Passa ai contenuti principali

Carbone: questi sono i fatti


Fino a poco tempo erano fiorenti comunità costiere. Ma l'aumento del livello del mare e l'erosione  ha costretto il trasferimento di almeno 300 rifugiati climatici dai villaggi di Vunidogoloa e Narikoso nelle isole Fiji. Qualche giorno fa un gruppo di isolani del Pacifico meridionale si sono fatti sentire, prendendosela con quello che per loro è un potente simbolo del loro problema in Australia - il secondo più grande esportatore di carbone. Imbarcatosi con le loro canoe tradizionali hanno bloccato Newcastle, uno delle porte del carbone più grandi al mondo, per attirare l'attenzione sul riscaldamento globale.

Dopo l'infelice e discutibile frase sul carbone : "il carbone è un bene per l'umanità", detta dal Primo ministro australiano Tony Abbott il problema del carbone sta diventando argomento di maggior discussione negli ambienti dove questo minerale, emblema della rivoluzione industriale, ha i suoi pro e i suoi contro. 

"Le nostre isole del Sud Pacifico stanno già avvertendo l'impatto del cambiamento climatico, ma questo influenzerà tutti sulla terra", ha detto un giovane operaia delle Isole Marshall.

L'anno scorso l'Australia ha esportato 39,8 miliardi di dollari di carbone, la seconda fonte più grande di esportazione dopo il ferro. La produzione annua di carbone termico australiano - il tipo bruciato per produrre energia elettrica -previsioni di crescita del 3 per cento annuo di 291 milioni di tonnellate nel 2018. Il paese ha circa 110 anni di riserve di carbone nero e 500 anni di lignite.

Gli ambientalisti dicono che il carbone, che produce quasi il doppio di gas a effetto serra quando è bruciato come il gas naturale, deve rimanere nel terreno per evitare un riscaldamento catastrofico.

A favore del carbone, naturalmente, ci sono i grandi investitori, tra cui BHP Billiton, Rio Tinto e Glencore, i quali sostengono che il carbone è un combustibile vitale e necessario per sollevare centinaia di milioni di persone nei paesi in via di sviluppo e farli uscire dalla povertà.

"L'energia a buon mercato è il modo in cui far crescere la tua economia", ha detto Peter Lynch, presidente di Cokal, un'impresa specializzata in coking coal, che viene utilizzato per produrre l'acciaio.

"E' ipocrisia delle nazioni sviluppate girare intorno al problema e dire che il mondo in via di sviluppo non dovrebbe utilizzare il carbone quando lo hanno fatto loro stessi." La pensa così Peabody Energy che recentemente ha lanciato una campagna online per sollecitare i leader del G20 a favore dell'industria carbonifera per la lotta contro la povertà energetica.

Fortunatamente, i costi per l'energia rinnovabile stanno scendendo e diventano più competitivi con quelli dei combustibili fossili. Ogni anno la banca d'investimento Lazard mette insieme un'analisi del costo per costruire nuova capacità di energia elettrica da fonti energetiche multiple e calcola il costo livellato dell'energia, o LCOE, una approssimazione di costo per kWh. La cosa interessante è che negli ultimi anni Lazard sta facendo caso che le rinnovabili stanno diventando l'opzione energetica più economica per le nuove centrali.

Il crollo dei prezzi, l'attivismo ambientale e l'aumento delle energie rinnovabili sono alcuni dei venti contrari che deve affrontare l'industria mineraria

Da quando ha assunto il potere lo scorso anno, Tony Abbott, questo politico controcorrente, che se ne infischia altamente di tutto il male che il carbone ha causato (non dimentichiamoci però tutto il bene che ha portato nella qualità della vita di centinaia di milioni di persone nel passato), ha fermamente sostenuto i minatori di carbone privilegiando la crescita economica su la protezione dell'ambiente. Il suo governo ha abrogato le tasse sul carbone e le attività minerarie, e ha inoltre approvato operazioni carbonifere nei pressi della Grande Barriera Corallina, avviando, dulcis in fundo, un riesame volto a ridurre gli incentivi per le energie rinnovabili - mossa che ha attirato critiche da attivisti ambientali e partiti di opposizione.

E questa, almeno per oggi, è una buona notizia.

Immagine: thirddegreeshow.blogspot.it/ 

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…