Speciale RIO + 20: il Summit delle incertezze

Dal nostro inviato a Rio de Janeiro John Keyman

Adesso poi che è in atto una crisi economica senza precedenti, che il vecchio continente europeo sta vivendo sulla propria pelle con troppe incertezze, seguito dalla massiccia economia statunitense pesantemente in recessione, con i suoi leader politici concentrati sulle elezioni presidenziali di novembre; nel momento in cui a mezzanotte di oggi in una sessione plenaria con i rappresentanti dei 193 paesi membri si dovrà approvare il testo dell'ONU da presentare ai leader che da domani presenzieranno al Summit vero e proprio.... c'è la sensazione che non si dia la massima attenzione alle questioni ambientali che si stanno affrontando a Rio 20.


"Il mondo dorme ai piedi di una catastrofe" ha detto il principe Carlo d'Inghilterra, persona molto sensibile ai problemi ambientali. Se si vede la Conferenza di Rio snobbata da coloro che più contano nell'economia globale allora la si potrebbe definire una iniziativa inutile e suggerire che ogni nazione dovrebbe semplicemente provvedere a se stessa. Buona fortuna, Burkina Faso e Ciad.

In questo vertice la maggior resistenza al testo dell'ONU viene dall'Unione europea, che vuole più tempo per negoziare. L'UE ritiene che la bozza presentata dal Brasile per cercare di conciliare le posizioni, è squilibrata e favorisce il pilastro sociale dello sviluppo sostenibile. Fin dall'inizio, gli europei hanno cercato di dare maggiore enfasi al pilastro ambientale.

I negoziatori brasiliani hanno detto che gli europei si lamentano, ma non vogliono impegnare maggiori risorse per la transizione verso uno sviluppo sostenibile.

Inevitabilmente, con l'argomentazione della crisi economica nei paesi ricchi, l'UE e gli Stati Uniti hanno posto il veto sulla proposta del G77 (gruppo dei paesi in via di sviluppo più la Cina) per creare un fondo di 30 miliardi di dollari annualmente a tale scopo.

Nel mentre, circa 2.000 indiani di diversi gruppi etnici, appartenenti alla Cúpula dos Povos (Summit dei Popoli) hanno invaso ieri la costruzione di  BNDES (Banco Nacional de Desenvolvimento Economico e Social) in Rio 
I funzionari dell'agenzia hanno chiuso le porte del palazzo e bloccato i manifestanti. Vestiti con costumi tradizionali e alcuni di loro con archi e frecce, gli indiani hanno detto che avrebbero campeggiato sul luogo per essere ascoltato. Intorno al 13.30, è stato permesso di entrare nel palazzo ad un gruppo di 12 rappresentanti indigeni.

L'invasione è una protesta contro i progetti che vengono finanziati dal BNDES nelle terre indigene, che hanno un impatto diretto sulla vita delle persone.

"Se gli europei continuano a venire in Brasile, mettere i minatori per massacrare il nostro popolo, noi non lo permetteremo. Non vogliamo essere trattati come animali. La nostra gente vuole una politica per gli indiani," ha detto il il capo della tribù Tupi-Guarani, del municipio di Itaporanga in Sao Paulo.

Hozana Castro de Oliveira, dell'etnia puroborá di Rondânia, spiega che la richiesta è diretta alle terre indiane. "Il governo dice che non ha soldi per delimitare il terreno e per la nostra istruzione, ma hanno i soldi da dare alle aziende per costruire centrali idroelettriche e fabbriche di altri sulla nostra terra."

La Cúpula dos Povos ha anche sollecitato l'azione contro la deforestazione, la demarcazione delle terre indigene, e miglioramenti nel campo dell'istruzione e della salute degli indiani. Inoltre desiderano che nelle loro terre venga vietato l'uso di pesticidi. Ma la richiesta più forte che hanno avanzato interessa la diga del Monte Belo, che sarà il terzo più grande progetto idroelettrico del mondo e sposterà fino a 20.000 persone, mentre la deviazione del fiume Xingu con la sua inondazione interesserà 230 chilometri quadrati di foresta pluviale. A riguardo il governo brasiliano dice ai residenti costretti a trasferirsi chee saranno ricompensati e trarranno maggior beneficio dal trasferimento. 

C'è forse qualcuno disposto a credere a questa fandonia?

Immagini: mydestination.com  - coastalcare.org

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Granny, l'orca secolare e suoi 100 giri del mondo

C'era una volta il Polo Nord

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Il riscaldamento globale nell'immaginario collettivo

Land grabbing senza pietà tra le tribù indigene del Borneo