Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

Auguri per un 2011 migliore

Auguri per un felice 2011 a tutto il mondo, specie per quei popoli, quelle famiglie, quelle persone che sono state colpite da tragedie molto più grandi di quanto si potesse immaginare.
AUGURI!
Immagine: www.chromaluna.com/

Inondazioni in Australia e colera ad Haiti sul finire dell'anno

L'Australia sta vivendo una tragedia senza pari, specie nello stato orientale del Queensland, dove inondazioni fuori dalla norma stanno aumentando di portata. Fino ad ora hanno interessato circa 200.000 persone in 22 città, tra cui, quelle più colpite di Bundaberg, Smeraldo e Rockhampton.   
Le zone colpite hanno una superficie più grande di Germania e Francia messe insieme.
Oltre 4000 persone sono sfollati, molti sono stati salvati da elicotteri. Per l'emergenza sono stati creati un certo numero di centri di evacuazione.
l danno è enorme. Lo straripare dei fiumi significa anche che i raccolti sono distrutti. Il costo totale dei danni è stimato in diversi miliardi. 
Ad Ingham, una città sulla costa nordorientale del continente australiano, completamente invasa dall'acqua, il sindaco Andrea Lancini ha messo in guardia la popolazione dal pericolo crescente dei coccodrilli. 

Non va meglio ad Haiti, che sta vivendo già da parecchi mesi una tragedia dietro l'altra.. Nel pae…

minerali delle terre rare = CVD

CVD, diceva il mio vecchio professore di matematica ogni volta che aveva esposto un problema o una espressione scarabbocchiato con mille rivoli e una miriade di numeri sulla lavagna.

CVD, ovvero COME VOLEVASI DIMOSTRARE.

E' proprio quanto vien da dire a proposito delle preoccupazioni nel mondo occidentale, soprattutto di Stati Uniti e Giappone, per quanto riguarda l'argomento dei REE (rare earth elements), terre rare, quei minerali oggi tanto importanti nell'era tecnologica senza i quali non si possono costruire smartphone,  laptop,batterie di auto elettriche, turbine eoliche, strumenti elettronici in campo militare e spaziale...
Ebbene, la cara vecchia Cina, che non vuole smette di crescere, e sta già pagando il prezzo del suo benessere con restrizioni molteplici, ad esempio, già dal prossimo anno aumenterà il costo delle abitazioni; ed ora, dopo il taglio di quote di esportazione  dii minerali delle terre rare, che partiranno nel primo semestre del 2011, sta rischiando u…

Terre rare: un problema geopolitico da non sottovalutare

Il timore di una carenza di metalli delle terre rare utilizzati nei prodotti industriali e militari ad alta tecnologia sta inducendo gli Stati Uniti a riaprire vecchie miniere abbandonate, tra le quali quelle di Mountain Pass Mine, nel deserto di Mojavi,  in California.
Scoperto nel 1940 da cercatori d'uranio, 60 miglia a sud-ovest di Las Vegas, il Mountain Pass contiene un mix di terre rare, tra cui il cerio e il lantanio, in concentrazioni quasi doppie di quelle che si trovano nella più grande miniera di terre rare del mondo, la China's Bayan Obo.

Il sito di 2.200 acri, comprende una profonda fossa nel deserto del Mojave ed è di proprietà di Molycorp Minerals in Colorado, che ha ha appena iniziato un lavoro di due anni per ridare a Mountain Pass il suo antico ruolo di produttore leader a livello mondiale.

Nella parte inferiore del vasto sito, sotto 6 metri (20 piedi) di acqua brillante color verde smeraldo, si nasconde un ricco giacimento di minerali che stanno rapidamente e…

Stati Uniti: si corre ai riparo dal dominio cinese sui REE

"Il futuro e la pace del mondo dipenderà molto da una pacifica soluzione dei popoli sull'utilizzo, di quello che resta, delle risorse naturali. Ma forse i termini "pace e soluzione" sono ben lungi dall'essere assecondati dagli Stati, spesso portati a prevalere, e presto potrebbero sorgere infinite diatribe su questo spinoso argomento".
-----------------------------------------------

Una delle più importanti miniere di metalli delle terre rare degli Stati Uniti  è tornata in funzione, dando così una fonte di risorse all'impero americano, necessaria a compensare il controllo della Cina sui REE(rare earth element ),  materiali necessari per costruire gadget tecnologici, come smartphone e laptop.


