Artico: il mistero della Operation IceBridge



La NASA ha pubblicato un'immagine che mostra dei punti circolari, delle fessure misteriose nel ghiaccio marino artico, ma non sa cosa siano o cosa li abbia provocati. Questa specie di buchi nel ghiaccio sono state rilevati da un aereo con le attrezzature scientifiche nella missione annuale della NASA chiamata " Operation IceBridge"

Lo scienziato glaciologo in missione John Sonntag ha visto questi punti circolari, fessure, fosse, buchi, fate voi... durante un volo il 14 aprile acquisendone un'immagine rilasciata più tardi dalla NASA (immagine sopra).

Ogni anno la Operation IceBridge si svolge nelle regioni polari del pianeta. Quest'anno ha segnato la missione n. 10 sull'Artico. Durante questo tempo, i ricercatori mappano il ghiaccio del mare e della terra; quest'anno è stato scoperto un mistero. Secondo l'agenzia spaziale, Sonntag ha notato gli insoliti cerchi e buchi mentre si trovava su un aereo di ricerca P-3.

L'aereo sorvolava la regione orientale del Mare di Beaufort quando Sonntag ha notato il cerchi e immediatamente ha scattato una fotografia.

Al momento, lo scienziato ha scritto la seguente informazione: "Abbiamo osservato queste formazioni arrotondate sul ghiaccio per alcuni minuti. Non ho mai visto nulla di simile".

La NASA spiega che la missione principale del volo era quella di osservare un'area di ghiaccio marino che non era stata coperta dall'operazione IceBridge prima del 2013. "Le caratteristiche sono più di una curiosità che altro", afferma la NASA, affermando anche che l'immagine "Ha intrigato molti dei suoi scienziati.

Al momento, la NASA ha diverse teorie su come i cerchi potrebbero aver avuto origine. Secondo il geofisico Don Perovich, è possibile che i buchi si siano formati durante la collisione dei banchi di ghiaccio. Un'altra teoria è che le foche potrebbero essere responsabili dei buchi nel ghiaccio, come quelli che sorgono quando gli animali emergono. D'altra parte, potrebbe anche essere fori di respirazione dei sigilli. Un altro ricercatore mette in gioco fonti calde e sotterranee. Qual è esattamente la causa non è chiara al momento. Ma l'esploratore John Sonntag è certo: "Non ricordo di aver visto una cosa del genere altrove.

Immagine: www.news.de