Passa ai contenuti principali

Una serra galleggiante potrebbe essere il futuro del nostro cibo


Le visioni degli architetti per il futuro di solito assumono forme di utopie costose, su larga scala. La maggior parte di esse non vengono mai costruite, altre si trasformano rapidamente in cattedrali nel deserto, edifici decadenti in futuro che si voleva anticipare. Eppure un recente progetto sembra appartenere a una razza diversa.

Composto da un legno e una cupola di plastica e una base di fusti in plastica riciclata, la Jellyfish Barge è una serra galleggiante che desalinizza l'acqua di mare per irrigare e coltivare le piante. Imitando il fenomeno naturale del ciclo dell'acqua, un pannello solare situato vicino alla base della chiatta riscalda l'acqua salata o inquinata e la fa evaporare, trasformandola in 150 litri al giorno di acqua fresca e pulita.  

Questa acqua viene riciclata in un sistema idroponico, che consente le coltivazioni di crescere in un letto di argilla inerte arricchito con sostanze nutrienti minerali.

"E' possibile risparmiare il 70% di acqua rispetto alla coltivazione tradizionale", spiega l'architetto italiana Cristiana Favretto, cofounder di Studiomobile, che ha avuto l'idea originale. 

Una installazione che spiegava il progetto è stato in mostra alla Biennale di Architettura di Venezia nel 2012.

Il Professor Stefano Mancuso, un botanico presso l'Università degli Studi di Firenze, si è innamorato del progetto e ha offerto la sua profonda conoscenza delle piante per migliorare la situazione. Un primo prototipo è stato realizzato sotto l'acronimo di

Pnat (Plants Nature and Technology), un think tank fondato da Studiomobile e il team di Mancuso per sviluppare progetti di fusione di design e biologia.

Attualmente e fino al al 31 ottobre, la Jellyfish Barge fa parte di uno dei progetti di Expo 2015, l'esposizione universale la cui edizione attuale si concentra su alimenti e nutrizione.

Si può camminare al suo interno (o guardare da questa webcam).

Per approfondire: QUI su  qz.com (in inglese)

 Immagine: qz.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…