La Conferenza sul clima di Parigi non sarà una passeggiata

Da Parigi John Keyman

La Conferenza sul clima di Parigi non sarà una passeggiata. Sarà un percorso arduo da scalare tra pericoli in agguato da ogni parte. Tuttavia, nonostante l'atroce attacco del 13 novembre il vertice sul clima si farà lo stesso. Parigi sta curandosi le ferite ma tra la gente si avverte la tensione che sale di giorno in giorno. 

La Conferenza sul clima si svolgerà al Salon du Cheval presso il Parc des Expositions (immagine sotto) di Parigi Le Bourget, non distante dall'aeroporto di solito utilizzato per il Paris Air Show oltre che dall'aviazione e da jet d'affari (perfetto per i VIP che possono volare dentro e fuori, senza mai lasciare il complesso aeroportuale e congressuale).

L'evento offre al mondo una disperato bisogno di ridurre le proprie emissioni di anidride carbonica e limitare il riscaldamento globale a 2 ° C. 

Il  governo francese sta discutendo le possibili misure di sicurezza. Sono infatti previsti diecimila o più attivisti del clima di tutto il mondo che soggiorneranno (almeno molti di loro) a Parigi per tutta la durata della Conferenza per chiedere un accordo forte ed efficace.

Indubbiamente la Francia aveva già disposto un elevato livello di sicurezza per Le Bourget, ma ora il ministro degli Esteri Laurent Fabius ha indicato (come era prevedibile) che i livelli di polizia saranno aumentati. Questo non solo a Le Bourget, ma nel centro di Parigi, dove avranno luogo la maggior parte degli eventi, conferenze e manifestazioni.

Per il  momento da Parigi è tutto. Durante il Vertice avrò modo di raccontarvi come si sviluppano le cose, sperando di trovare posto in qualche albergo visto che al momento alloggio in un ostello della gioventù un pò troppo affollato, non distante dal Parco delle Esposizioni. 

 Immagine: www.linternaute.com