Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

La più forte corrente oceanica del mondo ha tutta un'altra storia

Denti di pesce e placche tettoniche raccontano una nuova storia sulla più grande corrente oceanica del mondo

Denti di pesci fossili recuperati dal fondo dell'oceano intorno alla Tasmania hanno gettato una nuova luce sulle origini della grande corrente oceanica. I risultati provengono da ricostruzioni di antichi schemi di circolazione oceanici riportati oggi sulla rivista Nature.

L'analisi dei denti di pesci recuperati dalla perforazione del fondale oceanico, in combinazione con lo studio dei movimenti delle placche tettoniche del Dr. Joanne Whittaker dell'Università di Istituto della University of Tasmania, e il dottor Simon Williams dell'Università di Sydney, rivelano come sia cominciatao il flusso di acqua intorno all'Antartide.

"La Corrente circumpolare antartica (ACC - The Antarctic Circumpolar Current ) è oggi la più forte corrente oceanica del mondo e aiuta a mantenere freddo l'Antartide," dice  Joanne Whittaker, co-autore dello studio. Essa …

Oibò! Il riscaldamento ha superato il punto di non ritorno

Il nuovo rapporto sullo stato attuale del clima del US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) informa che il riscaldamento dell'oceano supera il punto di non ritorno.

Anche se i livelli di gas serra fossero azzerati, dicono i ricercatori, si prevede che gli oceani continuino a riscaldarsi.

Il rapporto ha rivelato che i livelli del mare, i gas ad effetto serra, lo scioglimento dei ghiacciai, le tempeste tropicali e le temperature hanno toccato livelli record dello scorso anno, mentre la perdita di ghiaccio marino é continuata. I risultati sono basati sul lavoro di 413 scienziati indipendenti di 58 paesi.

Greg Johnson, oceanografo presso il Pacific Marine Environmental Laboratory del NOAA, ha dichiarato: "Anche se dovessimo bloccare i gas serra ai livelli attuali, il mare  continuerebbe a riscaldarsi per secoli e millenni, e continuerebbe a scaldare e ampliare il livello del mare, che tenderà ad aumentare."

Il livello globale dei mari ha anche raggiunto…

Dopo l'esplorazione del Sistema Solare, ora tocca alle profondità marine e alle loro ricchezze

Dopo l'entusiasmante esplorazione spaziale, cominciata con l'ammaraggio sulla Luna e continuata con sonde e satelliti tecnologici di alta precisione, nei decenni a seguire l'uomo ha visitato tutti i pianeti del nostro Sistema solare, ultimo Plutone, di cui abbiamo scritto. Poi ci sono altri pianeti extra galattici, come l'ultimo Kepler 452B, avvistato con iltelescopio spaziale Kepler, che ci danno l'entusiasmo di continuare su questa affascinante strada.  

Ma non per questo ci si è dimenticati di esplorare le profondità marine. L'oro blu copre il 72 per cento della superficie terrestre, ed è stato esplorato meno del 10 per cento. Per questo, resta ancora un mondo in gran parte sconosciuto al genere umano. Sappiamo però che nei mari del mondo, a causa del cambiamento climatico, parecchie isole sono in grave pericolo di inondazioni.

Adesso però, bisogna considerare anche un'altra cosa non meno importante.

Gli oceani coprono gran parrte del mondo e le lo…

Kepler 452B, il pianeta che ci sta mettendo sulla buona strada

Siamo soli nell'Universo? La domanda che ha afflitto sempre pensatori, scienziati, mistici, luminari di tutti i tempi, a cui nessuno però ha mai dato una risposta.

E se fossimo soli davvero?! 

SI. Si, siamo sempre stati soli nell'Universo. La razza umana è sempre stata sola. E se il nuovo pianeta di cui ora parleremo avesse già avuto la vita; e se prima di esso un altro pianeta lontano aveva avuto la vita... fino a che la vita non è diventata più possibile (alte temperature, ribollimento degli oceani, effetto serra megalattico, cataclismi uno dietro l'altro...)...

Ora è il turno della Terra, che un giorno lontano (sperando che l'uomo non combini troppi casini per anticiparlo), sposterà la vita su un altro pianeta... in una mitica staffetta interspaziale in cui solo la vita prende il testimone, perché il pianeta, che sino a quel momento aveva reso possibile la vita, allo stadio raggiunto, non è più in grado di farlo.

Ma torniamo a noi.

Grazie al telescopio spaziale…

2015: il grande caldo secolare

Il periodo gennaio-giugno del 2015 è stato il più caldo dal 1880. Lo dice il rapporto del NOAA, (US National Oceanic and Atmospheric Administration), l'ente federale statunitense che studia le condizioni degli oceani e dell'atmosfera.

Durante il periodo, la temperatura globale media sulla terra e sulla superficie degli oceani era 0,85 °c.  al di sopra del 20° secolo. Questo periodo del 2015 è stato quello con la temperatura più alta tra gennaio e giugno dal 1880, superando il precedente record di 0,09 grad del 2010.

Anche le temperature medie terrestri e marittime a livello globale, viste separatamente, sono state le più alte per il periodo in questione.

Inoltre, giugno di quest'anno, il mese più caldo dal 1880 al 2015  si unisce a febbraio, marzo e maggio, sempre di quest'anno, a frantumare i record precedenti.

Anche il mese di gennaio è stato il secondo più caldo dal 1880 e aprile il terzo.

Il rapporto fornisce un supporto più statistico al fenomeno del  "risc…

Parigi Cop21: l'ultima chance per cambiare le cose...

"Non appartiene all'uomo che cammina nemmeno di dirigere il suo passo" (Geremia 10:23). 

Nel corso dei secoli i passi dell'uomo sono spesso stati fallaci. L'uomo non potrà mai liberarsi delle sue ambizioni, dei suoi sogni di gloria, dei suoi interessi personali, del suo sentirsi onnipotente. Seguendo i suoi istinti l'uomo ha sempre avuto voglia di dominare, di contrastare, d'imporsi con violenza sugli altri, di scatenare guerre, di fregarsene del pianeta che ha continuato a saccheggiare, inquinare, impoverirlo delle sue risorse, agendo di solito insensatamente. Per fortuna il pianeta Terra ha dimostrato una straordinaria resistenza e stabilità nell'ospitare la vita, almeno fino ad ora. Ma se si continua così, con questo caldo bestiale che toglie il respiro, se l'uomo non porrà regole nuove, più efficaci, non si sa bene come andrà a finire.

Attualmente ogni anno viene emessa una quantità esorbitante di anidride carbonica in atmosfera corrisponden…

Guerra alle zanzare: uno studio ne indica la via

Tra tutti gli animali e insetti, le zanzare uccidono il maggior numero di persone con quasi un milione di morti ogni anno.

Un nuovo studio sul comportamento di questi fastidiosi insetti messo a punto da un team della University of Washington e il California Institute of Technology,  rivela che le zanzare hanno sviluppato una tripla minaccia mettendo in campo segnali visivi, olfattivi e termici per individuare gli esseri umani e poi morderli. Con l'aiuto della loro eccezionale capacità di fiuto, le zanzare individuano i corpi a sangue caldo e poi usano gli altri sensi, tra cui la visione di succhiare il sangue del bersaglio.

Le zanzare possono sentire l'odore di anidride carbonica  (CO2), un gas che gli esseri umani e gli altri animali espirano naturalmente, dai 10 ai 50 metri di distanza. Poi la zanzara si avvicina verso la preda e ad una distanza di 5 a 15 metri inizia a studiare la propria strategia.  Poi, guidata da segnali visivi si muove più vicino al corpo de…

NOAA : stato del rapporto sul clima

Nel 2014 sono stati infranti sette record?

Dai livelli di gas a effetto serra al contenuto termico dell'oceano, il 2014 è stato un anno record per il sistema Terra in molti differenti modi. Questo è il risultato del più recente rapporto sullo stato del clima della US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) pubblicato oggi.

Giunto alla sua 25 ° anno, il rapporto fornisce un accurato controllo del clima a livello globale utilizzando i dati raccolti da terra, mare, ghiaccio e spazio.

Diamo un'occhiata a sette dei record capitolati lo scorso anno.

Tutti i principali gas a effetto serra nell'atmosfera, compresa l'anidride carbonica, il metano e il protossido di azoto, hanno raggiunto elevate concentrazioni.

Dopo un breve passaggio a 400ppm nel maggio del 2013, i livelli di anidride carbonica a Mauna Loa nelle Hawaii sono rimasti al di sopra di questo segno per tutto Aprile, Maggio e Giugno del 2014, afferma il rapporto.

Complessivamente, 1,9 ppm di anidrid…

Iran, dopo l'accordo nucleare, un altro problema...

