Passa ai contenuti principali

Il sultanato di Omam e il gas iraniano

L'Iran fornirà all'Oman una quantità giornaliera di 28 milioni di metri cubi di gas naturale per 15 anni, attraverso una nuova pipeline che verrà realizzata nei fondali del Golfo Persico.

La scorsa settimana una delegazione  dell'Oman è giunta a Teheran per discutere con i funzionari iraniani la scelta di una società di consulenza, che avrà il compito di portare a termine gli studi di ingegneria di base su un nuovo gasdotto. Verranno anche approfondite le tematiche legate alla costruzione della seconda fase della condotta sottomarina.

I delegati dell'Oman hanno tenuto colloqui con un certo numero di aziende candidate alla realizzazione di studi di ingegneria sul gasdotto che collegherà la regione Kuh Mobarak , nella provincia di Hormozgan, in Iran, al porto di Oman’s Sohar su una distanza di circa 400 chilometri. Gli esperti dei due paesi sono stati in stretto contatto durante i mesi scorsi, sottolineando la ferma volontà di Oman e Iran nella finalizzazione del progetto.

Sembra che la svolta storica annunciato dalle potenze mondiali nei giorni scorsi sull'accordo quadro con l'Iran sul suo programma nucleare potrebbe avere implicazioni economiche estremamente benefiche per il Sultanato dell'Oman, una volta che le sanzioni internazionali saranno risolte, dicono gli esperti.

Il nuovo progetto del gasdotto sarà attuato in due fasi: la parte onshore  avrà un percorso di circa 200 km dalla regione del Rudan a Kuh Mobarak [entrambe in Iran], mentre la parte sottomarina, si prolungherà per quasi altri 200 km fino a collegarsi con  Kuh Mobaraknel, nel porto di Sohar, Oman. Secondo la pianificazione del progetto, gli studi di ingegneria sulle fasi onshore e offshore saranno svolti contemporaneamente al fine di evitare qualsiasi interruzione durante la sua attuazione.

Gli esperti di energia ritengono che il contratto di fornitura di gas tra Oman-Iran, ha il potenziale per posizionare il Sultanato come il fulcro di un cosiddetto 'corridoio' per la fornitura di gas naturale verso il sub-continente indiano via Mar Arabico.

Nel 2013, in un protocollo d'intesa tra Iran e Omam, il sultanato si è impegnato a importare annualmente circa 10 miliardi di metri cubi di gas iraniano per un periodo di 25 anni: un affare stimato in 60 miliardi di dollari. 

L'Iran, che detiene le più grandi riserve mondiali di gas, si propone di aumentare la produzione di gas aumentando gli investimenti esteri e nazionali, in particolare nel suo giacimento di gas di South Pars.

South Pars si estende su una superficie di 9.700 chilometri quadrati, 3.700 chilometri quadrati di cui nelle acque territoriali iraniane nel Golfo Persico. I restanti 6.000 chilometri quadrati si trovano nelle acque territoriali del Qatar.

E' stimato che il giacimento di South Pars può contenere una notevole quantità di gas naturale, che rappresenta circa l'otto per cento delle riserve mondiali.

Immagine: www.fourwinds10.net

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…