Il sito a Mountain Pass in California, di proprietà diMolycorp,era stato chiuso nel 2002, tra preoccupazioni ambientali e il basso costo sul mercato dei metalli delle terre rare forniti da miniere con sede in Cina.

I REE comprendono un gruppo di 17 metalli che…

L'auto del Golfo e del nord Africa la costruirà la Corea del sud

Va alla Corea del sud un affare da mezzo miliardo di dollari richiesto dalla King Saud University, una delle più grandi università del regno saudita, per la fabbricazione di macchine speciali, adatte a zone sabbiose, da utilizzare nel Golfo e nei mercati del Nord Africa.

Nel mese di giugno l'Università saudita,  ha presentato la prima auto costruita in loco dal paese, un veicolo all-terrain chiamato "Ghazal 1 " (Gazelle), con piani di produzione di 20.000 unità l'anno.

L'accordo prevede la costituzione di una impresa di produzione di motori, con 500 milioni di dollari di capitale, al fine di produrre un prototipo in due anni.

L'Arabia Saudita, il maggiore esportatore mondiale di greggio, sta cercando di sviluppare l'industria locale, in particolare attraverso la formazione di esperti  del suo personale, con trasferimenti di tecnologia.



Immagine: blog.firdousi.com

L'infinito martirio dei cristiani

La violenza riesplode in Nigeria con assalti a chiese, come era accaduto in passato. E l'infinito martirio dei cristiani riprende!

Ancora  una volta i cristiani sono oggetto di violenza. A Jos, nella regione del Plateau e a Maiduguri, due città nel nordest  della Nigeria, proprio  nella notte di Natale, sono state assaltate le chiese, provocando 38 morti a Jos ed  altri 6 a Maiduguri, tra cui un pastore battista. Una guardia di sicurezza in una chiesa vicina è morto in un attacco simile.

Ci stavamo preparando per la messa di mezzanotte ed abbiamo sentito 2 esplosioni  fortissime. Non possiamo dire che la chiesa fosse l'obiettivo ma i fatti sono questi, ha dettol'arcivescovo di Jos. Poi, continuando: la messa non c'è più stata ed oggi ho dovuto celebrare  da solo a casa  mia.  La  gente ha troppa paura!

Può far comodo parlare di guerra santa ma pensare che tra pochi mesi ci saranno le elezioni nello stato più popoloso d'Africa, fa venire a mente che da queste parti l…

Buon Natale a tutti

Ancora una volta "il professor Echos" augura un

FELICE E SERENO NATALE A TUTTI.

L. Vecchi

Spettacolari esercitazioni militari di Usa e Corea del sud

La Corea del Sud ha messo in scena la sua più grande esercitazione militare, in un grande spettacolo, che ha visto la forza alleata  mettere in campo sull'isola contestata di Yeonpyeong 800 soldat, tra cui  30 carri armati, veicoli corazzati da trasporto truppa,  caccia-jet F-15, pezzi di artiglieria, missili multipli a lungo raggio ed elicotteri Cobra.
Il boom dei cannoni ha echeggiato attraverso le valli e le colline coperte di fumo in cui si sono viste rocce sbattute sul fianco della collina spazzate via da razzi sparati da elicotteri e bombe dai caccia F-15.
Gli Stati Uniti hanno sostenuto il diritto del suo alleato di tenere esercitazioni di difesa, che sono stati condannati da Russia e Cina, i quali hanno richiamato alla moderazione e alla fine delle esercitazioni che potrebbero degenerare in guerra.
Bill Richardson, il governatore del New Messico e inviato non ufficiale degli Stati Uniti in Corea del sud, ha detto che 'la situazione è ancora una polveriera''. '…

