Passa ai contenuti principali

Amazzonia: la torre che ci dirà molte cose sulla salute del pianeta


La foresta amazzonica ha un impatto straordinario sul pianeta, producendo circa la metà di tutto l'ossigeno nell'atmosfera. Adesso, per meglio monitorare i cambiamenti chimici nell'aria, che potrebbero gettare nuova luce sul cambiamento climatico globale, nelle profondità della foresta amazzonica, tra giaguari, serpenti e alberi giganti, a circa 100 miglia dalla città di Manaus, è stato costruito un albero-torre, più alto della Torre Eiffel:
the Amazon Tall Tower Observatory (Atto), alto 325 metri (1066 feet), la struttura più alta del Sud America.

La torre integra la Zotto tower in Siberia (immagine sotto), 304 metri, che è stata costruita in collaborazione con Max Planck Institute nel 2006. I dati delle due torri, installate nei punti più importanti del pianeta, verranno condivisi dagli scienziati quotidianamente in tempo reale.

Per la scienza, la Amazon Tall Tower Observatory, è un grande e complesso lavoro, ha detto Antonio Manzi, un ricercatore del National Institute of Amazonian Research (Inpa) di Manaus. Qui in Brasile, abbiamo voluto fortemente una torre che potesse studiare meglio i meccanismi di superficie dell'atmosfera.

Il ricercatore ha detto che ci sono quattro linee di ricerca per la squadra degli scienziati, tra cui il cambiamento chimico in atmosfera, la formazione delle nubi e l'effetto del riscaldamento globale sulla fotosintesi dalle piante molto più in basso. Monitorando tali cambiamenti, i ricercatori Inpa e Max Planck Institute in Germania sperano di capire come il cambiamento climatico sta contribuendo a eventi meteorologici estremi come inondazioni e siccità.

Stefan Wolff, del Max Planck Institute, ha detto che negli ultimi dieci anni, lo Stato dell' Amazonas aveva visto due gravi inondazioni e due gravi siccità. Attualmente vi sono 39 distretti nell'Amazonas in stato di emergenza a causa di inondazioni annuali causate da aumenti dei livelli dei fiumi, che interessano quasi 320.000 persone.

Nel frattempo, Sao Paulo ha subito una storica siccità, che alcuni hanno attribuito alla deforestazione nella foresta pluviale. "Quando la temperatura aumenta, abbiamo più energia nell'atmosfera",  ha detto Mr.Wolff. "E quando abbiamo più energia nell'atmosfera, una parte di questa deve essere rilasciato. Un buon modo di rilasciare questa è una forte pioggia, e così non c'è una grande probabilità che alcune piogge sarà ancora più pesante." La foresta pluviale è stata già forti venti provocando "blowdowns" di alberi, Signor Wolff ha aggiunto.

Nel frattempo, San Paolo del Brasile ha subito una storica siccità, che alcuni hanno attribuito alla deforestazione nella foresta pluviale. "Quando la temperatura aumenta, abbiamo più energia nell'atmosfera", ha detto Mr.Wolff. "E quando abbiamo più energia nell'atmosfera, una parte di questa deve essere rilasciata. Un buon modo di rilasciare questa è una forte pioggia e quindi c'è una grande probabilità che alcune piogge saranno ancora più pesanti. "

La foresta pluviale ha già visto forti venti che hanno causato "blowdowns" di alberi, ha aggiunto Mr Wolff. Si prevede che la torre Atto entrerà in funzione nella seconda metà di quest'anno, una volta che l'equipaggiamento finale e gli ascensori sono stati installati.

"In 30 anni, guarderemo i cambiamenti climatici e vedremo l'impatto", conclude Antonio Manzi. "Questo è un progetto scientifico. Si spera che i risultati verranno utilizzati per influenzare le politiche pubbliche. "

Immagini:  totallycoolpix.com - www.mpg.de

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…