Passa ai contenuti principali

Energie rinnovabili: più impegno da parte dell'Asia

Il 2015 è un anno cruciale per lo sviluppo e per il clima. Nel mese di settembre, i leader mondiali si proporranno su nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile, che si rivolgeranno, tra l'altro, all'accesso all'energia a prezzi accessibili e affidabili. Poi dal 30 novembre all'11 dicembre, i paesi si riuniranno a Parigi, per concordare un nuovo accordo globale sul clima che sostituirà il Protocollo di Kyoto.

Secondo l'Asian Development Bank (ADB ), il continente asiatico deve investire di più nel campo dell'energia pulita per far fronte al cambiamento climatico e sprona i governi a cogliere l'occasione del basso prezzo del petrolio al fine di eliminare costosi sussidi e il livello del campo di gioco per le energie rinnovabili.

Nell'ultimo decennio il continente asiatico ha fatto enormi passi avanti nello sviluppo dell'energia pulita, ma deve rilanciare gli investimenti e l'utilizzo di tecnologie di efficienza energetica per soddisfare la crescente domanda e far fronte ai cambiamenti climatici, dicono i funzionari dell'Asian Development Bank, ed altri esperti.

"Man mano che la tecnologia progredisce, le fonti rinnovabili stanno diventando sempre più competitive, e i governi debbono cogliere l'occasione, ha detto ieri Mr Bindu Lohani, vicepresidente della ADB, nel discorso di apertura del 10 ° Asia Clean Energy Forum, che si è tenuto a Manila, Filippine.

Nell'incontro, che ha raccolto circa 1.000 dirigenti e funzionari di governo ed esperti, l'alto funzionario ha detto che l'ADB vede il carbone rimasto come fonte energetica dominante in Asia, nonostante il passo in avanti sull'utilizzo di energie rinnovabili, tra cui l'energia solare, l'eolico e il geotermico.

Si prevede che l'uso di carbone aumenterà del 50% entro il 2035 dai livelli del 2010. Il carbone è economico, ma è altamente inquinante e ha parecchia colpa dalla sua riguardo il cambiamento climatico.

Secondo un rapporto del Programma Ambiente delle Nazioni Unite pubblicato nel mese di marzo, gli investimenti globali nelle energie rinnovabili lo scorso anno sono aumentati del 17%  a 270 miliardi di dollari ( 172 miliardi di euro) dal 2013. Quasi metà di tale importo, circa 131 miliardi di dollari, era investito nei paesi in via di sviluppo,

Con investimenti mondiali nelle energie rinnovabili per 83 miliardi di dollari, la Cina ha rappresentato la parte del leone nel mondo in via di sviluppo, in crescita del 39% dal 2013.

Se l'Onu raggiunge il suo obiettivo di rendere l'energia rinnovabile del 36% della fornitura energetica per l'anno 2050, ha detto Mr. Bindu Lohani, due terzi del fabbisogno globale di energia sarebbe comunque soddisfatto dai combustibili fossili, in cui il carbone è dominante. "In Asia, le risorse rinnovabili sono ancora sotto-utilizzate nonostante l'enorme domanda di energia," ha detto, aggiungendo che l'Asia non ha sufficientemente sfruttato le tecnologie disponibili sul mercato per l'efficienza energetica e si adatta a vecchie centrali.

Mr. Lohani ha detto, inoltre, che una carbon tax sarà probabilmente discussa come uno dei possibili risultati dei negoziati sul clima di Parigi. E che inoltre, il commercio di energia transfrontaliero, come ad esempio l'energia idroelettrica nei paesi della regione del Mekong e in Asia meridionale, potrebbe aiutare rispondere alla domanda.

Robin Dunnigan, vice segretario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per la diplomazia energetica, ha detto che le fonti rinnovabili rappresentano circa il 17% del mix energetico, e il paese è sulla buona strada per raddoppiare i suoi numeri del 2009 da raggiungere per il 2020. Anche gli USA hanno fatto passi da gigante in misure di efficienza energetica, ha dichiarato.

Secondo l'International Energy Agency, "se vogliamo realizzare il pieno potenziale di efficienza energetica, ci consentirà di risparmiare fino al 15% della domanda a livello globale entro il 2040", ha detto Dunnigan."Le misure di efficienza energetica sono particolarmente importanti in città, quindi se la migrazione verso le città in Asia aumenta sempre di più, l'efficienza energetica può davvero essere un punto di svolta", ha detto, concludendo.

Ad ora, 600 milioni di persone in Asia non hanno ancora accesso all'elettricità, e la dipendenza dai combustibili fossili rimane elevata. Le emissioni annue di anidride carbonica della regione sono pari a 13,4 miliardi di tonnellate, pari al 37% delle emissioni globali. Per questo la regione asiatica sta affrontando contemporaneamente la povertà energetica, la sicurezza energetica, e le questioni ambientali.


Fonti: www.theguardian.com - www.business-standard.com


Immagini: www.renewableenergy-asia.com -

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…