Iran, dopo l'accordo nucleare, un altro problema...

Mentre l'Iran, dopo due anni di colloqui, ha raggiunto un accordo sul nucleare con le potenze mondiali, alleggerendo le sanzioni e consentendo maggiori investimenti, il governo di Teheran si trova a dover affrontare ora un altro gravoso problema: la domanda nazionale di gas, che va raddoppiando ogni dieci anni, è giunta ad un punto critico da sostenere. 

L'Iran detiene il 18 per cento del gas del mondo e tuttavia rappresenta meno dell'1 per cento del commercio.

Mentre il gas naturale ha reso il Qatar il più ricco del mondo nell'arco di una generazione, anche con grandi riserve l'Iran avrà difficoltà a seguire il percorso del suo vicino.

La produzione iraniana è consumata da una popolazione di 78 milioni di persone mentre il Qatar, con una popolazione di 2,3 milioni, é ora secondo solo alla Russia nelle esportazioni di gas, incassando circa 86 miliardi di dollari l'anno scorso.

L'Iran "ha un enorme domanda interna," ha detto Jonathan Stern, direttore del programma di gas naturale presso l' Oxford Institute of Energy Studies. "Per stare al passo con questa domanda, la produzione deve crescere a un ritmo più veloce ".

L'Iran è sempre stato un importatore netto di gas per un decennio e lo sviluppo di South Pars, il giacimento di gas più grande al mondo (che si estende su una superficie di 9.700 chilometri quadrati, 3.700 chilometri quadrati dei quali nelle acque territoriali iraniane nel Golfo Persico e i restanti 6.000 chilometri quadrati nelle acque territoriali del Qatar),  probabilmente richiederà più tempo del previsto, secondo Mosè Rahnama, analista di Energy Aspects in London: per avere un aumento notevole in uscita ci vorranno almeno tre anni.

Wood Mackenzie Ltd., la famosa società di consulenza scozzese, dice che il consumo di gas domestico raggiungerà i 190 miliardi di metri cubi nel 2025, dai 150 miliardi del 2015.

Per l'esportazione l'Iran ha bisogno di costruire gas pipeline e probabilmente solo nel tardo 2020 potrà aumentare le consegne verso l'ovest della Turchia, ha detto Stephen O'Rourke, direttore di ricerca globale del gas presso Wood Mackenzie. Circa il 90 percento delle esportazioni dell'Iran ora vanno in Turchia. L'Iran ha in programma di inviare offerte di gas in Oman, Iraq e Pakistan, riducendo il potenziale di volumi significativi per l'Europa, ha detto Chatham House in un rapporto di marzo.

L'Iran non produce gas naturale liquefatto e il terminale che si sta costruendo è solo al 50 per cento. La nazione aveva programmato di produrre il suo primo GNL nel 2010. Mentre è probabile che il progetto riprenda dopo la revoca delle sanzioni, probabilmente non partirà prima del 2018, ha detto Moses Rahnama, di Energy Aspects di Londra.

E se non ci fosse stata la revoca delle sanzioni, che ne sarebbe stato dell'Iran?

Fonte: www.bloomberg.com

Immagine: www.nationalturk.com/