Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2015

La mostruosa crescita del trasporto merci è già iniziata

Immagine
Entro il 2050 il trasporto merci internazionale si quadruplicherà. A causa di questi profondi cambiamenti nei flussi commerciali mondiali, le emissioni di CO2 dovute al trasporto merci aumenteranno del 286% . Le emissioni del trasporto merci scaricherà più anidride carbonica rispetto al traffico passeggeri e diventerà così la principale fonte di emissioni di CO2 entro la metà del secolo.

Il percorso Nord Pacifico supererà il Nord Atlantico come corridoio commerciale più trafficato al mondo in termini di volume di merci (in tonnellate-km), in forte crescita di 100 punti percentuali del Nord Atlantico. Anche il corridoio Oceano Indiano avrà una grande crescita, con un volume di merci quadruplicato.

Questi sono solo alcuni aspetti messi in luce presso l' ITF Transport Outlook 2015, presentato ieri presso la sede dell'OCSE a Parigi.

"Il prevedibile aumento del trasporto globale rappresenta una sfida senza precedenti per i sistemi di trasporto di tutto il mondo", ha detto …

Utilizzare il Cloud seeding nel giorno del matrimonio

Immagine
L'agenzia di viaggi di lusso Oliver's Travels offre un "matrimonio" perfetto per clienti di fascia superiore, per oltre 100.000 dollari, promettendo di controllare il tempo meteorologico nel giorno del fausto evento.

Per garantire un bella giornata di sole alle nozze, l'azienda si avvale di un team di esperti meteorologi e piloti che fanno volare gli aerei sopra le nuvole per "seminare" lo ioduro di argento, un composto giallo, fotosensibile, utilizzato nella fotografia e nella pratica medica per le proprietà disinfettanti, ma che provoca anche l'eliminazione delle nuvole di pioggia che   scoppiono e scompaiono.

La tecnica è una forma di modificazione del tempo meteorologico denominato "cloud seeding" (inseminazione delle nuvole), la scienzadi alterare le nuvole per far e nonfar piovere, che, secondo  Oliver's Travels, è stata sviluppata alla fine degli anni 1940. Negli EmiratiArabi Uniti, per avere la pioggia, il cloud seeding è in…

El Niño: arriva o non arriva? Questo è il problema!

Immagine
Nel sud-est degli Stati Uniti tutti gli indizi portano a un andamento climatico di assestamento del fenomeno El Niño durante i mesi invernali. Lo afferma David Zierden, climatologo dello Stato della Florida, che ha parlato in occasione del recente Alabama Corn and Wheat Short Course tenutosi a Auburn. Questo, in un certo senso ha portato anche ad una stagione degli uragani relativamente inattiva. C'è quindi preoccupazione per una tendenza del fenomeno che esce un po' fuori dalle righe e non rispecchia i suoi tempi come dovrebbe e che incide molto sui raccolti specie del mais.

Il fenomeno provoca inondazioni, siccità e altre perturbazioni che variano a ogni sua manifestazione. I paesi in via di sviluppo che dipendono fortemente dall'agricoltura e dalla pesca, in particolare quelli che si affacciano sull'Oceano Pacifico, ne sono i più colpiti, sebbene si ritiene possa avere effetti anche su scala globale attraverso modificazioni della circolazione atmosferica gl…

I grandi progetti di energia solare della Marina e Aeronautica statunitense

Immagine
Gulf Power, la utility company della Florida, ha annunciato di avere in programma di lavorare con la Navy and Air Force per costruire tre grandi aziende di energia solare presso le strutture militari di Panhandle. Le nuove strutture dovrebbero generare fino a 120 megawatt di energia elettrica da fonti rinnovabili, abbastanza per alimentare 18.000 case.

Secondo un comunicato stampa di Gulf Power, i piani per le nuove strutture sono stati presentati per l'approvazione alla Florida Public Service Commission e le strutture potrebbero essere attive entro la fine del 2016.

Se approvati, i piani prevedono un impianto di 30 megawatt a Eglin Air Force Base in Fort Walton Beach, un impianto da 40 megawatt a Holley Field in Navarre e una struttura di 50 megawatt a Pensacola's Saufley Field.  Holley e Saufley Fields sono basi della Navy.  Gli impianti saranno sviluppati da HelioSage Energy, e saranno costruiti a partire da febbraio 2016, in attesa dell'approvazione da parte di FPSC.

S…

Masdar city: lo sviluppo sostenibile del Medio Oriente

Immagine
Lo sviluppo sostenibile del mondo è in rotta verso il lontano e medio Oriente: India, Cina e mondo arabo. Grazie al loro denaro e, probabilmente, ad un miglior approccio con la Natura di quanto abbiamo saputo fare fino ad oggi  noi occidentali (che abbiamo spolpato risorse ovunque ), un mondo meno inquinato diventa un miraggio meno impossibile.