L'albero di Natale? Questione di stile

Se nell'emirato più grande e più ricco degli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi, c'è chi ostenta grande orgoglio per aver decorato presso l'Emirates Palace, un albero di Natale con gioielli e pietre preziose appesi ai rami, dal valore di circa 11 milioni di dollari (per molti osservatori la grandeur è sintomo di declino), dando quindi alla festività natalizia una concenzione multicapitalista...
c'è chi per fortuna, affronta l'evento natalizio in maniera più tradizionale e con tutt'altri intenti, anche se la  bellezza e fascino dell'oggetto mostrato, non è passata inosservata nel Guinness dei primati nel 1991.

Parliamo dell'albero natalizio più grande del mondo, allestito sulle pendici del Monte Ingino, presso Gubbio, in Umbria,grazie al paziente lavoro e la dedizione degli alberaioli, in occasione della 30 ° edizione del grande evento, che continuerà fino al 9 gennaio 2011. Ebbene, il 7 dicembre, alla vigilia dell'Immacolata Concezione, si sono accese gli…

Tensione nel Mar Cinese Orientale

Le manovre militari sulla frontiera marittima tra le due Coree  potrebbero indurre la Corea del Nord ad attaccare la Corea del Sud. 

In questo, lo stato del nord è stato chiaro: se le portaerei americane e le navi sudcoreane si avvicineranno troppo ci sarà una risposta ancora più dura dell'attacco che uccise 4 sudcoreani lo scorso 23 novembre.

Per Seul si tratta di esercitazioni di routine del tutto leggittime ed è pronto a rispondere a qualsiasi provocazione.

I colloqui diplomatici a 6 sono sospesi ma gli Stati Uniti sono impegnati in contatti informali con il regime del nord. Nella capitale nordcoreana è giunto Bill Richardson, governatore del Nuovo Messico.

La situazione sul 36° parallelo è in movimento e lo conferma arriva anche dai cablogrammi riservati di WikiLeaks, in cui si dice che anche la Cina sarebbe rassegnata al collasso della Corea del Nord e alla riunificazione sotto l'egida di Seul. 

Una corsa al dominio del Mar Cinese Orientale, che mette in allarme il Giapp…

Prodotti tossici nella vita quotidiana

Quante volte al giorno mangiamo, beviamo, respiriamo e assorbiamo comunemente tossine?

Molte di più di quelle che crediamo, secondo un rapporto del Breast Cancer Fund.

Il rapporto riporta in dettaglio il legame tra cancro ed esposizioni tossiche, comprese le sostanze chimiche utilizzate nell'industria, in campo militare e nella medicina. La relazione afferma che "il legame tra esposizione e cancro è forte" e "il rischio di cancro aumenta con una maggiore esposizione". I bambini, il feto non ancora nato e le donne in gravidanza sono a maggior rischio.

Sono più di 80.000 le sostanze chimiche attualmente in uso che non sono mai state pienamente valutate tossiche per gli impatti sulla salute umana e l'ambiente. Molte di queste sostanze sono legate ad una maggiore incidenza di cancro.

L'industria chimica dovrebbe accertarsi che una sostanza chimica non è pericolosa prima che sia usata in prodotti di uso quotidiano. Ma il Toxic Substances Control Act (TSCA) non…

Israele: trovata una statua antica romana

Il passato, prima o poi, raffiora sempre.

Trovata da un passante una statua in marmo di epoca romana, risalente all'occupazione romana della Giudea tra i 1800 e 2000 anni fa.

E' accaduto in Israele, subito dopo una grande tempesta, che ha fatto crollare una rupe, nella città portuale  di Ashkelon, sul Mediterraneo.

Alla statua manca la testa e le braccia, anche se ha "curati in ogni dettaglio" i  sandali, ha detto Yoli Shwartz, portavoce della Israel Antiquities Authority.

