Crescita zero nelle emissioni di CO2 della flotta mercantile mondiale

L'International Chamber of Shipping (ICS) è pronto a difendere i miglioramenti dell'industria del settore sulla riduzione delle emissioni alla Conferenza dell'ONU sul clima a Parigi (COP 21).

ICS, la cui composizione comprende associazioni di armatori nazionali provenienti da 37 paesi, che rappresentano più dell' 80% della flotta mercantile mondiale, presenta alcuni messaggi chiave per i negoziatori del governo sul progresso degli spedizionieri che sta facendo  per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

Secondo ICS, l'industria globale sta già producendo una crescita zero nelle emissioni di CO2 di oltre il 10% rispetto al 2007, nonostante l'aumento del commercio marittimo.

Le emissioni di CO2 del trasporto marittimo internazionale ora rappresentano solo il 2,2% del totale delle emissioni di CO2 a livello mondiale, rispetto al 2,8% nel 2007 (UN IMO Green House Gas Study, 2014).

"Questi sono una vera diminuzione attraverso l'efficienza del carburante, senza bisogno di complesse misure virtuali come compensazioni di carbonio" ha detto il Segretario Generale di ICS, Peter Hinchliffe.

"Con le navi più grandi, motori migliori e più efficienza nella gestione della velocità,, l'industria è fiduciosa di una riduzione di CO2 del 50% entro il 2050, quando l'intera flotta mondiale  comprenderà navi super efficienti in termini di consumo di carburante, molte delle quali utilizzeranno combustibili puliti come il GNL."

Ma in vista della Conferenza di Parigi, l'industria della navigazione riconosce che i governi si aspettano di più.

ICS dice che IMO (International Maritime Organization), l'agenzia specializzate delle Nazioni Unite, istituita a seguito dell’adozione della Convenzione internazionale marittima di Ginevra del 1948, "è la sola in grado di garantire che l'intera flotta mondiale continuerà a fornire una ulteriore riduzione delle emissioni di CO2, indipendentemente dalla bandiera della nave, nel rispetto del quadro delle Nazioni Unite ".

 IMO ha già fissato un obiettivo vincolante per cui tutte le navi costruite a partire dal 2025 (comprese quelle delle nazioni in via di sviluppo) debbono essere il 30% più efficienti rispetto alle navi costruite negli anni 2000. Questo vale per oltre il 95% della flotta mercantile mondiale, sotto le nuove norme entrate in vigore in tutto il mondo nel 2013.

ICS sottolinea che la riduzione di CO2 del 10% raggiunto dal 2007 si trova di fronte il settore navale a livello mondiale, e non solo navi registrate nei paesi più ricchi, che sono le uniche nazioni che richiedono di assumere impegni per la riduzione di CO2 terrestri nell'ambito del protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici.

"L'intera flotta mondiale è di circa il 20% più efficiente rispetto al 2005. Con il sostegno del settore dei trasporti marittimi, l'IMO ha già raggiunto un grande risultato ed è l'unico forum che può fornire ulteriori significative riduzioni delle emissioni di CO2 dal trasporto marittimo internazionale" ha detto Peter Hinchliffe.

Per saperne di più cliccare  QUI

Fonte e immagine: www.marinelog.com