Gas: ferventi manovre attorno al Mar Caspio

L'idea di costruire un gasdotto attraverso il Mar Caspio per trasportare gas naturale dalle enormi riserve del Turkmenistan in Azerbaigian e poi più avanti verso l'Europa è stato un progetto rimasto sul tavolo per un lungo periodo di tempo, ma è stato trattenuto per una serie di motivi, non ultimo, la forte opposizione della Russia.
 
Il cambiamento della situazione con i giganti del gas della regione del Caspio (Turkmenistan e Iran) può influenzare il problema dello status del Mar Caspio, che, come sembrava proprio di recente, potrà essere risolto in un prossimo futuro.

Nel settembre del 2014, ad Astrakhan, tutti i paesi del Mar Caspio assicurarono che il prossimo vertice dei capi di stato del "Caspian Five"  troverà una soluzione definitiva alla complessa questione di delimitare il fondo del Mar Caspio.

A quel tempo, durante il 4th summit dei capi di Stato, i cinque paesi del Mar Caspio, dopo molti anni sono riusciti a concordare i principi fondamentali dello stato del mare.

Tuttavia, da allora la situazione è cambiata radicalmente. Questo è stato influenzato sia dal forte deterioramento delle relazioni tra Mosca e l'Occidente, e il miglioramento del clima nelle relazioni tra Iran e Unione Europea, nonché dalla decisione del Turkmenistan di scambiare con due importanti acquirenti di gas per i mercati dell'Unione europea.

Così, oggi due paesi della regione, l'Iran e il Turkmenistan, stanno conducendo una massiccia preparazione per la diversificazione delle forniture di gas, in particolare in direzione dell'Europa.
Attualmente, Ashgabat (Turkmenistan), situata tra il deserto del Karakum e la catena montuosa del Kopet Dag, sta costruendo infrastrutture attraverso le quali il gas viene trasportato dai più ricchi giacimenti di gas al largo del Mar Caspio attraverso il paese.

Sarebbe logico supporre che la costruzione del Trans-Caspian gas pipeline sarà il passo successivo per creare infrastrutture del gas.

Il gasdotto Trans-Caspian sarà una parte del Corridoio meridionale del gas e trasporterà sia gas azero che turkmeno. O il gas turkmeno può essere consegnato a ovest attraverso l'Iran, che porterebbe grandi vantaggi nelle relazioni con l'Europa, mettendo alla berlina il suo principale rivale politico: la Turchia, che potrebbe diventare un hub influente di approvvigionamento per il gas verso l'Europa.

Tuttavia, per il buon esito del prossimo summit dei Caspian Five, Mosca è un fattore importante. Potrebbe rallentare il processo di determinazione dello status del Mar Caspio. Si rende conto che il Turkmenistan è il quarto paese al mondo per riserve di gas naturale. Questo può notevolmente indebolire le posizioni di Gazprom in Europa.

Tenendo conto del fatto che l'Europa ha esercitato forti pressioni per la costruzione del gasdotto Trans-Caspian, di cui farà parte un corridoio gas nella UE, la Russia potrebbe anche fare di tutto per rallentare il processo di determinazione dello status del Mar Caspio, quindi, ritardare la fornitura di gas turkmeno sul mercato europeo fino alle forniture di gas ai mercati europei attraverso le nuove rotte di approvvigionamento.

In questo intricato contesto, anche la NATO potrebbe essere coinvolta nella protezione di un potenziale Trans-Caspian gas pipeline, cui la Russia si oppone.
 

Insomma, dopo un estate tuttora torrida, per via degli anticicloni africani, di questo andazzo, non mi meraviglierei di passare anche un inverno freddo (per colpa, stavolta, della irragionevolezza umana)

Tratto da un articolo di Elmira Tariverdiyeva en.trend.az/ e da www.eurasianet.org

Immagine: eurodialogue.eu


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria