Passa ai contenuti principali

Iran, dopo l'accordo nucleare, un altro problema...

Mentre l'Iran, dopo due anni di colloqui, ha raggiunto un accordo sul nucleare con le potenze mondiali, alleggerendo le sanzioni e consentendo maggiori investimenti, il governo di Teheran si trova a dover affrontare ora un altro gravoso problema: la domanda nazionale di gas, che va raddoppiando ogni dieci anni, è giunta ad un punto critico da sostenere. 

L'Iran detiene il 18 per cento del gas del mondo e tuttavia rappresenta meno dell'1 per cento del commercio.

Mentre il gas naturale ha reso il Qatar il più ricco del mondo nell'arco di una generazione, anche con grandi riserve l'Iran avrà difficoltà a seguire il percorso del suo vicino.

La produzione iraniana è consumata da una popolazione di 78 milioni di persone mentre il Qatar, con una popolazione di 2,3 milioni, é ora secondo solo alla Russia nelle esportazioni di gas, incassando circa 86 miliardi di dollari l'anno scorso.

L'Iran "ha un enorme domanda interna," ha detto Jonathan Stern, direttore del programma di gas naturale presso l' Oxford Institute of Energy Studies. "Per stare al passo con questa domanda, la produzione deve crescere a un ritmo più veloce ".

L'Iran è sempre stato un importatore netto di gas per un decennio e lo sviluppo di South Pars, il giacimento di gas più grande al mondo (che si estende su una superficie di 9.700 chilometri quadrati, 3.700 chilometri quadrati dei quali nelle acque territoriali iraniane nel Golfo Persico e i restanti 6.000 chilometri quadrati nelle acque territoriali del Qatar),  probabilmente richiederà più tempo del previsto, secondo Mosè Rahnama, analista di Energy Aspects in London: per avere un aumento notevole in uscita ci vorranno almeno tre anni.

Wood Mackenzie Ltd., la famosa società di consulenza scozzese, dice che il consumo di gas domestico raggiungerà i 190 miliardi di metri cubi nel 2025, dai 150 miliardi del 2015.

Per l'esportazione l'Iran ha bisogno di costruire gas pipeline e probabilmente solo nel tardo 2020 potrà aumentare le consegne verso l'ovest della Turchia, ha detto Stephen O'Rourke, direttore di ricerca globale del gas presso Wood Mackenzie. Circa il 90 percento delle esportazioni dell'Iran ora vanno in Turchia. L'Iran ha in programma di inviare offerte di gas in Oman, Iraq e Pakistan, riducendo il potenziale di volumi significativi per l'Europa, ha detto Chatham House in un rapporto di marzo.

L'Iran non produce gas naturale liquefatto e il terminale che si sta costruendo è solo al 50 per cento. La nazione aveva programmato di produrre il suo primo GNL nel 2010. Mentre è probabile che il progetto riprenda dopo la revoca delle sanzioni, probabilmente non partirà prima del 2018, ha detto Moses Rahnama, di Energy Aspects di Londra.

E se non ci fosse stata la revoca delle sanzioni, che ne sarebbe stato dell'Iran?

Fonte: www.bloomberg.com

Immagine: www.nationalturk.com/

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…