Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

El Nino: mercati in fibrillazione e la preoccupazione dell'Antartide

Immagine
L'andamento meteorologico di El Nino che ha investito il globo sta causando una serie di interruzioni, e in tutti i mercati sta creando alcuni chiari vincitori e vinti.

Gli analisti puntano sugli enti assicuratori e alcuni operatori agricoli come potenziali beneficiari, mentre gli agriturismo e i produttori di attrezzature potrebbero incontrare difficoltà.

Così i mercati, che misurano la forza di El Nino con altri parametri.

"El Nino Southern Oscillation," questo è il suo nome completo, è il riscaldamento e il raffreddamento dell'Oceano Pacifico dalla sua temperatura media, spesso con gravi condizioni atmosferiche come inondazioni e siccità. La Nina è la fase di raffreddamento, e El Niño è la fase di riscaldamento. L'attuale modello di El Nino dovrebbe essere uno dei più terribili degli ultimi decenni.

"In generale, un forte El Nino offre un eccesso di precipitazione in Argentina e nel sud del Brasile, e clima secco e arido nel sud-est asiatico e in Au…

Isole Spratlys: sale la tensione tra Stati Uniti e Cina

Immagine
Una nave da guerra ombra statunitense,a 12 miglia nautiche dal limite territoriale cinese nei pressi dell' arcipelago delle isole Spratly, sta facendo arrabbiare la Cina, che ha messo in guardia gli Stati Uniti.

La US Navy ha inviato nella barriera corallina artificialenelle isole del Mar Cinese Meridionale, la USS Lassen, un cacciatorpediniere lanciamissili. La disfida si tiene in una delle più trafficate vie marittime del mondo.

Un ufficiale della difesa Usa ha detto che la USS Lassen ha navigato in una zona a 12 miglia dalla Subi Reef e un altro ha aggiuntoche la missione è durata poche ore, e comprendeva anche la Mischief Reef,  la grande barriera corallinanelle isoleSpratlynel MarCinese Meridionale. La zona circostante la Mischief Reef, occupatae controllatada parte della Repubblicapopolare cinese, pare sia ricca digiacimenti di petrolio edi gasancorainesplorati. Questo avvicinamento alle contestate isole artificiali sarebbe stato il primo di una serie di esercizi di libe…

Una minaccia emergente nelle profondità oceaniche

Immagine
Oltre le preoccupazioni provenienti dal disastroso declino negli ecosistemi oceanici, ora in alto mare c'è un altra minaccia emergente. Mentre l'estrazione nelle acque poco profonde di sabbia, oro, stagno, diamanti è stata condotta per decenni, l'estrazione commerciale in alto mare deve ancora accadere (vedere QUI un altro post sull'argomento). Ma questo sta per cambiare.

Una vasta prospezione mineraria in alto mare è attualmente in corso nelle acque internazionali disciplinate dall'International Seabed Authority (ISA), ai sensi dellaU.N. Convention on Law of the Sea (UNCLOS), e nelle Exclusive Economic Zones (EEZ) di molte nazioni costiere.

Attualmente ci sono tre tipi principali di giacimenti minerari nelle acque profonde di grande interesse per l'industria e i governi:  

1.Noduli polimetallici(chiamati anche "noduli di manganesei") sono noduli di metallo delle dimensioni di patate che si trovano nella pianura abissale dai 4.000 ai 6.000 metri d…

L'uragano Patricia ha perso potenza

Immagine
Il temuto uragano Patricia è stato declassato a categoria 2 e nel corso della giornata si attende che si trasformerà in tempesta tropicale. Attualmente l'uragano soffia con venti di 155 chilometri l'ora rispetto ai 270 chilometri l'ora raggiunti quando ha toccato terra in Messico, vicino alla città di Cuixmala.

Al momento non si segnalano vittime. La protezione civile messicana invita comunque la popolazione a tenersi informata e a seguire le raccomandazioni. Inondazioni e smottamenti vengono segnalati lungo il suo cammino verso la parte più interna del paese.

Fonte: www.ansa.it

Immagine: www.repstatic.it


Messico: l'uragano Patricia, il più forte mai registrato nell' emisfero Occidentale

Immagine
Per i meteorologi l'uragano Patricia che sta infierendo sul Messico è un evento potenzialmente devastante e le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza.

