Passa ai contenuti principali

El Nino: mercati in fibrillazione e la preoccupazione dell'Antartide


L'andamento meteorologico di El Nino che ha investito il globo sta causando una serie di interruzioni, e in tutti i mercati sta creando alcuni chiari vincitori e vinti.

Gli analisti puntano sugli enti assicuratori e alcuni operatori agricoli come potenziali beneficiari, mentre gli agriturismo e i produttori di attrezzature potrebbero incontrare difficoltà.

Così i mercati, che misurano la forza di El Nino con altri parametri.

"El Nino Southern Oscillation," questo è il suo nome completo, è il riscaldamento e il raffreddamento dell'Oceano Pacifico dalla sua temperatura media, spesso con gravi condizioni atmosferiche come inondazioni e siccità. La Nina è la fase di raffreddamento, e El Niño è la fase di riscaldamento. L'attuale modello di El Nino dovrebbe essere uno dei più terribili degli ultimi decenni.

"In generale, un forte El Nino offre un eccesso di precipitazione in Argentina e nel sud del Brasile, e clima secco e arido nel sud-est asiatico e in Australia. Si sono già viste deboli piogge rispetto alla media piogge monsoniche in India", ha detto Macquarie Group in una nota . "Negli Stati Uniti, ci sono anche chiari segnali che il clima nel sud sarà più fresco e umido del normale per il periodo invernale, mentre il nord sarà leggermente esposto al caldo."

Macquarie è un gruppo di società erogatrici di servizi bancari, finanziari, di consulenza, di investimento e di gestione di fondi a livello mondiale.

La banca si aspetta che le aziende in Nord America, Australia e Nuova Zelanda sono più suscettibili ad essere colpite, seguite da Asia, ma l'impatto non è probabile che sia uniforme. Si aspetta che siano le compagnie di assicurazione a beneficiarne, mentre quelle che si occupano di beni strumentali possono dover incontrare venti contrari.

"In Australia, le condizioni generali  di  El Nino sono positive per gli assicuratori. Le temperature più calde conducono ad una maggiore probabilità di incendi, che sono meno costosi per il tipo di assicurazione (ad esempio rispetto alla grandine, il terremoto)", viene detto nella nota.

"Nel Nord America, migliori condizioni di crescita si tradurranno in forti rendimenti attesi nel 2016 e quindi ne beneficieranno gli assicuratori del raccolto."

Per Deere & Co.  una delle principali aziende al mondo produttrice di macchine agricole, un evento "molto negativo" causato dal El Nino, è il prezzo del mais ed è probabile che i prezzi scenderanno in rese più elevate, lasciando agli agricoltori meno soldi da spendere per le apparecchiature.

Macquarie non è il solo a prevedere un grande impatto sul mercato.

Per l'economista Hamish Smith di Capital Economics, El Nino ha sollevato preoccupazioni di approviggionamento. Egli prevede che l'olio di palma chiuderà l'anno a circa 2.400  ringgit  malesi (circa 560 dollari) dai circa 1.900 ringgit a tonnellata. "Mentre un rimbalzo del prezzo del greggio ha sostenuto il recupero iniziale, il prezzo è stato anche potenziato da condizioni sempre più secche nei due principali produttori mondiali, Indonesia e Malaysia, ", ha detto Smith.

Per i mercati, le contrattazioni saranno molteplici e come in un grande gioco che si rispetti si guarda al sodo, e ognuno auspica il meglio per se, lasciando a parte gli effetti negativi estremi che un giorno potrebbero crearci guai peggiori.

Ma la borsa è un gioco, talvolta da i brividi, lascia "morti" sulla strada. Che giochino la loro partita questi giocatori, ma segnalamo anche (ma lo avevamo già fatto QUI) il luogo del pianeta dove El Nino desta più preoccupazione: l'Antartide.

Per Lee Welhouse, scienziato dell'Antarctic Meteorological Research Center presso la University of Wisconsin-Madison "la principale area di impatto in tutto l' Antartide per El Niño si trova proprio lungo la costa occidentale del continente ghiacciato fino alla penisola, con il riscaldamento penisola". L'Antartide quest'anno e parte del prossimo è la regione che ha più probabilità di essere colpita da El Niño.

Immagini: archive.onearth.org - www.jornalcana.com.br

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…