Mentre l'Iran, dopo due anni di colloqui, ha raggiunto un accordo sul nucleare con le potenze mondiali, alleggerendo le sanzioni e consentendo maggiori investimenti, il governo di Teheran si trova a dover affrontare ora un altro gravoso problema: la domanda nazionale di gas, che va raddoppiando ogni dieci anni, è giunta ad un punto critico da sostenere. 

L'Iran detiene il 18 per cento del gas del mondo e tuttavia rappresenta meno dell'1 per cento del commercio.

Mentre il gas naturale ha reso il Qatar il più ricco del mondo nell'arco di una generazione, anche con grandi riserve l'Iran avrà difficoltà a seguire il percorso del suo vicino.

La produzione iraniana è consumata da una popolazione di 78 milioni di persone mentre il Qatar, con una popolazione di 2,3 milioni, é ora secondo solo alla Russia nelle esportazioni di gas, incassando circa 86 miliardi di dollari l'anno scorso.

L'Iran "ha un enorme domanda interna," ha detto Jonathan Stern, dire…

Plutone, il fascino dell'ultimo pianeta esplorato dall'uomo

Con questa missione l'agenzia spaziale americana Nasa segna la conclusione dell'esplorazione del sistema solare, avendone esplorato ogni pianeta a partire da Venere nel 1962.

New Horizons, la sonda grande all'incirca come un pianoforte a coda, ha percorso la distanza di tre miliardi miglia ad una velocità di oltre 58.000 km/h, risultando essere la più veloce imbarcazione spaziale a lasciare la Terra e mettendoci più di nove anni per raggiungere Plutone.

Nel suo straordinario viaggio New Horizons ha portato con sé le ceneri dell' astronomo Clyde Tombaugh, che lo ha scoperto nel 1930.

Quando la missione è stata avviata nel gennaio 2006, l'obiettivo era quello di raggiungere il più esterno della famiglia dei nove pianeti del sistema solare. Sette mesi dopo il viaggio epico della sonda, gli astronomi internazionali hanno classificato Plutone un "pianeta nano".

Ma nonostante le sue piccole dimensioni - appena due terzi del diametro della Luna della Terra - Pl…

Caronte oggi e una piccola era glaciale domani

Il ritorno di Carontesu quello che un tempo era il Bel Paese,  non è certo una buona notizia per tante persone, specie per bambini e anziani, che dovranno faticare non poco per sopportare temperature impossibili. Il secondo anticiclone africano che abbiamo già conosciuto nel luglio del 2012, ci accompagnerà per tutta la settimana ma potrebbe anche andare oltre, dicono i meteorologi.

Questo è un altro aspetto del famigerato global warming.

Ma abbiate pazienza!!!  Verrà il  momento che non ci lamenteremo più del grande caldo, perchè arriverà il grande freddo. Difatti, sembra che tra il 2020 e il 2030 l'attività solare calerà, tanto da provocare un forte calo delle  temperature. Ciò è dovuto a quel fenomeno conosciuto come il "Minimo di Maunder" o piccola era glaciale.


Gli scienziati dicono che il sole "andrà a farsi un sonno" e ciò determinerà un effetto minimo dell'attività solare nel 2030. Ciò si tradurrebbe in una mini era glaciale in varie parti dell…

Dedicato a voi giovani

Oggi desidero parlarvi di una questione che ritengo molto importante per tutti quanti noi: lo sfrenato consumismo, a cui non sappiamo resistere, sta rovinando il nostro modo di vivere. Sarà perchè non riusciamo più a stare dietro al rapido cambiamento che ci sovrasta, con innovazioni così repentine che non ci danno più il tempo di comprendere bene quello che utilizziamo, mandando a ramengo anche la nostra educazione: questo perchè la  tecnologia per tutti: smartphone, cellulari e quant'altro (oltre ai social network che mettono in piazza, purtroppo, la nostra privacy), ha omologato, in peggio, la vita di molti.

Leggete nell'immagine sopra cosa pensava il grande Einstein della tecnologia: "Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti".