La statua ora è stata rimossa dal sito per essere studiata prima di esporla in un museo in Israele. Recuperate nello stesso luogo anche frammenti di un bagno pubblico romano e dei mosaici.

Immagine: www.msnbc.msn.com/



Svezia: una lezione di ecologia

Con una popolazione di 80.000 personeKristianstad può essere famosa come la città natale della Vodka Absolute, ma ora da lezioni di ecologia, che potrebbe aiutare a cambiare il nostro futuro con i combustibili naturali. 
Circa 10 anni fa, questa città svedese, i cui abitanti vivono in case confortevoli, fanno le vacanze sulla spiaggia durante l'inverno e guidano belle macchine, usate essenzialmente  per andare a fare lo shopping e per recarsi al lavoro, ha deciso di ridurre progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili. Ed ora, che sembra abbia raggiunto gli obiettivi prefissati, si prefigge di fare ancor di più, senza però ricorrere al vento e al sole, bensì a trasformare in gas le enormi quantità di materiale di scarto, scarti di lavorazione del legno, sostanze animali... che possono essere trattati biologicamente per produrre gas utile per il riscaldamento delle abitazioni, per generare energia elettrica, nonché in una forma raffinata, utilizzato per alimentare le au…

Le perle di Abu Dhabi

Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti, punta a diventare meta mondiale del turismo eco-compatibile.          

L'Authority per il Turismo del ricco emirato ha definito infatti un codice per costruire hotel "verdi", in cui, accanto al ranking basato sulle stelle, ci saranno le perle per misurarne il  livello di rispetto dell'ambiente.

Una misura, quella di Abu Dhabi, che appare in linea con il codice per l'edilizia "verde" varato da Dubai. 

"Vogliamo che gli hotel di Abu Dhabi siano un modello di ospitalità sostenibile, un posto da vivere in totale armonia con la natura", ha detto Sheikh Sultan Bin Tahnoon Al Nahyan, presidente dell'Autorità per il Turismo.      

L'obiettivo dichiarato è far diventare la capitale degli Emirati Arabi la città con la più grande concentrazione di hotel "verdi" del mondo. 

Le nuove linee-guida verranno applicate da subito. E' già pronto infatti il progetto per la costruzione del primo r…

L'alba del nuovo impero - 2

Proprio al recente vertice Nato di Lisbona 2010, la Turchia ha imposto all'alleanza atlantica che nel documento finale non venisse nominato l'Iran tra le minacce contro le quali ci sarebbe  stato il progetto di scudo antimissile europeo.  Questo, poiche la Turchia si vede responsabile della stabilità regionale, e ha quindi  bisogno d'intrattenere buone relazioni con tutti i paesi della  regione (Iraq, Siria, Libano, Arabia Saudita ed Egitto), compreso l'Iran. 

Avendo intrapreso una politica estera di profondità strategica, la Turchia deve adattarsi a posizioni diverse in relazione ai Balcani, alla regione del Mar Nero, al Caucaso, ai paesi baltici e al Medio Oriente.  Una tappa importante di questo approccio in politica estera  è la creazione di nuove attività di cooperazione  con le nazioni che affacciano sul Mar nero, come l'Ucraina, ad esempio.

Per rendersi conto dell'importanza della Turchia nello scacchiere geopolitico, basterebbe osservare…

Concluso a Cancun il vertice sul clima

La Conferenza sul clima di Cancun (Cop16) ha approvato un pacchetto di misure, tracciando una strada (obiettivi a lungo termine, tra cui un fondo verde e il riconoscimento della scienza per fermare il riscaldamento a 2 gradi) per un'intesa contro il caos climatico, con il solo dissenso dell' Alternativa bolivariana, che appoggia, invece, un testo ben piu' ambizioso, ma anche piuttosto illusorio, visto che propone ai paesi industriali di dare ai paesi più poveri l'equivalente della metà delle spese per la difesa e la sicurezza di essere aiutati nell'affrontare il riscaldamento globale, eliminando i brevetti sulle tecnologie legate al clima.

