Un caldo bestiale avvolge il pianeta

Le temperature record stanno abbattendosi su gran parte del globo, portando con sé più siccità, insicurezza alimentare, carestia e massicci esodi umani ed animali.

Per il National Oceanic and Atmospheric Administration o NOAA il pianeta ha avuto il secondo anno più caldo a 1,66 gradi al di sopra della media del xx secolo.

Questo aumento di temperatura avrà un grosso impatto sul nostro ambiente contribuendo
allo sbiancamento della barriera corallina in tutto il mondo ma è l'intera catena alimentare a subirne, a cascata, le conseguenze.

Per l'Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO), le ondate di calore sono arrivate insolitamente presto. Anche la primavera si è assestata ben al di sopra della media del secolo scorso. In maggio è stato anche registrato la rottura in corrispondenza di un grado e mezzo superiore alla norma del 20 ° secolo.

Nell' ArkLaTex  (Arkansas, Louisiana e Texas) la primavera è stata la 12a più calda degli ultimi 142 anni. Si è raggiunti i 68 gradi - circa due gradi e mezzo più alti del normale.

Perchè tanto caldo? È un segno del cambiamento climatico?

Ebbene, il clima è il tempo medio su un periodo di tempo ... di solito 30 anni. E il clima è sempre in evoluzione. In altre parole, le temperature, il vento e le piogge sembrano  variare sempre. Col tempo medio di queste variabili si definisce il clima.

Ora, durante gli ultimi cento anni siamo stati esposti al calore ... in modo che una parte del clima è cambiato. Le cause possono essere attribuite all'orbita della Terra, a piccoli cambiamenti nell'energia del sole che raggiunge il nostro pianeta, ai vulcani e all'oceano. Per esempio, l'anno scorso La Nina ha causato un grande cambiamento dell'oceano. Essa è un  raffreddamento anormale del Pacifico orientale che colpisce i modelli climatici globali.

El Nino, la Nina e il Southern Oscillation (dà un'indicazione dello sviluppo e dell'intensità degli eventi El Niño o La Niña nell'Oceano Pacifico) designano una interconnessione tra oceano ed atmosfera che influenza questi due fattori, ma più in generale influenza l’andamento del tempo atmosferico su tutto il pianeta.

Il meteorologo Jason Hansford  dello Shreveport National Weather Service spiega: "Si è da non molto concluso un debole evento di La Nina nell'oceano Pacifico lungo l'equatore. E' stato un evento molto debole, che si è tradotto in temperature più calde rispetto alle temperature normali"

La maggior parte degli scienziati ritiene che il rapido riscaldamento globale possa essere attribuito alla combustione dei combustibili fossili. Si pensa che un sottoprodotto, l' anidride carbonica, aiuti ad intrappolare il calore nella nostra atmosfera. Inoltre, questo calore aumenta l'evaporazione dell'oceano che a sua volta aggiunge umidità all'atmosfera che mantiene più calore.

Quest'anno il pianeta più caldo ha contribuito a registrare la fusione del ghiaccio. Meno ghiaccio espone più terreno e acqua che assorbono più calore e mantengono le temperature in aumento.

Come sarà l'estate appena giunta? Jason Hansford del NOAA pensa che "Quello che abbiamo visto già è quello che probabilmente andremo ad ottenere. C'è la probabilità molto elevata di toccare temperature al di sopra dei valori normali."

 Per saperne di più su quanto accade nel mondo clicca QUI


Immagine: www.countyofcolusa.org

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Granny, l'orca secolare e suoi 100 giri del mondo

C'era una volta il Polo Nord

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Il riscaldamento globale nell'immaginario collettivo

Land grabbing senza pietà tra le tribù indigene del Borneo