sono aree che sono perfette per lo sviluppo e aree che sono troppo mature per svilupparsi. Alcune di queste siti sono sacre." disse il presidente a riguardo.

Il Desert Renewable Energy Conservation Plan (DRECP) cerca di minimizzare il conflitto tra energie rinnovabili e la conservazione dei siti, perciò ha designato alcune aree di sviluppo ed alcune zone di protezione.

Pur tuttavia, si sono incontrati ostacoli, guai finanziari locali e ambientalisti sul piede di guerra che hanno attaccato i progetti che secondo loro avrebbero disturbato gli ecosistemi, rovinato vedute panoramiche e ucciso un gran numero di uccelli e tartarughe, tra le altre specie. Molti dei progetti federali sono stati impantanati da ostacoli finanziari, incertezza sulla normativa e rigorose analisi ambientali. Ci sono sicuramente molte polemiche sulla versione finale.

In uno dei più grandi paesaggi desertici ancora intatti negli Stati Uniti, i gruppi di ambientalisti vogliono lo sviluppo diretto di terreni agricoli degradati e altre aree già disturbate. Ad esempio, essi si oppongono all'apertura della Silurian Valley nei pressi di Death Valley National Park, dove Iberdola Renewables vuole costruire un progetto di energia solare ed eolica sui 23 miglia quadrate. C'è poi la California Wind Energy Association, che stima 12.500 megawatt di energia eolica come necessario nel deserto entro il 2040 per soddisfare gli obiettivi climatici degli Stati Uniti.

Resta grande disaccordo sul modo migliore per spartirsi il deserto, una lotta che entrerà nel vivo il prossimo anno quando sarà ultimata la stesura del testo sul Desert Renewable Energy Conservation Plan.

Immagini: inhabitat.com - www.nps.gov

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…