Con venti sostenuti a 200 mph(320 kph) e raffiche ancora più potenti Patricia, secondo lo US National Hurricane Center, è l'uragano più forte mai registrato nell' emisfero Occidentale.Si prevede che l'uragano stasera toccherà lo stato messicano di Jalisco  raggiungendo la categoria 5, la massima, in grado di causare grandi distruzioni.

Il centro meteorologico di Miami ha avvertito di un "approdo potenzialmente catastrofico nel sud-ovest del Messico", punteggiato di villaggi e paesini di pescatori sbarrati in casa.

Patricia ha il potenziale di causare morte e una massiccia distruzione in una grande fetta della costa messicana del Pacifico, comprese le località turistiche di Puerto Vallarta e Acapulco.

Poche ore fa l'occhio dell'uragano Patricia era di circa 145 miglia (255 chilometri) a sud…

Artico: le trivellazioni offshore possono attendere

Immagine
Per coloro, come me, poco esperti del settore petrolifero, sembra il più brusco dei dietrofront. La Shell sembrava pronta a trivellare nell'Artico, ma poi si è tirata fuori dopo aver completato solo una esplorazione senza successo. E poi arriva l'amministrazione Obama e apparentemente chiude la porta alla compagnia, annullando due cessioni in leasing nell'Oceano Artico in programma per il 2016 e 2017.

Ciò ha reso entusiasta il mondo ambientalista, ma secondo gli osservatori del settore del petrolio i fatti potrebbero essere diversi da come sembrano. Essi suggeriscono che la difficoltà principale della perforazione offshore artica adesso è di natura economica: si tratta di uno sforzo costoso in un momento in cui i prezzi del petrolio sono bassi;  ma quando le condizioni economiche lo permetteranno, le imprese si cimenteranno in altri tentativi di perforazione offshore dell'Artico.

"Direi che tutti comprendono la falsa partenza, ma non hanno dato il massimo,&quo…

Amazzonia: la mattanza dei taglialegna sugli ambientalisti continua...

Immagine
Brutte news dal Brasile. Sembra che gli attivisti ambientali siano diventati una specie minacciata di estinzione.

Nel vasto Paese sudamericano, almeno 477 ambientalisti sono stati uccisi tra il 2002 e il 2014, la maggior parte di loro morti per la difesa della foresta pluviale.

Raimundo Santos Rodrigues è morto difendendo la foresta che tanto ha amato. E' accaduto un pomeriggio di fine agosto. Rodrigues e sua moglie erano sulla via di casa presso il Gurupi Biological Reserve, una riservabiologicanello Stato diMaranhão, quando due uomini sono usciti dalla fitta foresta e hanno iniziato a sparare, colpendo l'ambientalista e sua moglie. La loro moto è andata fuori controllo e si è schiantata.Gli assassini, dice il rapporto, si sono poi  avvicinati a Rodrigues, che aveva 12 pallottole in corpo, e lo hanno pugnalato con un machete. Sua moglie, Maria da Conceicao Chaves Lima, è sopravvissuta.

Rodrigues, 54 anni, stava proteggendo la foresta e la sua comunità, come aveva fatto per …

Sospette scie chimiche sui cieli di Cipro

Immagine
In un comunicato stampa il Cyprus Green Party(Partito verde della Repubblica di Cipro) ha sempre preso posizione ufficialmente contro l'irrorazione chimica (scie chimiche) e la geoingegneria.

Per un certo numero di anni, in parallelo con la mobilitazione internazionale per la riduzione dell'inquinamento industriale, in alcuni istituti scientifici di Stati Uniti, Gran Bretagna e altrove, la teoria del geoengineering è in fase di sviluppo. La geoingegneria ha a che fare specificamente con interventi nelle condizioni climatiche avvalendosi della tecnologia.

La versione più recente di geoengineering negli ultimi vent'anni si è sviluppato con tecniche che riducono gli effetti dei gas ad effetto serra sul clima del pianeta.

Nell'ambito della geoingeneria vari progetti vengono promossi, come, ad esempio, il noto progetto di irrorazione dell'aerea con particelle di alluminio e di bario che, per esempio, prendono l'aspetto di fitti sentieri in un cielo irrorato di s…

Nuvap N1: ii dispositivo che rivela i diversi tipi d'inquinamento in casa

Immagine
Si chiama NUVAP N1, ed è un dispositivo che consente di rilevare l'inquinamento da diversi tipi d'inquinamento in casa. Un'idea tutta italiana che tutela la salute all'interno della nostra casa.

