Energia solare dal mare: il sogno di Giulio Verne

Più del 70% della superficie terrestre è coperta dagli oceani. Gli oceani sono il più grande collettore di energia e di stoccaggio di energia solare del mondo. In una giornata media, 60 milioni di chilometri quadrati (23 milioni di miglia quadrate) di mari tropicali assorbono una quantità di radiazione solare pari al contenuto di calore di circa 250 miliardi di barili di petrolio. Se soltanto 1/10 di questa energia solare immagazzinata venisse convertita in energia elettrica, potrebbe fornire più di 20 volte la quantità totale di energia elettrica consumata negli Stati Uniti in un dato giorno.

Il lungimirante Giulio Verne ha immaginato questa fonte di energia illimitata in epoca vittoriana - ora gli ingegneri del 21 ° secolo dicono che il calore intrappolato negli oceani potrebbe fornire elettricità per il mondo.

Dopo una pausa trentennale con problematiche di costi elevati oggi la tecnologia OTEC potrebbe fornire elettricità alle basi navali e le isole sfruttando l’energia talassotermica

I sistemi OTEC utilizzano il gradiente di temperatura che si genera nell’oceano tra la superficie dell’acqua ed il fondale. Il processo consiste nel pompare acqua fredda, presente in profondità, verso la superficie dove si trova acqua a temperatura superiore. Utilizzando la differenza di temperatura si può azionare una turbina collegata ad un generatore elettrico. In sostanza l’OTEC converte la radiazione solare in energia elettrica utilizzando il naturale gradiente di temperatura dell’oceano. La differenza di temperatura, tra l’acqua calda presente in superficie e l’acqua fredda, proveniente da un fondale di circa 600 metri, è pari a circa 20°C e può produrre una importante quantità di energia.

Al momento OTEC sta lavorando ad una centrale elettrica galleggiante utilizzando l'energia solare immagazzinata nelle calde acque tropicali delle Grand Cayman. Ciò potrebbe sostituire i generatori diesel sull'isola. La centrale sarà ormeggiata al largo della costa nord delle Grand Cayman e collegata alla rete elettrica mediante un cavo interrato in esecuzione di una sottostazione a terra, vicino al ristorante Over the Edge.

Il progetto di conversione dell'energia termica dagli oceani dovrebbe essere il primo impianto commerciale al mondo.

L'azienda mira a fornire inizialmente 6,25 megawatt di potenza elettrica, aumentando la produzione a 25 megawatt dopo un periodo di prova.

In caso di successo, l'impianto di conversione dell'energia termica degli oceani sarebbe in grado di fornire energia affidabile alla rete nazionale 24 ore al giorno, riducendo la dipendenza dai combustibili fossili.

L'intero costo del progetto, compresa la valutazione di impatto ambientale, è a carico di OTEC International, che è sostenuto da un'organizzazione benefica con sede a Baltimora la Fondazione Abell.

News from OTEC

Immagini: www.forbes.com/- www.hollowearthnetwork.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria