Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2015

Il pozzo Zohr, il più grande giacimento di gas offshore del Mediterraneo

Immagine
L'ENI ha scoperto un giacimento di gas naturale in offshore egiziano, probabilmente, una delle maggiori scoperte di gas naturale a livello mondiale e il più grande del Mediterraneo, superando di gran lunga il giacimento israeliano Leviathan.

La scoperta è avvenuta presso il prospetto esplorativo denominato pozzo Zohr e può garantire fino a 850 MLD di metri cubi di gas naturale ( 30 trilioni di piedi cubi di gas), una quantità equivalente a 5 miliardi e mezzo di barili di petrolio. Tanto per dare un'idea, Leviathanha riserve recuperabili di 17 miliardi di metri cubi di gas pari a 1,6 miliardi di barili equivalenti di petrolio mentre l'offshore cipriotaAphrodite, sempre nel Mediterraneo orientale, vanta riserve stimate di 7 miliardi di metri cubi... 
Una scoperta epocale per ENI, che estrae nell'area del Mediterraneo in cui da gennaio 2014 fa attività di esplorazione offshore. Il pozzo Zohr si trova a 1,450m (4.757 piedi) in profondità e copre un'area di 100 km quad…

Amazzonia: il polmone del pianeta infettato da decine di migliaia di miniere illegali

Immagine
Vista dall'alto, l'Amazzonia assomiglia a un enorme tavolo da biliardo: un campo di verde intenso butterato da macchie marroni... Questi sono i siti di miniere illegali, e rivelano la portata di una corsa all'oro che minaccia il polmone del pianeta.

"La perdita delle nostre risorse naturali è incalcolabile", ha detto Antonio Fernandez Jeri, alto commissario del Perù sulle miniere illegali. "Ogni ettaro perso rappresenta flora e fauna", ha aggiunto.

Nel suo paese, un nuova'operazione senza precedenti ha chiuso 55 siti minerari illegali da metà luglio. Questi siti sono nella regione di Madre de Dios, dove circa 150.000 acri (60.000 ettari) di foresta sono già stati persi a causa delle miniere illegali.

Il Peru è al primo posto nel Sud America nella produzione di oro e al quinto posto a livello mondiale, ma pare che il 20 per cento del suo oro esportato proviene da queste miniere clandestine.

Ma il settore minerario, che é cominciato negli anni '80…

Fusione nucleare: la panacea di tutti i nostri problemi energetici è sempre più vicina

Immagine
Da tempo si favoleggia sulla fusione nucleare, che in effetti sarebbe la panacea di tutte le nostre preoccupazioni energetiche, anche se come possibile primo traguardo si parla del 2050.

Ma ora pare che siano molte aziende governative e aziende private nel mondo che se ne stanno occupando maggiormente. La più conosciuta è ITER(International Thermonuclear Experimental Reactor) ma anche start up di varie nazionalità. Tuttavia, il costo crescente e la complessità di tali progetti portano a dubitare se saranno mai in grado di produrre impianti che possono generare energia a un costo abbordabile.

Sarebbe la soluzione migliore, una grande svolta per l'Umanità, qualora venisse realizzato il progetto ITER, partito qualche anno fa da Parigi con un investimento iniziale stimato attorno ai 10 miliardi di euro, il cui scopo è rendere la fusione nucleare un'energia a disposizione dell'uomo.

La fusione nucleare, molto semplicemente consiste nel far sballottolare due atomi di idrogen…

Commercio marittimo: con le meganavi si riduce l'inquinamento

Immagine
Le navi mercantili riducono il peso dell'impronta di carbonio attraverso le meganavi. Un fattore importante ha determinato la riduzione del consumo di carburante delle navi porta container: la tendenza verso una maggiore e più efficienza in termini di consumo di carburante delle meganavi (più meganavi = meno consumo di carburante).

Si sa che spedizionieri e trasportatori beneficiano di costi di trasporto inferiori che le grandi navi portacontainer offrono, ma un nuovo corposo rapporto, sostiene che le  meganavi stanno riducendo significativamente l'impronta di carbonio di trasporto dell'oceano. Questo è importante per importatori ed esportatori che subiscono la pressione dai quadri dirigenti di ridurre le emissioni di carbonio nelle loro catene di approvvigionamento. Inoltre, è sempre più importante per le compagnie di navigazione, che hanno i vantaggi in termini di efficienza di commercializzazione delle loro nuove navi per attrarre o incrementare il business presso i r…

Amazzonia: è stata inaugurata la torre ATTO

Immagine
La struttura in metallo bianco e arancione chiamata Amazon Tall Tower Observatory (Atto), è un nuovo audace strumento per capire meglio i cambiamenti climatici e il ruolo vitale delle foreste pluviali.

Foreste che, sulla base di recenti dati e immagini satellitari raccolti da oltre 100 paesi, potrebbero essere a rischio di deforestazione, perdendo un pezzo di 289 milioni di ettari entro il 2050, più o meno un'area di foreste grande quanto l'India. In poche parole, se il ritmo dell'attuale deforestazione continuerà alla stessa velocità, altri 169 miliardi di tonnellate di anidride carbonica potrebbero essere aggiunti in atmosfera entro il 2050. La quantità stimata di anidride carbonica è equivalente al gas di 44.000 impianti alimentati a carbone, in funzione ininterrottamente per oltre un anno.

Ma, torniamo all'Amazon Tall Tower Observatory(ATTO), di cui abbiamo detto QUI.

Costruito nella riserva naturale di Uatuma, 350 chilometri (217 miglia) dalla città di Manaus …

In vista di Parigi: i dati sulle emissioni cinesi sono sballati

Immagine
A circa 100 giorni dal summit di Parigi, che sarà un appuntamento cruciale per regolare meglio la riduzione delle emissioni inquinanti a livello globale, un nuovo studio rivela che i ricercatori hanno registrato che la Cina ha prodotto 2,9 miliardi di tonnellate di carbonio dal 2000 al 2013, il 14 per cento in meno di quello inizialmente valutato.  

Insomma, pare che tutti i dati raccolti sulle emissioni inquinanti prodotte dal gigante asiatico dal 2000 al 2013 siano sballati, e questo perchè lo studio, condotto, tra l'altro, da Zhu Liu, ricercatrice dell'Università di Harvard, è tornato sopra quei dati per cercare di trarne  qualcosa di un po più affidabile. 

Gli impegni proposti della Cina a ridurre le proprie emissioni di gas serra sono cruciali per un nuovo accordo internazionale sul riscaldamento globale, che i governi sperano di raggiungere a Parigi, a dicembre.

I ricercatori hanno detto che hanno analizzato le informazioni più dettagliate circa la qualità del  carb…

Il Tamu Massif, il più grande vulcano sottomarino del mondo

Immagine
Per studiare le problematiche climatiche del pianeta, legate in un certo qual modo alla corrente anomala di El Nino, che si esprime soprattutto nel Pacifico occidentale, un team di scienziati della University of Hawaii, reduce da un viaggio a bordo della nave di ricerca Falkor attraverso l'equatore del Pacifico centrale, partirà a breve da Honolulu, per fare una "crociera di studio" navigando verso il Tamu Massif, il più grande vulcano sottomarino del mondo, che si trova nel nord ovest del Pacifico, a circa 1.000 miglia a est del Giappone.

Il Tamu Massif (Massiccio Tamu) è una formazione geografica sottomarina unica, e il team scientifico intende esplorare le principali interazioni che ha con le dorsali medio-oceaniche utilizzando sistemi di mappatura e un magnetometro marino.

Il Tamu Massif, che fa parte della catena montuosa sottomarina Shatsky, si è formata circa 130 - 145 milioni di anni fa dall'eruzione di diversi vulcani sottomarini ed è diventato …

Blue economy: una luce brillante all'orizzonte

Immagine
We are tied to the ocean. And when we go back to the sea, whether it is to sail or to watch, we are going back from whence we came.” (Siamo legati al mare. E quando torneremo al mare, sia che si tratti di navigare o di guardare, stiamo andando indietro da dove siamo venuti.)  John F. Kennedy

Attualmente le economie terrestri del mondo lottano con tassi annui di crescita intorno al 2% del prodotto interno lordo, l'economia globale marina, o "blue economy", è una luce brillante all'orizzonte.

I nuovi sviluppi nel campo delle industrie marine vanno dalla diversificazione dell'acquacoltura alle nuove biotecnologie e prodotti farmaceutici, delle energie rinnovabili marine (energia eolica e delle onde), e miniere nelle profondità marine.

La Commissione europea dispone di una strategia di "crescita blu", riconoscendo che le industrie marine stanno crescendo ad un ritmo superiore rispetto a quelle sulla terraferma in Europa. E in aree come il sud-est asiatic…

Grande svolta della scienza: le nanofibre di carbonio create dal nulla

Immagine
Come si è detto in più occasioni, sebbene l'insensatezza umana non abbia limiti, c'è sempre una discreta parte di uomini che fa di tutto per riparare i "guasti" causati dai suoi simili. Il post di oggi, che parla di nanofibre di carbonio, e che riguarda anche e soprattutto le terribili emissioni inquinanti che stanno debilitando il pianeta e noi umani, vuole dimostrare che dalla scienza c'è d'aspettarsi di tutto e quindi... non bisogna disperare. 

Un team di scienziati negli Stati Uniti ha trovato un modo per estrarre l'anidride carbonica dall'aria e utilizzarla per fare nanofibre di carbonio, in un processo che, se potenziato, potrebbe ridurre drasticamente i livelli di gas a effetto serra nell'atmosfera terrestre.

Il loro sistema di potenza solare corre a pochi volt di energia elettrica attraverso una vasca piena di un caldo sale fuso; la CO2 viene assorbita e le nanofibre gradualmente assemblano ad uno degli elettrodi. Attualmente produce 10g…

Lo smog delle città proviene anche dalla sporcizia delle sue strade, vecchi edifici, monumenti...

Immagine
Le grandi città del mondo, che sono tante, sono piene di strade, marciapiedi, lampioni, vecchi edifici, statue, monumenti... colmi di sporcizia. Migliaia di sostanze chimiche  vengono vomitate quotidianamente dai tubi di scappamento delle auto e bus, fabbriche e altre fonti di particolato.

Ma secondo una nuova ricerca presentata questa settimana dall'American Chemical Society di Boston, sembra che quando la sporcizia urbana è esposta alla luce del sole, rilascia

Le tensioni in Azerbaigian minacciano i piani energetici in Europa

Immagine
Sin dalla sua indipendenza l'Azerbaigian sta vivendo al suo interno grandi tensioni per via del conflitto, mai del tutto sopito, del Nagorno Karabakh, repubblica autoproclamatasi indipendente dall'Azerbaigian, situata nel Caucaso meridionale. Gli attuali confini territoriali sono stati determinati alla fine nel gennaio del 1992, per porre fine ad un'ostilità tra i due contendenti dopo l’avvenuta proclamazione di indipendenza.

La guerra del Nagorno-Karabakh (1988-1994) ha afflitto la regione dopo l'indipendenza dell'Azerbaigian dall'Unione Sovietica nel 1990. Le etnie armene che vivono nel Nagorno-Karabakh, una terra senza sbocco dell''Azerbaigian, hanno proclamato uno stato indipendente nel 1991. Negli ultimi anni, il cessate il fuoco, mediato nel 1994, è stato più volte violato, provocando la morte tra i civili e l'uso di armi pesanti, facendo presagire un ritorno  alla guerra. Dall'estate del 2014 si sono visti attacchi più violenti, che n…

Clima globale: l'hanno già chiamato "Godzilla El Nino"

Immagine
 "El Nino è un ottimo esempio di come il clima offra anche dei fenomeni prevedibili, in mezzo a tanto caos"

Jagadish Shukla (meteorologo indiano)

Fulmini, temporali, nubifragi, alluvioni, bombe d'acqua di questi giorni hanno scaricato centinaia di millimetri di pioggia in poche ore nel nostro Paese, l'equivalente di un anno: Firenze primo agosto, 60 millimetri d'acqua in due ore, una tempesta che ha messo in ginocchio la città; il 5 agosto a San Vito di Cadore in provincia di Belluno, dove la pioggia ha fatto franare la montagna provocando 3 vittime.

Per gli esperti sono fenomeni che rientrano nell'ambito dei cambiamenti climatici.

Il ruolo del cambiamento climatico di origine antropica, legato alle emissioni di gas serra e il riscaldamento della temperatura ha un ruolo plausibile sull'aumento di questi fenomeni di precipitazioni intense. Ricerche attuali mostrano in effetti che la quantità totale di acqua precipitata, ad esempio sul bacino mediterraneo, …

Blue economy: il piano decennale australiano

Immagine
Dopo il gran caldo di quest'ultimo periodo, che pare sia stato il più caldo degli ultimi 100 e passa anni, il sottoscritto ha l'esigenza di farsi un tuffo nelle acque blu del mare, ma dato l'impossibilità di realizzare questo bisogno, si acconterà di trattare un argomento che porta il pensiero a "rinfrescarsi un poco". E la Blue Economy, la qualenasce come un progetto per trovare 100 delle migliori tecnologie ispirate dalla Natura, che possano influenzare le economie di un mondo più sostenibile, mi sembra l'argomento adatto per il caso odierno.

Si, parliamo di blue economy in Australia, il cui ministero competente ha lanciato un piano decennale per gli investimenti e la ricerca.

"Il settore marino dell'Australia, che ha già un contributo significativo per l'economia della nazione, ha il potenziale per offrire ancora una maggiore ricchezza economica attraverso la crescita dell'offshore oil and gas production, delle fonti di energia rinnova…

2100: saremo tanti, molti, troppi... Come faremo?

Immagine
Entro la fine di questo primo secolo del III millennio, la popolazione mondiale salirà fino a 11,2 miliardi. 

Fino al 2050 salirà a  9,7 miliardi per poi accellerare fino a giungere a più di 11 miliardi cinque decenni più tardi, ha spiegato John R. Wilmoth, direttore Divisione Popolazione del dipartimento nel corso della presentazione al Joint Statistical Meetingsin Seattle.

Sebbene le proiezioni demografiche sono per loro natura incerte, la divisione può stimare con un'affidabilità del 95 per cento che la popolazione mondiale sarà stimata tra 9,5 miliardi e 13,3 miliardi entro il 2100. Le proiezioni della popolazione a livello globale, continentale e nazionale sono strumenti importanti per i leader politici e per le decisioni che dovranno assumersi sul lungo termine, ha detto Wilmoth in un comunicato stampa della American Statistical Association.

La divisione della "World Population Prospects" spiega, per esempio, che "la concentrazione della crescita della …