Regno Unito: cosa porterebbe un boom di auto elettriche

 
Secondo un nuovo studio del Cambridge Econometrics, le auto elettriche potrebbero ridurre le importazioni di petrolio del Regno Unito del 40% e ridurre la bolletta energetica dei guidatori di 13 miliardi di sterline, se distribuite su larga scala.

Una ondata di auto elettriche potrebbe valere una media di 1.000 sterline annue di risparmio di carburante, e innescare un calo del 47% di emissioni di carbonio entro il 2030.

Il documento, commissionato dalla European Climate Foundation, dice che gli inquinanti atmosferici come l'ossido di azoto e il particolato potrebbero essere tutti eliminati entro la metà del secolo, con enormi vantaggi a catena per la salute da malattie respiratorie e una riduzione del valore di oltre 1 miliardo di sterline.

Per godere i frutti di un boom di un veicolo ad energia pulita richiede però un'infrastruttura adeguata in tempi rapidi, come presuppone l'analisi di una distribuzione di oltre 6 milioni di veicoli elettrici entro il 2030,  con un aumento a 23 milioni entro il 2050.

"Ci sarà una transizione nei prossimi cinque, dieci anni, ma non sarà possibile vedere un cambio repentino del parco di veicoli elettrici fino a quando i consumatori non avranno superato le loro preoccupazioni da ansia da autonomia, che verrà superata solo con le spese di infrastrutture", ha detto Philip Summerton , uno degli autori del rapporto.

Con le stazioni di ricarica ancora relativamente scarse e "l'ansia da autonomia", il timore che i veicoli a batteria possono esaurire la batteria è stato un deterrente noto per i consumatori. Uno studio all'inizio di questo mese ha riscontrato che tali preoccupazioni erano più comuni  tra i conducenti di auto elettriche con meno esperienza. Ma anche l'Unione europea ritiene che la mancanza di infrastruttura di ricarica frena la nascente industria.

Secondo lo studio, il vantaggio per il PIL del Regno Unito in termini di riduzione dei costi del petrolio e l'aumento della spesa veicolo spesa potrebbe ammontare tra i 2,4 - 5 miliardi di sterline entro il 2030. Inoltre sarebbero creati tra i 7-19 mila posti di lavoro.

Direi, davvero, un gran bel boom anche per la salute del pianeta!

Immagine: www.theguardian.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria