Passa ai contenuti principali

Energia solare dal mare: il sogno di Giulio Verne

Più del 70% della superficie terrestre è coperta dagli oceani. Gli oceani sono il più grande collettore di energia e di stoccaggio di energia solare del mondo. In una giornata media, 60 milioni di chilometri quadrati (23 milioni di miglia quadrate) di mari tropicali assorbono una quantità di radiazione solare pari al contenuto di calore di circa 250 miliardi di barili di petrolio. Se soltanto 1/10 di questa energia solare immagazzinata venisse convertita in energia elettrica, potrebbe fornire più di 20 volte la quantità totale di energia elettrica consumata negli Stati Uniti in un dato giorno.

Il lungimirante Giulio Verne ha immaginato questa fonte di energia illimitata in epoca vittoriana - ora gli ingegneri del 21 ° secolo dicono che il calore intrappolato negli oceani potrebbe fornire elettricità per il mondo.

Dopo una pausa trentennale con problematiche di costi elevati oggi la tecnologia OTEC potrebbe fornire elettricità alle basi navali e le isole sfruttando l’energia talassotermica

I sistemi OTEC utilizzano il gradiente di temperatura che si genera nell’oceano tra la superficie dell’acqua ed il fondale. Il processo consiste nel pompare acqua fredda, presente in profondità, verso la superficie dove si trova acqua a temperatura superiore. Utilizzando la differenza di temperatura si può azionare una turbina collegata ad un generatore elettrico. In sostanza l’OTEC converte la radiazione solare in energia elettrica utilizzando il naturale gradiente di temperatura dell’oceano. La differenza di temperatura, tra l’acqua calda presente in superficie e l’acqua fredda, proveniente da un fondale di circa 600 metri, è pari a circa 20°C e può produrre una importante quantità di energia.

Al momento OTEC sta lavorando ad una centrale elettrica galleggiante utilizzando l'energia solare immagazzinata nelle calde acque tropicali delle Grand Cayman. Ciò potrebbe sostituire i generatori diesel sull'isola. La centrale sarà ormeggiata al largo della costa nord delle Grand Cayman e collegata alla rete elettrica mediante un cavo interrato in esecuzione di una sottostazione a terra, vicino al ristorante Over the Edge.

Il progetto di conversione dell'energia termica dagli oceani dovrebbe essere il primo impianto commerciale al mondo.

L'azienda mira a fornire inizialmente 6,25 megawatt di potenza elettrica, aumentando la produzione a 25 megawatt dopo un periodo di prova.

In caso di successo, l'impianto di conversione dell'energia termica degli oceani sarebbe in grado di fornire energia affidabile alla rete nazionale 24 ore al giorno, riducendo la dipendenza dai combustibili fossili.

L'intero costo del progetto, compresa la valutazione di impatto ambientale, è a carico di OTEC International, che è sostenuto da un'organizzazione benefica con sede a Baltimora la Fondazione Abell.

News from OTEC

Immagini: www.forbes.com/- www.hollowearthnetwork.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…