Passa ai contenuti principali

Zumwalt, la pallottola d’argento invisibile


Presso la General Dynamics Bath Iron Works nel Maine, Stati Uniti, i lavoratori stanno completando una nave da guerra, una nave da guerra e di morte completamente differente da quelle che il mondo ha mai visto.

I 3,3 miliardi di dollari del nuovo cacciatorpediniere classe Zumwalt (DDG 1000), il primo di tre in lavorazione, era stato programmato per essere consegnato alla Marina statunitense questa estate, ma il ritardo coinvolgerà, inevitabilmeente, anche la consegna delle altre due navi in cantiere, Michael Monsoor (DDG 1001) e Lyndon B. Johnson (DDG 1002), la cui consegna era prevista per il dicembre 2018.

Zumwalt, soprannominato "la pallottola d’argento invisibile", utilizza una propulsione completamente elettrica, impiega caratteristiche stealth, porta un enorme arsenale di missili guidati, e monta avanzati cannoni che possono colpire bersagli a 63 miglia di distanza. Molto probabilmente non sarà mai testato in battaglia, perché nessun altro paese sta tentando di costruire una nave da guerra come lo Zumwalt, che simboleggia l'incontrastato e gigantesco vantaggio che gode la Marina degli Stati Uniti

Questo cacciatorpediniere "stealth" sarebbe in grado di navigare in mare aperto, in acque poco profonde, e distruggere i nemici utilizzando un cannone elettromagnetico molto avanzato, il tutto senza essere individuato dai radar nemici. Le qualità della nave in acque poco profonde, la rendono particolarmente adatta alle coste e alle molte isole dei mari dell’Estremo Oriente. 

"Con la sua tecnologia stealth, il suo sonar incredibilmente potente, la sua capacità di attaccare e le ridotte necessità in termini di equipaggio, rappresenta il nostro futuro", disse qualche tempo fa il Capo delle Operazioni Navali, ammiraglio Jonathan Greenert, pieno di elogi verso questa nuova generazione di navi.


All'insegna di una gloria imperitura, una nuova richiesta di budget del Pentagono chiede che la Marina abbia un aumento a 161 miliardi di dollari per l'anno fiscale 2016, rispetto ai 149 miliardi dollari del corrente anno. Il mese scorso, il Segretario della Marina Ray Mabus ha detto alla House Appropriations Committee che la Marina deve diventare più grande, aumentando il totale delle navi, portandole da 275 ad almeno 300.

Tuttavia, gli Stati Uniti non necessitano di una espansione navale. La Marina ha già 10 supercarriers a propulsione nucleare, 10 in più rispetto al resto del mondo. Nessun'altra nazione ha qualcosa simile alle avanzate supercarriers nucleari che gli Stati Uniti hanno in cantiere.

La Cina possiede un antiquato, vettore convenzionale alimentato, e si pensa stia costruendo altri due vettori, nessuno dei quali è un supercarrier nucleare in grado di contestare la "blue water" o i profondi oceani aperti, dove la Marina degli Stati Uniti domina.

Con le portaerei, i sottomarini nucleari, l'aviazione navale, la potenza di fuoco di superficie, le navi d'assalto, i missili e la logistica, la Marina degli Stati Uniti è la più potente di tutte le altre marine militari del mondo messe insieme.





Post allegato a "L'alba del nuovo impero"

Immagine: edition.cnn.com

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…