"Ci siamo accorti 4 anni fa che studi scientifici dimostrano inequivocabilmente il collegamento tra l'esposizione a fonti d'inquinamento in casa a delle malattie anche gravi e su questo abbiamo ideato un prodotto estremamente semplice nell'utilizzo che potesse dare un dato semplice da capire per tutti.". Parole di Francesco Rapetti Mogol, del team di Nuvap, in un servizio del TG5 di Mediaset.

Il dispositivo consente di rilevare contemporaneamente 24 parametri ambientali: 24 differenti tipi d'inquinamento in qualunque luogo sia attivo, a partire dalla nostra casa.

Cio deriva da 4 anni di ricerca e innovazione di un team italiano (oltre 50 ingegneri) che hanno lavorato per lo sviluppo del prodotto.

Il Nuvap raccoglie tre brevetti di 4 università: dall&…

Una serra galleggiante potrebbe essere il futuro del nostro cibo

Immagine
Le visioni degli architetti per il futuro di solito assumono forme di utopie costose, su larga scala. La maggior parte di esse non vengono mai costruite, altre si trasformano rapidamente in cattedrali nel deserto, edifici decadenti in futuro che si voleva anticipare. Eppure un recente progetto sembra appartenere a una razza diversa.

Composto da un legno e una cupola di plastica e una base di fusti in plastica riciclata, la Jellyfish Barge è una serra galleggiante che desalinizza l'acqua di mare per irrigare e coltivare le piante. Imitando il fenomeno naturale del ciclo dell'acqua, un pannello solare situato vicino alla base della chiatta riscalda l'acqua salata o inquinata e la fa evaporare, trasformandola in 150 litri al giorno di acqua fresca e pulita.  

Questa acqua viene riciclata in un sistema idroponico, che consente le coltivazioni di crescere in un letto di argilla inerte arricchito con sostanze nutrienti minerali.

"E' possibile risparmiare il 70% di acqu…

Antartide: lo scenario climatico che desta grande preoccupazione

Immagine
Uno sguardo sul mondo che cambia oggi torna in Antartide, anche perchè è questo il luogo del pianeta dove sia le correnti oceaniche che le grandi piattaforme di ghiaccio sciolto che avanza, sono da considerare fattori più rilevanti per tentare di comprendere meglio i delicati meccanismi che muovono gli elementi della Natura e il cambiamento climatico.

Quando si parla di cambiamento climatico, l'Antartide è il luogo del pianeta che più desta preoccupazione, soprattutto a causa dell'enorme quantità di ghiaccio che contiene, sufficiente a causare, teoricamente, circa 200 feet (oltre 60 metri) di innalzamento del livello del mare, se si sciogliesse.

Lungi dal pensare che ciò accadrà presto.

Eppure, parti più piccole potrebbero essere destabilizzate, e capire come la calotta antartica reagirà ai futuri cambiamenti climatici è una grande priorità per gli scienziati.

Una chiave importante del problema è nello studio delle lastre di ghiaccio, che sono grandi, le piattaforme galleggi…

Pianeta Cina: sfida all'inquinamento

Immagine
In Cina l'inquinamento atmosferico uccide più di mezzo milione di persone ogni anno.
Lo scorso anno i corridori nella maratona internazionale di Pechino hanno dovuto indossare maschere anti-tossina contro il soffocamento causato da una foschia gialla, e regolarmente gli allarmi smog costringono a vietare la guida nelle città e, temporaneamente vengono chiuse le fabbriche. La sporcizia ha cominciato a provocare quello che le autorità cinesi temono di più: i disordini politici. Funzionari del partito comunista e imprenditori non sono felici per l'inquinamento che li sommerge. La Cina ha più di 50.000 manifestazioni ambientaliste all'anno, per lo più manifestazioni locali contro le fabbriche e gli impianti di incenerimento.

"Guardando le persone che indossano maschere anti-tossina nella capitale è piuttosto imbarazzante", dice Yun Gongmin, capo della China Huadian, una delle principali imprese statali energetiche.  "Nessuno vuole vivere in una città inqu…

Terrificanti animali e specie dell'altro mondo

Immagine
Per oggi, domenica, vi lascio da leggere un post scritto sul blog "the sundayblogspot.com" (o semplicemente "il post della domenica").

