Passa ai contenuti principali

Blue economy nell'Oceano Indiano


All'inizio di questo mese 21 diverse economie, facenti parte dello IORA (Indian Ocean Rim Association), hanno firmato un patto per promuovere la Blue Economy nell'Oceano Indiano.

La Blue Economy offre un modello di sviluppo basato sugli oceani, piuttosto che sulla terra, ed è più adatto alle sfide e alle opportunità delle economie dell'Indian Ocean Rim Association.  Sottolinea il ruolo della biodiversità e degli ecosistemi marini nel sostegno dell'attività economica per migliorare la sicurezza alimentare.

La Conferenza si è svolta nelle isole Mauritius.

Tra gli stati membri dello IORA appaiono grandi nazioni come India, Australia, Indonesia e Sud Africa, così come piccoli paesi insulari. Si tratta di un raggruppamento in cui l'India è membro e la Cina è un osservatore, in un momento in cui il Paese del dragone sta compiendo strenui sforzi al fine di diffondere la sua influenza regionale. In qualità di membro fondatore della IORA istituito nel 1997, l'India dovrebbe intensificare il suo impegno multilaterale.

Ogni anno, circa 100.000 navi passano attraverso la regione dell'Oceano Indiano, così come due terzi delle petroliere del mondo e un terzo del suo traffico container.

La Conferenza è un occasione propizia per concettualizzare la piattaforma della Blue Economy e permettere la cooperazione sullo sfruttamento delle vaste risorse oceaniche. Le caratteristiche principali del programma comporta l'analisi delle capacità esistenti degli Stati membri ed è rivolta ai quattro settori: pesca e acquacoltura per combattere la povertà; energia rinnovabile oceanica per ridurre lo stress da combustibili fossili; porto marittimo  e trasporto per promuovere il commercio e gli investimenti ed esplorazione dei fondali marini e minerali per attrarre investimenti esteri.

Il commercio marittimo è diventato complesso in un mondo globalizzato. La cooperazione regionale aiuterà ad affrontare le sfide delle economie più piccole. Con una crescita globale che sta rallentando, questi paesi si rendono conto dell'importanza dell 'Oceano Indiano per il loro benessere e vogliono afferrare le opportunità di crescita.

"Vedo il chakra blu* nella nostra bandiera nazionale come simbolo della rivoluzione blu. I nostri destini sono legati dalle correnti dell'Oceano Indiano ", ha detto il primo ministro Narendra Modi nel suo intervento alla Conferenza. Il suo omologo mauriziano, Anerood Jugnauth, ritiene inoltre che il futuro sta nella ricchezza non sfruttata dell'Oceano Indiano.

* La bandiera indiana ha nel mezzo un chakra (ruota) blu con 24 raggi, e verde quella in basso. Il color zafferano simboleggia il coraggio, il bianco è per la pace, e il verde per la prosperità. Il chakra originariamente al centro rappresentava la ruota di filatura di Gandhi, che simboleggiava l'autosufficienza. Venne in seguito rimpiazzata dalla Ashoka Chakra, la "ruota della legge" che si trova negli emblemi del III secolo a.C. dell'Imperatore Ashoka. I 24 raggi della ruota simboleggiano le 24 ore e il progresso costante. La bandiera dell'India venne adottata ufficialmente dall'Assemblea costituente indiana il 22 luglio 1947. Esiste un elaborato codice di leggi che governano il corretto uso ed esposizione della bandiera.
Immagini: africamoney.info - reasonsoflife.wordpress.com

Fonte: allafrica.com - blogs.economictimes.indiatimes.com - www.ibtimes.com.au

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…