L'intesa raggiunta a Cancun consta di un taglio delle emissioni del 25-40% rispetto al livello del 1990 entro il 2020 e il futuro del Protocollo di Kyoto (KP); probabilmente un secondo e più ampio trattato sui cambiamenti climatici, dovrà essere negoziato ed adottato sin dal prossimo Cop17, che si svolgerà a Durban,…

Myanmar: la sommossa dei gruppi etnici

Sebbene uno degli aspetti più positivi delle elezioni tenutasi di recente nel Myanmar è stata la creazione, nell'ambito di una nuova struttura di governo, di assemblee elette regionali che danno alle minoranze etniche del Myanmar una partecipazione formale al governo, specie alle regioni di Shan e Arakan, il nuovo governo birmano non ha alcuna intenzione di aprire ai gruppi etnici. 
La giunta militare vuole disarmare le milizie etniche ma queste non ci stanno. Alcuni gruppi etnici si sentono esclusi dalla vita politica e potrebbero ribellarsi violentemente.
Nel mentre, i rappresentanti di 2 gruppi etnici armati si sono incontrati nel quartier generale del Shan State Army-South (SSA-South), una delle fazioni ribelli più importanti nella grande lotta contro il governo birmano, ed hanno discusso coi loro leaders circa  l’espansione di una nuova alleanza degli eserciti etnici che si oppongono al regime birmano.
Fonti del governo thailandese dicono che le autorità del Myanmar hanno avvert…

Cancun: comunque vada è stato un successo per l'industria verde

Soltanto in giornata saremo in grado di capire com'è andato il vertice sul clima di Cancun (COP16). 

Da quello si pensava dovesse essere un vertice sul clima con una struttura politica, che avrebbe messo insieme 190 paesi con l'obiettivo di dipanare soprattutto le controversie sui finanziamenti per il clima, la salvaguardia delle foreste (REDD) e il prolungamento o meno del protocollo di Kyoto, si sta invece rivelando il più grande business dell'industria verde, con molte buone proposte di qualità, di cui un 40% messo in moto dai paesi asiatici (Cina, India, Corea del sud e Giappone). 

E' stato previsto per il 2020 un giro d'affari di 2.300 miliardi di dollari (secondo Pew Charitable Trusts) e la creazione di 20 milioni di posti di lavoro, di cui una buona parte nel settore rifiuti.

A Cancun si spera di raggiungere un accordo sui REDD ( Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation), il negoziato sulle foreste sostenuto dalle Nazioni Unite (sebbene l&#…

Cancun: la voce dei paesi più vulnerabili

Con la speranza che gran parte della popolazione mondiale possa riuscire a vincere sui grandi della Terra, il premier keniano Raila Odinga, molto popolare in Kenia col nome di Agwambo, ha convocato una riunione con tutti i paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici, decisi anche loro, come alcuni paesi poveri ed emergenti, a far sentire la loro voce a Cancun.

Gli stati poveri, piccoli e vulnerabili rappresentano circa 80 nazioni che Odinga ha unito in un blocco comune, il quale chiede di limitare il più possibile la temperatura del pianeta, magari in un nuovo trattato climatico. Sono piccoli Stati insulari, che temono di essere cancellati dalla carta geografica, per via  dell'innalzamento del livello dei mari, dovuto allo scioglimento dei ghiacciai in Groenlandia e in Antartide.

Proprio perchè il cambiamento climatico minaccia l'intera umanità, ogni nazione si è avvicinata ai colloqui con i suoi interessi nazionali strategici in mente.

"E perchè il Kenia dovrebbe esser…

Israele: un'oasi di speranza per i migranti eritrei

E' ormai scaduto l'ultimatum dei sequestratori che da un mese tengono prigionieri nel deserto del Sinai 80  profughi eritrei in condizioni disumane. 
 Tra loro anche donne incinta e bambini. I prigionieri continuano ad inviare appelli ai familiari per raccimolare il riscatto richiesto per essere condotti in Israele.

Si moltiplicano le iniziative in loro sostegno come la conferenza stampa di oggi al Senato dal titolo "Profughi sotto ricatto: cosa c’entra l’Italia? - Eritrei etiopi somali sudanesi in catene nel deserto del Sinai", alla presenza del mondo politico e della società civile.

Bloccati sul Mediterraneo, respinti dall'Egitto dal 2005 perchè ha già una vasta popolazione di migranti, il popolo africano del Corno d'Africa e parte del Sudan, dilaniato da una guerra civile da oltre  22 anni, che dal 2003 ha provocato più di 300.000 morti e 2,7 milioni di sfollati, anche Israele si trova, suo malgrado, a dover affrontare questa tragedia.

Inizialmente ha offe…

Ostaggi eritrei nel deserto del Sinai: che si fa ? Si lasciano morire così ?!

All'inizio erano un'ottantina. Tre di loro sarebbero stati uccisi perchè le loro famiglie hanno confermato ai rapitori che non erano in grado di pagare gli aggiuntivi 8000 dollari (gli ostaggi avevano già pagato 2000 dollari) al riscatto richiesto dai trafficanti beduini.  Altri tre sono stati eliminati perchè, assieme ad altri 9 hanno tentato di fuggire dalla prigione del campo, realizzata in appositi contenitori emananti una temperatura bestiale, costruiti appositamente da più di un mese, alla periferia di una città nel Sinai, al confine tra Egitto e Israele. .
I loro rapitori chiedono il pagamento di 8000 doolari a testa prima di rilasciarli, e nel frattempo li stanno trattando in maniera estremamente degradante e inumana. Chi non ha i soldi può pagare con l’espianto di un rene. 
Molti di questi profughi africani sono incatenati, non mangiano da qualche giorno, viene data loro acqua da bere salata, vengono percossi, torturati con metodi estremi, compreso scosse elettriche, …

Cancun: entra in scena WikiLeaks

L'effettoWikileaks ha colpito anche la Conferenza sul clima che si sta svolgendo a Cancun. Difatti, dal famigerato sito dell'australiano Julian Assange il Guardian ha tratto una serie di cablogrammi tra USA e Ue in cui viene rivelato come gli Usa  hanno manipolato l'accordo svoltosi lo scorso anno a Copenaghen.

Coinvolto anche il nuovo presidente dell'Unione Europea Herman van Rompuy, nominato appena una settimana prima dell'apertura del vertice di Copenaghen, il quale aveva incontrato un diplomaticon statunitense  il 23 dicembre dello scorso anno nel cavernoso edificio di Justus Lipsius, che è la sede UE a Bruxelles.

Herman van Rompuy si era lamentato con il diplomatico statunitense del trattamento riservato alla Ue nel vertice di Copenhaghen, da lui definito una "catastrofe incredibile", mostrandosi sprezzante e pessimista, sia per quanto riguarda i negoziati di Cancun e circa la struttura "poco maneggevole" delle conferenze, con troppi …

Cancun: perfino Al Gore è depresso

Sembra che al riscaldamento globale(global warming) ormai non ci pensa più nessuno.

Passata l'attenzione generale dai tempi della Conferenza di Bali del dicembre 2007, e della finta euforia del freddo vertice di Copenaghen 2009, nonchè al ripensamento pubblico dell'icona ambientalista di primo pelo Al Gore, il quale oggi, nonostante il suo stato depresso per come sta andando il vertice di Cancun, si rammarica della posizione presa a suo tempo sulle agevolazioni fiscali per i carburanti alternativi di prima generazione, come l'etanolo di mais, che però non ha funzionato, in quanto i rapporti di conversione energetica si sono rivelati molto esigui ed hanno causato qualche problema nelle questioni alimentari. 
Adesso per lui si apre un'altra prospettiva: un etanolo migliore, una miscela dei suoi investimenti verdi, Abengoa Bioenerym, da cui spera di trarre profitto e ottenere sovvenzioni da parte del governo.
Insomma a Cancun si respira un'aria di scetticismo. 
Il mo…