Ci sono milioni, forse miliardi di diversi tipi di animali e di specie. Sono tutti dotati di abilità speciali e caratteristiche che li aiutano a sopravvivere nel loro habitat. Gli esseri umani stanno ancora imparando a conoscere gli animali che vediamo tutti i giorni. Ci sono un sacco di creature che non conosciamo.  Parte della ragione per cui non sappiamo molto su di loro è perché sono terrificanti. Sia che si tratti del loro modo di guardare, o il loro modo di agire, questi animali probabilmente non saranno mai sulla lista di chiunque voglia un animale domestico.

Il Post della domenicave ne fa vedere tre, quattro. Gli altri potete vederli a questoLINK, sfogliando le immagini.
L'elenco che segue, tratto dal sitowww.4alltravelers.com vi mostrerà alcuni dei più terrificanti animali sulla terra e dove si trovano. Ad esempio si parla

Il NOAA prevede uno sbiancamento di massa dei coralli: ed è un segnale non bello

Immagine
Il mondo si trova ad affrontare uno sbiancamento di massa dei coralli che, secondo gli scienziati del clima, sarà pilotato dal riscaldamento degli effetti del fenomeno meteorologico di El Niño, il prossimo anno e non sarebbe potuto essere peggiore,  mettono in guardia gli scienziati.


Lo studio avverte che il disastro potrebbe interessare il 38% delle barriere coralline del mondo e distruggere 4.600 miglia quadrate (12.000 chilometri quadrati) di scogliera.

"Se le condizioni continuano a peggiorare, la Grande Barriera Corallina è impostato a subire lo sbiancamento diffuso e la successiva mortalità, " avverte uno scienziato.

Anche i coralli forniscono una protezione per le coste da tempeste e inondazioni. Anche se le barriere rappresentano meno dello 0,1% del fondo oceanico, sono di supporto per circa il 25% di tutte le specie marine, e mettono a rischio 500 milioni di persone e un reddito di 30 miliardi di dollari.

Secondo il National Oceanic and Atmospheric Administratio…

Energia solare: è in uscita la prima guida per la costruzione di concentratori solari

Immagine
Buone nuove dal mondo solare. Sull'argomento ne abbiamo parlato nel post "Là dove l'energia del sole rende felici" Ma il discorso intrapreso continua.

Solar Fire Concentration Oy annuncia l'uscita della prima guida per la per la costruzione di concentratori solari: la guida Sol1. Con la Campagna Crowdfunding #FreeTheSun (www.gosol.org/FreeTheSun) in atto, l'impresa finlandese vuole ampliare la propria visione dell'energia solare facendo partecipi gli imprenditori di tutto il mondo attraverso la propria piattaforma GoSol.org

Solar Fire ha sviluppato una tecnologia che riduce drasticamente il costo di accesso all'energia solare, ed ora sta rilasciando gratuitamente la prima guida di costruzione permettendo a chiunque di costruire, vendere e usare la loro tecnologia.

"Grazie al supporto di oltre 100 costruttori, sostenitori e appassionati del solare, siamo ora in grado di stimolare gli imprenditori a seguire i nostri passi e costruire il proprio…

NASA: il confine tra India e Pakistan si vede anche di notte

Immagine
Un astronauta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ha scattato una splendida immagine notturna del confine tra India e Pakistan. La foto mostra uno dei pochi posti al mondo dove un confine internazionale può essere visto di notte. L'astronauta ha utilizzato una  fotocamera digitale Nikon D4 con obiettivo 28 mm, fornito in dotazione dall' ISS Crew Earth Observations Facility and the Earth Science and Remote Sensing Unit, Johnson Space Center

L'astronauta che ha preso l'immagine stava guardando a nord attraverso la valle del fiume Indo del Pakistan. Lo scatto ha dato una chiara immagine di come India e Pakistan sono separati. I due paesi risultano essere separati da un sottile filo arancione, che segnala le luci di sicurezza sul confine.

L'immagine mostra anche uno scintillante porto a Karachi, sul Mare Arabico, il quale appare completamente nero. Le luci della città e il colore scuro della fitta vegetazione agricola a stretto contatto con la grande curv…

Chernobyl: senza la presenza umana la fauna selvatica prospera

Immagine
Finalmente una notizia che fa sorridere! Si vede che la non vicinanza all'uomo fa bene  alla fauna selvatica, come fa certamente bene ai cani, che senza la presenza umana diventano più intelligenti. Così asserisce uno studio pubblicato su Biology Letters da una ricercatrice dell'Università dell'Oregon.

Ma non è questo il punto.

Parliamo invece di Chernobyl e di come 30 anni dopo il drammatico incidente nucleare porti alla ribalta un fatto positivo in un luogo in cui la vita sembrerebbe improbabile.

In uno studio pubblicato ieri sulla rivista Current Biology, sembra che nelle 1600 miglia quadrate della Zona di contaminazione radioattiva, animali come alci, cinghiali, cervi, caprioli abbiano preso a prosperare.

"Quando gli esseri umani vengono rimossi, la natura fiorisce, anche sulla scia del più grave disastro nucleare del mondo", ha affermato Jim Smith, specialista in scienze della terra e dell'ambiente presso l'Università britannica di Portsmouth. "

World Bank: la povertà estrema scende al di sotto del 10 per cento

Immagine
Il numero di persone che vivono in estrema povertà, secondo la World Bank, scivola per la prima volta al di sotto del 10% della popolazione mondiale nel 2015.

Per le Nazioni Unite, in tutto il pianeta il numero di persone che vivono in estrema povertà è sceso di oltre la metà dal 1990, quando 1,9 miliardi di persone vivevano con meno di 1,25 dollari al giorno, rispetto agli 836 milioni nel 2015.

La povertà estrema, per molto tempo si è espressa con un tenore di vita al di sotto di 1,25 dollari al giorno, ma ora, per la Banca Mondiale, la soglia di povertà è stata portata a 1,90 dollari al giorno.

La Banca ha detto che la variazione riflette i nuovi dati sulle differenze nel costo della vita nei vari paesi, pur mantenendo il potere d'acquisto reale del metro precedente.

Utilizzando il nuovo punto di riferimento, nel 2015 la World Bank proietta verso condizioni di estrema povertà 702 milioni di persone, il 9,6% della popolazione mondiale, in calo da 902 milioni di persone del 2012…

Clima: anche l'India si è impegnata

Immagine
Anche l'India, dopo Stati Uniti e Cina, in vista del vertice delle Nazioni Unite a Parigi nel mese di dicembre, ha preso l'impegno di rallentare il tasso di crescita dei gas serra.

Il subcontinente indiano, terzo emettitore mondiale, ha promesso di tagliare un terzo della velocità con cui  emette gas a effetto serra nei prossimi 15 anni. Cio significa ridurre drasticamente il tasso di emissioni di anidride carbonica rispetto al prodotto interno lordo del 33-35 per cento entro il 2030 dai livelli del 2005.

Tutti i paesi sono tenuti a presentare i loro impegni nazionali di riduzione delle emissioni di carbonio oltre il 2020, noto anche come Intended Nationally Determined Contributions(INDC).  Questo documento é parte dell'esercizio concordato con i membri della convenzione lo scorso anno per delinearepubblicamente leazioni per il climapost-2020, che s'intende assumere. Questiimpegniandranno a determinare in gran parte in che modoilmondopuò raggiungereun pattoambiziosoa…

Il ricco mercato dell' e-waste

Immagine
Ne siamo testimoni ogni giorno: a casa, sul tram, in metro, in ufficio, ovunque... Tutti hanno un telefonino, uno smartphone, un tablet... L'oro e l'argento (e minerali delle terre rare) dei nostri rifiuti elettronici ha un valore di miliardi di dollari e probabilmente ci deve essere un sistema migliore che buttarli dalla finestra.

Grazie ad una crescente ossessione per i nuovi gadget, i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche è la categoria di rifiuti che sta crescendo più velocemente nel mondo. Ma quello che può sembrare un problema, é anche un'opportunità: se si sfrutta  efficacemente il materiale di vecchi telefoni e tablets, si può ottenere un nuovo miliardo di dollari per l'industria.

Una tonnellata di vecchie schede di circuito può contenere fino a 800 volte di più di una tonnellata d'oro e di minerali dagli smartphone inutilizzati, fatto nel modo giusto (cioè, non buttati in discariche non regolamentate) possono evitare i costi ambientali e s…