Sotto l'auspicio dell'Abu Dhabi’s Sustainable Bioenergy Research Consortium(SBRC) il Masdar Instituteof Science and Technology, insieme con Etihad Airways, The Boeing Company, Honeywell UOP e il governo di Abu Dhabi fondarono il consorzio Safran con l'obiettivo d'intraprendere un progetto di cinque anni per studiare un nuovo sistema di agricoltura / acquacoltura integrato per la produzione di biocarburanti per l'aviazione ed elettricità, nonché pesci e gamberetti sui terreni marginali del deserto utilizzando l'acqua di mare in Abu Dhabi.

L'Abu Dhabi’s Sustainable Bioenergy Research Consortium (SBRC) ha aggiudic…

Arabia Saudita: l'energia di domani

Immagine
La previsione dell'Arabia Saudita nel completamento della costruzione di centrali nucleari e solari avrà un ritardo sui tempi di circa otto anni.

L'Arabia Saudita ha il 16% delle riserve certe di petrolio del mondo, è il più grande esportatore di liquidi petroliferi del mondo, e mantiene la più grande capacità di produzione di greggio del mondo.

 Nel 2012 in una conferenza stampa ad Abu Dhabi, Hashim Yamani, presidente del King Abdullah City for Atomic and Renewable Energy disse che il primo esportatore di petrolio al mondo avrebbe installato  entro il 2032, 17 gigawatt di energia nuclearee e circa 41 GW di solare. Attualmente l'Arabia Saudita non ha centrali nucleari.

"Il piano è iniziato con l'idea che dopo 20 anni di ricerca, il 2032 fosse la pietra miliare per l'energia del nostro Paese, tuttavia di recente, però, abbiamo rivisto l'outlook  (relazione periodica sullo stato dell’economia) insieme ai nostri stakeholder e abbiamo deciso di concent…

Il più piccolo laser del mondo

Immagine
Gli scienziati della Princeton University inventano il più piccolo laser del mondo. Il nuovo laser è la dimostrazione perfetta dell'interazione base della luce e gli elettroni in movimento. È simile a un chicco di riso in termini di dimensioni.

Il laser è alimentato da un singolo elettrone. Quindi, richiede energia elettrica di un miliardesimo che è uguale al consumo di energia elettrica di un asciugacapelli.


Il laser, dotato di atomi artificiali, notoriamente conosciuti come quantum dots, è in grado di diffondere l'energia nel campo delle microonde. Secondo Jason Petta, ricercatore presso Physics Associate Professor a Princeton, è una delle più rare cose disponibili per l'uso. Il  nuovo laser è piccolo tanto quanto si può semplicemente pensare ad un dispositivo con un singolo elettrone. Non ci sono molti esempi disponibili, che parlano di quantum computing, e questo laser può essere una seria iniziativa per questa materia.

Un altro passo avanti nella ricerca dell'infin…

Affari e tecnologia a gonfie vele tra India e Israele

Immagine
A differenza dei sberleffeggianti rapporti diplomatici che intercorrono tra il nostro Paese e l'India, che, oltre la questione dei nostri due marinai La Torre e Girone, si porta dietro anche la commessa "tangentenziata" volata via a Finmeccanica, sono invece sorprendentemente idilliaci, anzi, cresciuti esponenzialmente, i legami che India e Israele coltivano da un po', assai diversi dal tempo in cui vigeva la guerra fredda e ancor prima, quando il gigante asiatico era più strettamente alleato con l'Unione Sovietica e il mondo arabo; nel 1938, al tempi del Mahatma Gandhi venne criticata l'istituzione di uno stato ebraico.

Il fascino dell'India, il suo grande mercato, beni e servizi meno costosi e un ambiente rilassante sono le cose che piacciono agli israeliani, mentre lo spirito di impresa e di innovazione, tecnologia e affidabilità, come nel settore delle armi e agricolo, interessa l'India.

Lo scorso settembre il Primo ministro indiano Narendra Modi …

La corsa all'oro senza scrupoli

Immagine
La crisi economica mondiale e il picco economico sulle scoperte di giacimenti d'oro, ha visto il prezzo dell'oro salire, ma a differenza della tecnologia fracking, che ha salvato l'industria petrolifera, non c'è tecnologia conveniente che possa sfruttare la ricchezza di minerali da depositi sempre più profondi. 

Brent Cook, esperto geologo di Exploration Insights, con più di 30 anni di esperienza e brillante consulente per gli investimenti dice che non stiamo ancora a corto d'oro. Si sta cercando di
scoprire nuovi giacimenti auriferi ma la maggior parte di essi non sono economici. Ci sono20 million tons (20 Mt) di oro nelle acque dell'oceano, a cui, solo per darvi un'occhiata, occorrerebbero trilioni di dollari... decisamente costi proibitivi.

Sfruttamento record nelle foreste pluviali

L'estrazione dell'oro crea pure una grave questione ambientale, specie per  l'importanza che il genere umano deve alle foreste pluviali tropicali, le quali, secon…

Con un nome i tremendi cicloni asiatici diventano più familiari

Immagine
Gli tsunami non hanno nomi. Dieci anni dopo il terribile tsunami del 2004 in cui sono rimasti colpite le coste di diversi paesi asiatici, tra cui l'India, di quel tragico evento si ricorda solo l'anno della tragedia. Perchè allo tsunami non è mai stato messo un nome, né ai terremoti o alle alluvioni.