Non solo questo, però. Il recentissimo viaggio di Papa Francesco in America Latina dovrebbe indurci a ragionare. "Con gli scarti alimentari si vincere…

Russia: in atto l'imponente vertice dei BRICS

Se ne parla poco in Italia, ma in Russia si sta svolgendo (fino a domani), il vertice dei Paesi BRICS(Brasile, Russia,  India, Cina, Sudafrica) sotto la presidenza russa. Una realtà economicamente mostruosa, quasi un mostrare i muscoli al  blocco occidentale

I cinque paesi BRICS rappresentano circa tre miliardi di persone, pari a circa il 40 per cento della popolazione mondiale e con un PIL di 16.039 miliardi dollari, pari al 20 per cento del prodotto mondiale lordo.

La Russia, non essendo piú un membro del G7, si concentra sui blocchi, in cui l'Occidente non è rappresentato. Il vertice congiunto su larga scala del BRICS, lo Shanghai Cooperation Organization (SCO) e l'Eurasian Economic Union (EEC) é riunito da ieri ad Ufa, negli Urali.

Il summit è un grande evento geopolitico che unisce le forze che mantengono una certa distanza dalla politica occidentale. Dovrebbero essere firmati diversi grandi progetti nel campo della finanza, dell'economia e della sicurezza.

Il …

L'inseguimento senza scampo di Sea Shepherd durato 110 giorni

Gli ambientalisti di  Sea Shepherd riferiscono che la navebattente bandieranigeriana,Thunder, affondata lo scorsoaprile dopoessere stata inseguitadalla nave diSea Shepherd BobBarkerper più di tremesi, era una dellesei naviche pescavano illegalmente il merluzzo australe, un pesce pregiato  vittima dei pescatori di frodo. Il Thunder faceva parte delle sei navi inserite nelle lista nera per la pesca illegale note collettivamente come "Bandit 6". 

Il capitano e gli ufficiali della  'Thunder' andranno dinanzi ai giudici dell'isola di Sao Tome and Principe,uno stato insulareafricanovicino all'equatore, accusati di inquinamento, guida spericolata, contraffazione e negligenza. Identificati come Captain Luis Alfonso Rubio Cataldo (Cile), il capo ingegnere Agustin Dosil Rey (Spagna), e il meccanico in seconda Luis Miguel Perez Fernandez (Spagna), è stato intimato loro dal tribunale locale di non lasciare il paese in attesa del processo.

La Thunder è affondata nelle acqu…

Papa Francesco tra evangelizzazione e culti pagani nella delicata visita in Bolivia

Questa volta "uno sguardo sul mondo" si sofferma sulla seconda visita di Papa Francesco nel suo continente, "quasi alla fine del mondo", come disse dal balcone di San Pietro nel giorno della sua elezione. Stavolta tocca ad Ecquador, Bolivia e Paraguay, tra differenze sociali e baraccopoli che parlano di miseria. Queste tre nazioni, che sono le più piccole e più povere del Sud America, si stanno preparando con l'entusiasmo tipico di questi popoli. Francesco porterà un messaggio di solidarietà per gli oppressi.

A Quito, Ecuador, il pontefice  è stato accolto da una folla grandissima. Da qui si recherà poi in  aereo a Guayaquil, porto sull'Oceano e seconda città del Paese, dove celebrerà la messa nel Parque de Los Samanes. Quindi pranzerà con la comunità dei gesuiti del Collegio Javier.

Francesco, che dopo  l'Ecuador, andrà in Bolivia e Paraguay, ha espresso ieri la sua vicinanza all'Ecuador nelle sfide per lo sviluppo.

Australia: 2 milioni di dollari per chi ha idee innovative contro le calamità

L'Australia ha in mente di offrire 2 milioni di dollari per un programma destinato per promuovere soluzioni creative alle sfide affrontate dalle comunità del Pacifico a seguito di calamità naturali.

L'annuncio è arrivato dal ministro degli Esteri Julie Bishop e dal governatore generale Sir Peter Cosgrove, entrambi in visita nella regione del Pacifico.

Lo Humanitarian Innovation Challenge è aperto a persone nei settori pubblici e privati, accademici e organizzazioni non governative.

Lo scopo intende promuovere nuove idee per aiutare a prepararsi alle calamità naturali, o attenuare la gravità dei loro effetti. Il Ministro degli Esteri australiano ha annunciato il finanziamento per il programma nel corso di una riunione ad Auckland per preparare il vertice umanitario a Istanbul nel maggio del prossimo anno.

"Stiamo mettendo 2 milioni dollari sul tavolo, e stiamo invitando la gente a trovare le migliori idee che possiamo poi valutare, ed utilizzare questa esperienza nel …