Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2016

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Finalmente il simpatico pinguino avrà il suo il suo regno personale nell'estremo sud del pianeta, in Antartide, assieme ad altri 10mila specie animali: foche, balene, uccelli marini, calamari giganti, merluzzi australiani che possono spaziare in 1550 mila km quadrati incontaminati nel mare di Ross, un'area  grande come metà della vecchia Europa.

Per i prossimi 35 anni questo enorme parco marino dovrebbe essere preservato e protetto. Con buona pace di paesi quali Giappone, Norvegia e Islanda, in questo angolo di mondo delimitato dal mare di Ross sarà interdetta la pesca e ogni forma di navigazione sconsiderata. 

Dopo 5 estenuanti anni di dibattiti, negoziati e veti di Russia e Cina poi superati, ventiquattro paesi e l'UE hanno concordato di creare il più grande parco marino del mondo nell'Oceano Antartico. L'accordo è stato raggiunto ad Hobart, in Tasmania. La  Conservation of Antarctic Marine Living Resources ha detto che il milione e mezzo di km quadrati del parco…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Rwanda: accordo globale sui gas di refrigerazione

Dopo sette anni di negoziati finalmente si è giunti ad un accordo globale sui gas di refrigerazione climalteranti siglati a a Kigali in Rwanda. Tutti i 197 paesi presenti hanno concordato di limitare l'uso degli idrofluorocarburi (Hfc), potentissimi gas serra usati nei freezer e nei condizionatori di aria. 

In base al compromesso ottenuto, i paesi sviluppati inizieranno entro il 2019 la prima fase.

La maggior parte dei paesi in via di sviluppo, tra cui Cina, seguiranno successivamente nel 2024 con un congelamento dei livelli di consumo del HFC e, successivamente, ne ridurranno l'uso. Alcuni paesi, tra cui l' India, hanno contrattato per ottenere il consumo del picco ancorato al 2028, guadagnando quattro anni in più.


I paesi sviluppati dovrebbero ridurre dell'85 per cento il loro utilizzo di queste sostanze chimiche dal 2036 sotto i livelli del periodo 2011-2013. 

Questi gas refrigeranti sono di breve durata in atmosfera, ma in sostanza causano un più elevato riscalda…

Una nuova vita per Guida e Maia nel primo Santuario degli elefanti in America Latina

Una vita meno grama per Guida e Maia nel primo Santuario degli elefanti in America Latina.

Dopo più di 40 annipassati in cattività e attraverso mille maltrattamenti sono stati finalmente liberati gli elefanti Guida e Maia. I due sono i primi ad essere ospitati nel primo Santuario degli elefanti in America Latina, inaugurato due giorni fa. 

I pachidermi sono giunti ​​nella zona di Chapada dos Guimaraes, una riserva naturale a 65 km da Cuiabà, capitale del Mato Grosso, lo Stato che ospita il complesso del Pantanal, la più  grande pianura allagabile del mondo, uno degli ambientipiù integri evari sututto il pianeta.E 'ancheuno degli ecosistemi piùimportanti del mondo.Il grandePantanalcomprendeuna grandevarietà difauna epaesaggi aperti,dai fiumi alle lagunecon i suoicaimani, iguane,uccelli acquatici, cervidi palude,anaconde,e incredibilipianuredi palma e laforesta tropicale secca, con le suescimmie,ragni,uccelli... Un luogo dalle sette meraviglie per questi due elefanti.

Guida e Maia ha…

I fondali oceanici e l'attività cinese

La Cina vuole arrivare prima a esplorare i fondali marini della Fossa delle Marianne. 

Secondo Tao Chunhui, uno dei principali oceanografi del paese e ricercatore presso l'Amministrazione statale oceanica, la Cina sta cercando nei fondali oceanici depositi di oro, argento, rame e zinco.

Energivoro all'infinita potenza il Paese del Dragone sta intensificando l'attività in una delle ultime frontiere della ricchezza minerale: i remoti fondali marini sdraiati per  chilometri sotto gli oceani Indiano e Pacifico. Numero UNO tra i consumatori e  importatore mondiale di minerali e metalli sta ora studiando le tecnologie di base del fondo marino mineraria nell'Oceano Indiano.

Vasti depositi di solfuro sul fondo del mare profondo 3.000 metri potrebbero contribuire alle forniture di metallo della Cina a lungo termine. I solfuri idrotermali vulcanicamente formati sul fondo del mare contengono rame, zinco e metalli preziosi, tra cui oro e argento. Essi si formano nelle sorgenti s…