Il ritorno americano sulla Luna alla ricerca di...

Com'era facile intuire, gli Stati Uniti si sono defilati dall'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici solo per poter fare a modo loro, e visto che sono la più grande potenza tecnologica del mondo, come si può pensare che essi si escludano dalla battaglia climatica che vuol dire anche "energia che non inquina " ?

Non è certo un caso che la nuova amministrazione di Donald Trump abbia fatto della luna una destinazione e non un pit stop sulla strada per Marte.

Le voci che l'amministrazione era più interessata alla luna che a Marte cominciò a circolare pochi giorni dopo l'elezione di Trump. Infatti, tra le prime cose da fare stabilite dalla nuova amministrazione, rivelarono i consiglieri del presidente, è che la NASA  invii degli astronauti sulla luna entro il 2020, una parte di un piano più grande per concentrarsi sulle attività in prossimità della Terra piuttosto che missioni nelle profondità del sistema solare.

Il vicepresidente Mike Pence ha parlato vagamente di un ritorno sulla luna in un discorso di luglio. A settembre, l'amministrazione ha nominato un capo della NASA che ha lodato la costruzione di avamposti lunari. Tutti segnali che evidenziano un significativo spostamento nelle priorità dell'agenda spaziale degli ultimi sette anni.

"Gli astronauti della Nasa ritorneranno sulla luna - non solo per lasciare le orme e le bandiere, ma per costruire le basi che serviranno poi per inviare gli americani su Marte e oltre", ha detto il vicepresidente americano al meeting inaugurale del National Space Council,  una riunione che riprenderà a vivere.

L'amministrazione Obama aveva sostenuto che una specie di attività umana nello spazio cislunare, la regione tra la Terra e la Luna, era necessaria per testare la tecnologia per una missione su Marte, ma gli sforzi sarebbero stati un pit stop, non una destinazione. 

Mentre Pence non ha fornito dettagli su che tipo di "fondamenta" gli americani dovrebbero costruire sulla luna, la nuova direzione é stata chiara: gli americani dovrebbero trascorrere più tempo nel loro cortile cosmico prima di volare verso il sistema solare.

Con la prevista disattivazione della Stazione Spaziale Internazionale nel 2024, le agenzie spaziali stanno lavorando sulla possibilità di avere una colonia umana sulla Luna entro il 2040.

Ci sono più vantaggi avere una colonia sulla Luna di un'altra stazione orbitale nello spazio. È 40 volte più conveniente lanciare una nave spaziale dalla Luna che dalla Terra, a causa della sua bassa tensione gravitazionale. Vi è poi un'abbondanza di basalto, una materia prima vulcanica per stampa in 3D di un veicolo spaziale e Helium-3 (elio-3 ), un raro isotopo nelle risorse terrestri che, una volta estratto sulla Luna e inviato a terra, potrebbe essere utilizzato per generare prodotti puliti e più sicuri dell'energia nucleare. Inoltre, l'acqua ai poli potrebbe essere sfruttata per produrre ossigeno e idrogeno, due gas che vengono utilizzati come combustibile per razzi.

Bernard Foing, ambasciatore dell'Agenzia Spaziale Europea, ha parlato questa settimana  circa un villaggio sulla luna a un congresso scientifico planetario europeo a Riga. Ha paragonato la situazione alla crescita delle ferrovie. Le piste ferroviarie sono state disegnate, i villaggi e le imprese sono cresciuti intorno a loro. Foing implicava che lo stesso sarebbe potuto succedere con il villaggio sulla luna. "A partire da un insediamento iniziale di 6-10 persone entro il 2030, l'insediamento potrebbe crescere a 100 entro il 2040. "Nel 2050 si potrebbero avere mille persone e poi ... naturalmente si potrebbe pensare ad avere la famiglia", cita l' Agence France Presse. 

"È un cambiamento di 180 gradi da niente luna alla prima luna", ha dichiarato John Logsdon, esperto di politica spaziale e ex direttore dello Space-Policy Institut del George Washington University.

Il ritornato interesse alla luna è ovviamente una buona notizia per le società di trasporto spaziale e i ricercatori che si lamentano da 45 anni dell' assenza americana dalla luna.

Ma in questo ritorno sul nostro satellite c'è qualcos'altro che interessa molto non solo gli Stati Uniti, ma la Russia e la Cina, che pare si muove segretamente.

Con la Russia ci sarà una partnership nel mettere insieme le risorse e sviluppare tecnologie che verranno utilizzate per creare una stazione spaziale in orbita lunare. Ma se l'obiettivo a lungo termine di costituire una missione spaziale lunare è la colonizzazione spaziale, ci sono anche vantaggi a breve termine per la missione.

La luna è fondamentalmente una gigantesca massa terrestre inesplorata, potenzialmente ricca di minerali e di altre risorse preziose che un avamposto lunare sarebbe in grado di estrarre.

L'esempio più famoso di tale risorsa è l'Elio 3, un isotopo estremamente raro sulla Terra, ma che è stato rilevato in grandi quantità nel suolo lunare.  La fusione termonucleare controllata è studiata per fornire energia sulla Terra e l' elio 3 sarebbe molto utile per effettuare il processo senza effettuare reazioni radioattive.

Inoltre, gli scienziati avevano capito molto tempo fa che la superficie della Luna offre un base estremamente preziosa per studiare il resto dell'universo, poiché gli studi astronomici possono essere effettuati a tutte le lunghezze d'onda dalle lunghe onde radio a onde gamma più corte.

Immagini: www.theatlantic.com - inhabitat.com