Passa ai contenuti principali

Kazakhstan: mistero sulla morte improvvisa di 60.000 antilopi


E 'iniziato a fine maggio, quando nel Kazakhstan centrale vennero gli esperti della fauna selvatica dell'ADCI (Altyn Dala Conservation Initiative) [ un programma su larga scala per conservare gli ecosistemi e la biodiversità delle pianure del nord e del deserto], per monitorare il parto di una mandria di saigas, in grave pericolo di estinzione, nella sconfinata steppa dimora di antilopi. Il saiga é un tipo di antilope noto per il naso buffo e prominente che sta morendo ad un ritmo allarmante.

Steffen Zuther, medico dell'ADCI e il suo staff  controllavano una mandria di 60.000 saigas, quando è avvenuto l'incidente. In soli quattro giorni, l'intera mandria di saigas era andata.

Notizie di casi simili in altre parti del Kazakistan aveva raggiunto gli ambientalisti, nei mesi di maggio e giugno.


L'anno scorso, una moria di massa aveva già colpito i saigas causando la morte di 12.000 esemplari. Ma questa era senza precedenti.

Secondo Live Science, i ricercatori hanno trovato indizi, di come, a partire dal 2014, più della metà della mandria del paese (257.000 capi) , è morta così rapidamente.  


Zuther ha detto che i batteri potrebbero aver avuto un ruolo nelle recenti morti dei saiga, ma esattamente come questi microbi normalmente innocui possano esssre stati così letali, è ancora un mistero.

"La portata di questa moria, e la velocità con cui si è diffusa in tutta la mandria ha ucciso  tutti gli animali, questo non è stato osservato per altre specie", ha detto Zuther a Live Science.

Per il momento, ci sono ancora migliaia di saigas sani nel mondo, ma sono sempre una specie in pericolo. Per fortuna che gli scienziati continueranno a indagare sulla causa specifica di morte dei saiga. Si spera, troveranno la risposta al più presto.

Immagine: images.en.yibada.com - en.tengrinews.kz

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…