OCO-2, il satellite della NASA, ci mette in guardia dal clima futuro.

La più recente mappatura di anidride carbonica rilevata dal satellite della NASA ha rilevato un picco drammatico della quantità di gas a effetto serra nell'atmosfera, misurando il più grande aumento annuale che la Terra ha visto in almeno 2000 anni.

La causa? Il surriscaldamento di tre grandi regioni forestali tropicali in tutto il mondo

L' Orbiting Carbon Observatory (OCO-2) è uno dei satelliti che raccolgono dati sulle emissioni di gas a effetto serra e il ricercatore Junjie Liu del NASA Jet Propulsion Laboratory (JPL) a Pasadena, in California, ha utilizzato i dati di questa sonda per scoprire quanto - o in questo caso, quanto poca - anidride carbonica (CO2) è stata assorbita dall'atmosfera dalle foreste tropicali della Terra.

La NASA ha presentato i nuovi risultati della ricerca in una teleconferenza il 12 ottobre presieduta da Liu e Michael Freilich, direttore della divisione Scienza della Terra presso la sede della NASA a Washington, e altri importanti ricercatori

OCO-2 ha dato agli scienziati un nuovo rivoluzionario modo per comprendere gli effetti delle siccità e del caldo sulle foreste pluviali tropicali, ha detto Freilich nel briefing. La lontananza di queste regioni e la loro mancanza di stazioni di campo e l'effetto distorsivo dei temporali sulle misurazioni terrestri di CO2 rendono il satellite OCO-2 uno strumento importante e unico per monitorare il movimento e l'aumento di questo gas a effetto serra, ha aggiunto. La NASA ha lanciato OCO-2 nel 2014 appena in tempo per il record raggiunto dalla CO2 globale atmosferica, verificatosi tra il 2015 e il 2016.

Utilizzando i dati di OCO-2, Liu ha quantificato che in totale, le tre regioni tropicali hanno rilasciato almeno 2,5 gigatoni di carbonio nell'atmosfera rispetto a quello del 2011", o circa un aumento del 50%.

Le siccità nelle foreste tropicali della Terra derivano dal ciclo del clima di El Niño e le condizioni meteorologiche di El Niño dovrebbero diventare più estreme nei prossimi anni, hanno detto gli scienziati della NASA nel briefing. Questo cambiamento renderà le siccità più gravi nelle foreste tropicali, che potrebbero causare picchi ancora più alti nei livelli di CO2 nel prossimo futuro.
 

Poiché le piante sperimentano condizioni più calde e più asciutte, esse probabilmente si asciugano e marciscono, producendo più CO2 anziché rimuoverla dall'atmosfera come le piante sane.

Senza le piante necessarie per eseguire la fotosintesi e filtrare la CO2 fuori dall'aria, le foreste tropicali non saranno in grado di assorbire gran parte delle emissioni di gas serra
che stanno aumentando la temperatura globale del pianeta, sostengono gli scienziati della NASA
 
Fonte e immagine:  www.space.com/