Acqua e pace in Medio Oriente 3

Karun river
Con questa terza parte concludiamo questo interessante articolo di M. Reza Behnam estrapolato da registerguard.com. Da come si può capire il problema dell'acqua è basilare per la pace in Medio Oriente ma in ogni dove, anche nel condominio nel quale abitiamo... 

Acqua e pace in Medio Oriente
Acqua e pace in Medio Oriente 2

Le dighe iraniane - oltre 600 - hanno tutte la potenzialità d'innescare una discordia transfrontaliera. Progetti come il Daryan, una mega-diga sul fiume Sirwan, un affluente del Tigri, ridurranno del 60 per cento l'approvvigionamento idrico alla regione irachena del Kurdistan.

Il governo iraniano sta iniziando a rendersi conto che la scadente pianificazione e gli anni di siccità hanno reso come inutili molte dighe, oltre ad aver danneggiato l'ambiente circostante. Il Khuzestan, ad esempio, una provincia iraniana ricca di petrolio al confine con l'Iraq, è letteralmente diventata una landa desolata.
L'approvvigionamento idrico del Khuzestan è stato ridotto di due terzi in gran parte a causa della costruzione di dighe sul fiume Karun. Così, mentre il fiume e le zone umide si prosciugano, gli agricoltori sono fuggiti in città in cerca di lavoro. Le proteste del 2017-18 in tutto l'Iran sono iniziate con gli alti prezzi dei generi alimentari e la disoccupazione, rispecchiando la crisi migratoria e la ribellione in Siria.

Quasi il 96 percento dell'Iran soffre di diversi livelli di siccità prolungata e le sue nove grandi città, compresa Teheran, stanno già lottando per l'acqua potabile. Qualsiasi interruzione diventa motivo di allarme, come testimoniano i recenti scontri sulla scarsità d'acqua a Isfahan.

La costruzione in Afghanistan della diga Kamal Khan sul fiume Helmand ha suscitato terrore in Iran. La diga limiterebbe il flusso del fiume Helmand e potrebbe destabilizzare le restie province sudorientali dell'Iran - una zona povera, a maggioranza sunnita.

GreatManMadeRiver
La scarsità d'acqua ha sempre afflitto una Libia senza fiumi. Nel 1983, il leader libico Muammar Gheddafi iniziò uno dei più grandi progetti di irrigazione e ingegneria del mondo, con l'obiettivo di portare acqua potabile e irrigazione alle città e alle fattorie in tutta la Libia. La scoperta negli anni '50 di una vasta riserva di acqua dolce in una falda acquifera nel deserto del Sahara - il sistema acquifero delle arenarie della Nubia - stimolò lo sviluppo del massiccio sistema di irrigazione che Gheddafi chiamò the Great Man-Made River (il Grande Fiume artificiale).

La vasta rete di pozzi e condutture sotterranee era stata completata per il  70% quando Gheddafi venne brutalmente rovesciata e nel 2011 sono iniziate le violenze politiche. Inspiegabilmente, gli aerei della NATO hanno bombardato il sistema idrico GMR (Great Man-Made River ) e una fabbrica di tubi a Brega nel luglio del 2011. Tra il caos della guerra civile, la GMR ha subito danni. La distruzione ha minacciato la carenza d'acqua per la maggioranza dei 6,4 milioni del popolo libico, il cui tenore di vita era  iniziato a migliorare prima del bombardamento della NATO.

La politica dell'acqua ha sempre alimentato le guerre tra israeliani, palestinesi e i loro vicini. La confisca e il controllo delle risorse idriche siriane del Golan, della Cisgiordania e di Gaza sono un elemento determinante dell'occupazione israeliana e un compimento delle prime ambizioni sioniste. Per fare la pace, Israele avrebbe dovuto abbandonare il controllo del fiume Giordano, il mare di Galilea, l'accesso al Mar Morto e le lussureggianti falde acquifere della Cisgiordania.

I fondatori dello stato d'Israele del secolo scorso erano consapevoli che il loro sogno di una futura patria in Palestina sarebbe potuto essere sostenibile solo se avessero acquisito il deserto del Negev e tutte le risorse idriche della Palestina e parti della Giordania - il che significava controllare le sorgenti del sistema fluviale Giordano-Yarmouk e il fiume Litani in Libano.

Poco dopo il 1948, Israele mise in moto i suoi piani per il dominio delle risorse idriche della zona. La costruzione del National Water Carrier - un sistema di tunnel e canali destinati a trasportare l'acqua dal fiume Giordano superiore agli insediamenti previsti nel Negev e nelle zone costiere - iniziò nel 1953. Nel 1963, Israele iniziò a pompare acqua dal Mar di Galilea al NWC, ponendo una seria minaccia alle risorse idriche siriane, libanesi e giordane. Nel 1964, la Siria reagì tentando di deviare l'acqua nel proprio territorio.

Nelle sue memorie, Ariel Sharon, generale israeliano ed ex primo ministro, ha rivelato che la guerra del 1967 è stata lanciata in risposta al piano siriano di reindirizzare le sorgenti del fiume Giordano. Israele ha attaccato i cantieri edili in Siria lo stesso anno, scatenando la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

Israele ha dichiarato che le risorse idriche delle alture occupate del Golan, della Cisgiordania e della Striscia di Gaza sono di proprietà dello stato, mettendole sotto completa autorità militare. Annettendo le alture del Golan, Israele assicurò il dominio diretto sulle sorgenti del fiume Giordano, adempiendo, in tal modo, i precedenti progetti sionisti.

In Cisgiordania, la compagnia idrica israeliana Mekorot controlla le infrastrutture idriche e le risorse idriche sotterranee, costringendo i palestinesi a fare affidamento su di essa per il loro fabbisogno idrico.

Più di 200.000 palestinesi in Cisgiordania non hanno accesso ai sistemi di condutture idriche. I palestinesi non possono trivellare per l'acqua e non possono costruire o riabilitare alcuna struttura idrica senza i permessi delle autorità militari israeliane, permessi praticamente impossibili da ottenere. L'acqua viene trattenuta dalle comunità palestinesi, in particolare nelle aree programmate per l'espansione degli insediamenti, per provocare spostamenti forzati. C'è poca acqua per il consumo umano, figuriamoci per irrigare i pochi campi palestinesi rimasti non ancora confiscati...

Dalla sua fondazione, Israele ha desiderato l'acqua del Libano meridionale - il fiume Litani e le fattorie di Shabaa. I documenti storici degli anni '50 indicano che Moshe Dayan, allora capo dello staff delle forze di difesa israeliane, e altri favorirono l'annessione del Libano meridionale fino al fiume Litrani. Per controllare il fiume Litani, Israele invase il Libano meridionale nel 1978 (Operazione Litani) e di nuovo nel 1982. Israele si ritirò definitivamente dal sud del Libano nel 2000 sotto la pressione di Hezbollah.

Ed è forse proprio questa parte del mondo a infiammare i disordini con il Libano.

La scarsità d'acqua in Medio Oriente e nel Nord Africa è aggravata dal terribile danno ambientale causato da decenni di guerra. Gran parte del suolo della regione è saturo di piombo di armamenti e munizioni, il cui accumulo ha un effetto negativo sulla qualità dell'acqua.

Mantenere un adeguato approvvigionamento di acqua pulita è diventata la sfida economica e di sicurezza più pressante della regione. L'acuità del problema si riflette nella dichiarazione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti del 2010 secondo cui si deduce una forte preoccupazione della politica estera degli Stati Uniti. I trattati per proteggere i sistemi idrici condivisi e le acque sotterranee condivise sono urgentemente necessari.

Il clima arido e la scarsità di acqua della regione stanno rendendo la vita in Medio Oriente molto dura. Inoltre, la regione ha sofferto profondamente dopo decenni di drastici cambiamenti scatenati dalle invasioni USA in Afghanistan (2001) e Iraq (2003), successivi disordini sociali, rovesciamenti di governanti, violente insurrezioni e il crollo delle istituzioni statali. Il caos e i centri di potere indeboliti hanno reso ancora più difficile rispondere ai pericoli di un ambiente più caldo e più secco.

Così come l'acqua non conosce confini politici o culturali, i leader politici della regione devono rendersi conto che l'acqua non appartiene a nessun Stato, che l'accesso all'acqua pulita è un diritto umano fondamentale e una fiducia pubblica da proteggere. La questione cruciale per il Medio Oriente e il Nord Africa è se riusciranno a vedere la diminuzione delle risorse idriche come un motivo di concorrenza, portando inevitabilmente al conflitto, o come una causa per la cooperazione, che conduce alla pace... La storia ci dirà come andrà a finire questa immane querelle idrica in questa zona nevralgica del pianeta.

Immagini: en.wikipedia.org - www.orwelltoday.com - www.fotozanetti.com/