Scoperta in Etiopia una vastissima riserva di gas naturale

In Etiopia sono state scoperte vaste riserve di gas naturale, che hanno attirato molte aziende internazionali, in particolare Black Rhino Group, società statunitense focalizzata sullo sviluppo e acquisizioni di progetti energetici e infrastrutturali in tutta l'Africa.

Attualmente è in corso la costruzione di un gasdotto che si estende dai porti marittimi di Gibuti ai depositi di carburante di Awash, attraverso Diredawa, città orientale dell'Etiopia.

Secondo Sendek Newspaper, la grande riserva di gas naturale scoperta recentemente in Arbaminch (in Amarico vuol dire, "40 sorgenti") nell'Etiopia meridionale, farà del Paese il maggior produttore di gas naturale del mondo, seguito da Russia, Qatar e Iran.

La Russia supera  il totale delle riserve di gas naturale accertate del mondo, circa un quarto del totale mondiale delle riserve di gas.

L'accordo è stato firmato a inizio febbraio da Tolosa Shagi, ministro etiope delle Miniere e Ali Yacoub Mahamoud, ministro dell'energia e responsabile del Dipartimento delle Risorse Naturali del Gibuti. Si dice che il progetto è costato 1,4 miliardi di dollari. Il gasdotto sarà lungo 550 chilometri e prevede di ridurre al minimo i camion di carburante che viaggiano dall'Etiopia a Gibuti.

Immagine: ethioxmedia.com


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria