Pensavamo di conoscere tutto sul nostro pianeta ma l'era dell'esplorazione è tutt'altro che finita...


La cartografia ha una storia antica. Ma sorprendentemente le prime mappe conosciute sono delle stelle, non della terra. Segni risalenti al 14,500 BC  trovati sulle pareti delle caverne di Lascaux tracciano una parte del cielo notturno, incluse le tre stelle luminose Vega, Deneb e Altair (l'asterismo del Summer Triangle), così come il gruppo di stelle Pleiadi. Le Cuevas de El Castillo in Spagna contengono una mappa con segni della costellazione della Corona Boreale risalenti al 12000 aC .

Riguardo invece la cartografia terrestre fu la civiltà greca quella che contribuì a sviluppare enormemente la comprensione della cartografia come una scienza importante per la società in generale. Tolomeo, Erodoto, Anassimandro, Eratostene avevano tutti un'enorme influenza sulle scienze della terra occidentale, compresa la geografia. Hanno eseguito uno studio approfondito delle dimensioni e della forma della terra e delle sue aree abitabili, delle zone climatiche e delle posizioni dei paesi. Anassimandro, filosofo greco antico presocratico per esempio, fu il primo a disegnare una mappa del mondo conosciuto, mentre Pitagora ipotizzava la nozione di una terra sferica con un fuoco centrale nel suo nucleo. Quando i geografi dell'era greca iniziarono a stimare scientificamente la circonferenza della terra, fu dato un enorme impulso alla scienza cartografica. Eratostene , già nel 3 °secolo aC, ha contribuito notevolmente alla storia della conoscenza geografica con la sua geografia e la mappa del mondo che la accompagna.

Prima che gli spazi vuoti del mondo potessero essere riempiti, la gente poteva solo immaginare cosa si posasse sugli oceani e sulle montagne. I racconti di fantasia si scatenarono con storie di animali mitici, strani abitanti e altri avvenimenti esotici accaduti nei luoghi in cui il mondo occidentale non era mai stato prima. L'espansione delle rotte commerciali ha aumentato il contatto tra le culture e ha ampliato la conoscenza del mondo delle persone e dei luoghi che prima erano sconosciuti.

Ma il periodo d'oro della cartografia comincia con la Carta Fra Mauro, creata dal monaco Fra Mauro intorno al 1450 d.C. È considerato uno dei pezzi più belli della cartografia medievale esistente. È una grande mappa rotonda (immagine sopra), di circa due metri di diametro, dipinta su pergamena e tesa in una cornice di legno. La mappa stessa descrive il mondo conosciuto al momento: Europa, Asia e Africa.

Il Passaggio a nord-ovest era uno di quei mitici passaggi che sognavano esploratori, cartografi e commercianti. Una connessione tra l'Oceano Atlantico e il Pacifico situato più a nord rispetto al Canale di Panama avrebbe reso più facile lo scambio commerciale tra i principali porti dell'Europa e del Nord America. L'esplorazione rivelò che non c'era una rotta dall'Atlantico al Pacifico che non fosse bloccata dal ghiaccio... Oggi, il riscaldamento globale ha risolto il problema...

Tuttavia, nell'era avveniristica del Terzo millennio, non tutto del mondo è stato svelato.


Ebbene, con oltre 1.300 satelliti in orbita attorno alla Terra in qualsiasi momento, c'è da pensare che sappiamo tutto quel che c'è da sapere su questo pianeta. Ma l'era dell'esplorazione è tutt'altro che finita, rivelano i ricercatori in un nuovo studio scientifico. Proprio come Hernando de Soto scoprì il grande Mississippi River inel 1541, i ricercatori della University of North Carolina at Chapel Hill and Texas A&M University  hanno tracciato una moltitudine di nuovi fiumi e torrenti, dimostrando che abbiamo il 44 percento in più di quanti si pensava ne avessimo.

I ricercatori finanziati dalla NASA, guidati da Tamlin Pavelsky, Ph.D., professore associato di idrologia globale presso l'UNC-Chapel Hill, non
ambivano alla gloria dell'esplorazione. Piuttosto, il loro lavoro era rivolto a capire quanta acqua ci sia sulla Terra perché fiumi e torrenti aggiungono molta anidride carbonica nell'atmosfera, peggiorando gli effetti dei cambiamenti climatici.

"Il nostro nuovo calcolo aiuta gli scienziati a valutare meglio quanto anidride carbonica si muove ogni anno da fiumi e torrenti nell'atmosfera", ha detto Pavelsky in una dichiarazione rilasciata giovedì.

Sebbene gran parte del focus sui cambiamenti climatici si sia concentrato sulle emissioni gassose nell'atmosfera prodotte dalla combustione di combustibili fossili, l'inquinamento contenente carbonio nei nostri fiumi e torrenti (come fertilizzanti e rifiuti umani e animali) può anche rilasciare anidride carbonica nell'aria. Questo "degenerare" da fiumi e torrenti, scrive il team, introduce nell'atmosfera un volume di anidride carbonica "equivalente a circa un quinto delle emissioni combinate derivanti dalla combustione di combustibili fossili e dalla produzione di cemento".

Poiché il rilascio di anidride carbonica disciolta nell'aria da fiumi e torrenti avviene sulla superficie dell'acqua, è importante sapere quanta superficie viene effettivamente coperta dall'acqua in movimento. Così, il team si è rivolto alle immagini riprese dal satellite Landsat della NASA, ed hanno utilizzato per creare un database chiamato Global River Widths da Landsat (GRWL), che conteneva oltre 58 milioni di misurazioni di fiumi oltre 30 metri di larghezza.

Alimentando i dati GRW in un modello statistico costruito da Pavelsky, il team ha calcolato la superficie totale della Terra coperta da ruscelli e fiumi. Complessivamente, hanno misurato circa 773.000 chilometri quadrati (298.457 miglia quadrate), circa le stesse dimensioni di tutta l'Italia o le Filippine. Questa è molto più acqua in movimento - e molto più spazio per lo scambio di anidride carbonica - di quanto avessimo mai pensato, il che è problematico.

"Abbiamo scoperto che fiumi e torrenti probabilmente svolgono un ruolo maggiore nel controllo dei flussi atmosferici terrestri di quelli attualmente rappresentati nei bilanci globali del carbonio", scrive il team. Le maggiori stime della superficie del fiume sono "particolarmente pronunciate" nell'Artico, che sono già particolarmente vulnerabili agli effetti dei cambiamenti climatici.

La buona notizia, oltre al fatto che ora abbiamo il 44% in più di fiumi di quello che pensavamo di avere, è che possiamo seguire meglio la traccia di quanta anidride carbonica è effettivamente rilasciato nell'atmosfera a causa del comportamento umano. La cattiva notizia è che, con tutti questi nuovi fiumi, la quantità di anidride carbonica effettivamente rilasciata sarà ancora più difficile da mitigare.

Immagini:   - fineartamerica.com www.inverse.com/