Probabilmente alla maggior parte delle persone può sembrare assurdo che si mettano dei nomi alle catastrofi naturali. Eppure è stata pratica comune per un po di anni dare nomi a fenomeni naturali di tipo altamente distruttivo come il ciclone.

Meno di 15 anni fa, poche persone in India associavano i cicloni ai nomi. I cicloni erano solo terribili tempeste che sorgevano nella Baia del Bengala e colpivano, con una sorta di regolarità maligna, le coste di Andhra Pradesh o Odisha o del Bengala Occidentale, o nel vicino Bangladesh. I cicloni sono stati identificati con l'anno della loro comparsa, e ricordati per la devastazione che hanno causato. Ma sono rimasti senza nome. Anch…

Energia del moto ondoso: l'energia che vale

Immagine
L'energia delle onde è molto più affidabile di altre fonti di energia incentivate. Una nuova analisi sostiene che i sistemi di energia delle onde su larga scala sviluppati nel nord-ovest del Pacifico potrebbero fornire una energia affidabile e costante che può essere integrata direttamente nella rete globale di energia a costi inferiori rispetto ad altre forme di energia alternativa.

I risultati confermano quello che i sostenitori credono: l'energia delle onde avrà molti meno problemi con la variabilità di alcune fonti di energia. Bilanciando la produzione di energia del moto ondoso su un'area geografica più ampia, la variabilità può essere ulteriormente ridotta.

Sono infatti l'alto costo e la variabilità delle fonti energetiche alternative a tratteneere un loro utilizzo più ampio. In Germania, le aziende del settore energetico stanno facendo più profitti vendendo spot sul solare al governo che quanta elettricità producono in 24 ore.

Diversamente dal solare, certament…

Anidride carbonica: meno male che ci sono le foreste pluviali tropicali

Immagine
Una nuova ricerca degli scienziati del Jet Propulsion Laboratory della NASA sostiene che le foreste pluviali tropicali assorbono molto più anidride carbonica (nota anche come biossido di carbonio o diossido di carbonio) di quanto non facciano le foreste boreali in Alaska, Canada, Siberia, e in altre regioni settentrionali fredde.

Una questione che è sempre stata nella mente degli scienziati del clima e dei biologi è quanta anidride carbonica una pianta assorbe in un dato periodo. I ricercatori della NASA hanno riferito la scorsa settimana nel Proceedings of the National Academy of Sciences che le foreste pluviali tropicali possono assorbire molta più anidride carbonica di quanto precedentemente stimato.

Secondo il rapporto,dei circa 2,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica annua assorbita dalle piante, le foreste pluviali tropicali ne assorbono 1,4 miliardi di tonnellate. Questo è molto più delle stime precedenti ed è più di quello stimato per le foreste boreali che,  tradizi…

Paraguay: bisogna arrivare a crocifiggersi per far valere i propri diritti?

Immagine
Nel piccolo Paraguay, una nazione, assieme alla Bolivia, senza sbocchi sul mare (i soli nell'America latina), la maggioranza della popolazione (circa 7 milioni di abitanti)
è di fede cattolica, e la croce, quella su cui è spirato Gesù, ha un forte valore simbolico.

Per questo è stata presa come simbolo della protesta da parte di alcuni ex lavoratori che si sono letteralmente inchiodati a grandi croci di legno. I lavoratori sostengono che gli sono dovuti diverse migliaia di dollari per il lavoro svolto molti anni fa nella costruzione della diga di Itaipù.

In Paraguay non è la prima volta che, per una disputa salariale si manifesta inchiodandosi alla croce. Tutto è iniziato nel 2004, quando un operaio scontento si è fatto inchiodare ad una croce. Da allora, la tattica è sempre stata utilizzata come forma di protesa da persone provenienti da vari settori. Questa forma sempre più comune di protesta è stata condannato dalla Chiesa cattolica romana.

L'ultima protesta è iniziata…

Clima 2015: un mondo da salvare

Immagine
Alla fine dell'anno appena iniziato, in quello che è ampiamente considerato come l'ultima possibilità di salvare il mondo dalle peggiori devastazioni del cambiamento climatico, 192 nazioni si sono impegnate a concordare un trattato globale sul clima, nella maratona di due settimane di negoziato a Parigi. Si tratta del più ambizioso compito politico nella storia.

Il piano per ogni paese è che s'impegni a drastici tagli delle emissioni di carbonio per dare al mondo una possibilità ragionevole di limitare il riscaldamento globale a 2 ° C - oltre il quale le conseguenze diventano sempre più devastanti.

Nel 2014 la lotta per frenare il cambiamento climatico ha compiuto alcuni passi da gigante, alimentando le speranze che un trattato significativo può essere concordato, ma il compito da svolgere è ancora enorme - alcuni dicono insormontabile.

Il passo più grande del 2014, quello che ci dovrebbe far entrare in una nuova era nell'azione verso il cambiamento climatico, è sta…